QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Alta carica virale nell’aria espirata nei primi due giorni dopo l’infezione da SARS-CoV-2

Scienziati di KU Leuven, UZ Leuven e imec avvertono che qualcuno può essere contagioso nei primi due giorni dopo l’infezione, così come nei successivi, e che metà dei test antigenici in quella fase iniziale danno un risultato falso negativo.

In concreto, ciò significa che le persone infette possono diffondere il virus subito dopo l’infezione, anche se fanno un test rapido negativo. I risultati dello studio sono stati pubblicati come introduzione alla stampa e non sono ancora stati sottoposti a revisione paritaria.

Oggi, gli autotest (test rapidi dell’antigene con tamponi nasali poco profondi) sono ampiamente utilizzati come uno degli strumenti nella lotta alla diffusione della SARS-CoV-2. Consigliato a chiunque mostri sintomi di corona o per un incontro. Il test dell’antigene è meno sensibile del test PCR, ma si presumeva che i test rapidi fossero ancora alquanto affidabili durante il periodo in cui le persone sono più contagiose. Questa ipotesi si basava sui dati dei test PCR basati su tamponi nasali profondi, che hanno mostrato una carica virale inferiore all’inizio dell’infezione e quindi un minor rischio di infettare un’altra persona.

Un test veloce è comunque meglio di nessun test, ma un risultato negativo può dare un falso senso di sicurezza.

Uno studio clinico di IMEC, KU Leuven e UZ Leuven ora contraddice questa ipotesi. I risultati sono stati pubblicati come pubblicazione preliminare il 20 dicembre 2021 e non sono ancora stati sottoposti a revisione paritaria, ma i ricercatori vogliono rendere pubblici i loro risultati a beneficio della salute pubblica.

Studio clinico con un nuovo test del respiro

Nel loro studio, i ricercatori hanno utilizzato un nuovo test dell’etilometro sviluppato da IMEC. In questa tecnica, il test PCR viene eseguito su un campione di respiro piuttosto che su un campione ottenuto dopo un tampone nasale profondo. È la prima volta che uno studio longitudinale ha esaminato anche la carica virale nelle particelle dell’aria espirata.

READ  RTV Maastricht - Danni cerebrali visibili in una fase iniziale del rischio di demenza

Le persone nello studio erano 58 ad alto rischio. 11 di loro sono stati contagiati. Un campione di saliva, un campione di respiro e campioni di tamponi nasali sono stati prelevati giornalmente o due volte al giorno per due settimane.

I ricercatori hanno quindi confrontato la carica virale in diversi tipi di campioni. Entro i primi due giorni dopo l’infezione, la metà dei test rapidi dell’antigene dei soggetti ha dato risultati falsi negativi. Dal giorno 3, i risultati del test dell’antigene erano coerenti con quelli dei test PCR (sia quelli basati su tamponi nasali che campioni di respiro). Ma dove i test PCR convenzionali basati su tamponi nasali hanno mostrato una carica virale che ha iniziato a diminuire e ha iniziato ad aumentare entro i primi due giorni, secondo i test PCR su campioni di respiro, ha raggiunto il picco più velocemente e poi è diminuito gradualmente. La carica virale espirata è la prima indicazione che il virus può essere trasmesso facilmente subito dopo l’infezione.

I test rapidi forniscono una garanzia insufficiente di un incontro sicuro

Il professor Emmanuel Andre, microbiologo clinico presso KU Leuven/UZ Leuven e ricercatore capo dello studio: “Sapevamo già che gli aerosol svolgono un ruolo importante nella diffusione del virus, specialmente nelle aree scarsamente ventilate dove si radunano molte persone. Ora noi hanno anche scoperto che la gravidanza virale nell’aria espirata è già elevata in una fase iniziale dell’infezione, quando metà dei test dell’antigene mostrano un risultato falso in quel momento.

“I nostri risultati mostrano che un test rapido negativo subito prima di un incontro non garantisce che non si possa infettare nessuno, soprattutto se si è stati esposti solo di recente al virus. Un test rapido è comunque meglio di nessun test, ma un risultato negativo è possibile Dà un falso senso di sicurezza, quindi no Un test rapido negativo può sostituire la quarantena, soprattutto nei primi sette giorni dopo un contatto ad alto rischio.

READ  Riscoprire un farmaco potrebbe debellare la malattia di Lyme