QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Analisi del sangue come base per una diagnosi più rapida del cancro ai polmoni

Analisi del sangue come base per una diagnosi più rapida del cancro ai polmoni

Il piano di trattamento del cancro polmonare metastatico dipende, tra le altre cose, dalla presenza di alcune anomalie genetiche nel tumore. Con l'aiuto di un nuovo esame del sangue, nel 50% dei casi in cui si riscontra una mutazione in una biopsia del tumore, questa mutazione si ritrova anche nel sangue. Questo test rileva anche ulteriori mutazioni. Pertanto, la tecnologia sembra essere di grande importanza nel processo diagnostico per diagnosticare il cancro del polmone. La sua applicazione significa anche che il trattamento del paziente può iniziare più rapidamente.

Otto anni fa è iniziata la ricerca per verificare se il cancro ai polmoni potesse essere diagnosticato senza utilizzare biopsie polmonari Biopsia liquida. “Una biopsia polmonare è una procedura scomoda per il paziente”, afferma Volker Scharnhorst, capo del laboratorio clinico generale presso l'ospedale Katarina di Eindhoven e professore di chimica clinica presso l'Università della Tecnologia di Eindhoven. “Non è sempre possibile raccogliere abbastanza tessuto per l'analisi la prima volta, quindi il paziente deve sottoporsi nuovamente alla procedura.”

Da qui l'idea che sia possibile arrivare alla diagnosi anche attraverso l'analisi del sangue, utilizzando una biopsia liquida. “Era già noto che il DNA libero del feto circola nel sangue delle donne incinte”, afferma Scharnhorst. “Abbiamo pensato che se questo potesse essere utilizzato per la genotipizzazione fetale, dovrebbe essere possibile anche con il DNA mutato nel cancro del polmone”. Ciò riguarda in particolare le mutazioni nel DNA libero da cellule tumorali (ctDNA) e nei marcatori tumorali prodotti in concentrazioni relativamente elevate dalle cellule tumorali.

Studio dei marcatori polmonari

Questa idea ha costituito il punto di partenza per lo studio di Longmerker. La base per questo è stata gettata creando Reazione a catena della polimerasi digitale delle goccioline(ddPCR). Uno studio clinico, a cui hanno partecipato 6 ospedali, ha indagato cosa Il valore clinico della ddPCR nella diagnosi del cancro del polmone e se le informazioni provenienti dalle biopsie liquide possono essere utilizzate per diagnosticare e sottoclassificare il cancro del polmone.

READ  L'effetto dei farmaci (antitumorali) è spesso esagerato

“La ricerca in merito è continuata dal 2017 al 2021”, afferma Scharnhorst. “All’epoca, 1.100 pazienti con sospetto cancro ai polmoni furono inclusi per ulteriori prelievi di sangue”. Il sangue è stato utilizzato per individuare potenziali mutazioni del driver utilizzando ctDNA-ddPCR EGFR, Si gratta E Braff Tenere traccia di. I risultati lo hanno dimostrato sincero Rilevare la mutazione in questo modo ha in realtà un ulteriore valore diagnostico. Il numero di mutazioni riscontrate è stato aumentato del 17% utilizzando ctDNA-ddPCR e, se negativo, tDNA NGS. È stato inoltre dimostrato che la ctDNA-ddPCR rendeva la tDNA-NGS non necessaria nel 40% dei casi. “Si tratta di una scoperta importante”, afferma Scharnhorst, “perché mentre il tempo di consegna per tDNA-NGS è in media di due settimane, i risultati per tDNA-ddPCR sono spesso disponibili entro un giorno. Ciò significa che i test saranno completati entro 3 giorni i risultati possono già essere sviluppati.” Il piano di trattamento consente al paziente di risparmiare molto tempo.”

Lo studio sui marcatori polmonari ha inoltre valutato se i marcatori proteici CA125, CA15.3, CEA, CYFRA 21-1, HE4 NSE, ProGRP e SCCA potessero essere utilizzati per differenziare tra cancro polmonare non a piccole cellule e cancro polmonare a piccole cellule (NSCLC e SCLC ) sottotipi. rispettivamente). A tal fine, le informazioni provenienti dalle biopsie liquide sono state incorporate negli algoritmi di supporto alle decisioni. “Si scopre che questo è effettivamente possibile”, afferma Scharnhorst. “Siamo stati in grado di identificare due terzi dei pazienti con NSCLC e il 50% dei pazienti con NSCLC utilizzando gli algoritmi.”

Segno polmonare 2

Come follow-up è stato recentemente avviato lo studio Lungmerker 2. Ciò affronta la questione di quali marcatori possono essere controllati per le cellule tumorali circolanti. Ciò viene fatto in collaborazione con l'Università di Tecnologia di Eindhoven e il Maxima Medical Center presso il Centro di competenza di chimica clinica di Eindhoven. Il Lung Markers Group esaminerà retrospettivamente se l'integrazione dei risultati della TC porta a un ulteriore miglioramento degli algoritmi di supporto alle decisioni.

READ  Nuova ricerca sulla massima funzionalità polmonare nei giovani adulti

Viene inoltre esaminata la questione se sia possibile prevedere la risposta iniziale del tumore subito dopo l'inizio del trattamento e la risposta del tumore 6 mesi dopo il primo trattamento. Se ciò fosse effettivamente possibile, potrebbe significare che i pazienti che non rispondono al trattamento vengono rapidamente identificati e quindi passati rapidamente a un altro trattamento.

Differenze nel tempo alla diagnosi

Secondo le linee guida, i pazienti dovrebbero ricevere una diagnosi definitiva entro 5 settimane. Studi recenti1 Lo studio Lungmerker mostra che questo periodo viene effettivamente raggiunto nella maggior parte dei pazienti. Ma nei pazienti Fase iniziale Per i pazienti senza cancro ai polmoni, ci è voluto molto più tempo rispetto a quelli per il cancro ai polmoni avanzato e in alcuni casi sono state necessarie anche più procedure di biopsia.

“Ci sono diverse ragioni per queste differenze”, afferma Scharnhorst. “Se c’è un cancro metastatico, significa che c’è più materiale canceroso. In una fase iniziale, non è sempre possibile eseguire una biopsia con successo oppure si esegue immediatamente un intervento chirurgico e si invia il materiale chirurgico per la preparazione in sala operatoria più lungo di una biopsia in sala operatoria Trattamento: in caso di una macchia inspiegabile sul polmone, la diagnosi viene fatta di cancro ai polmoni solo se il substrato non viene trovato ripetutamente.

Determinare la posizione

Lo studio ha concluso che le nuove tecnologie come la biopsia liquida e l’intelligenza artificiale possono portare a una cura tempestiva del cancro del polmone, a procedure meno invasive e a una minore variabilità nel processo diagnostico per diversi pazienti, e quindi possono svolgere un ruolo positivo nel raggiungimento del recupero completo. Migliore prognosi finale per tutti i pazienti.

READ  Dal 3 maggio: sito di iniezione di GGD per HPV e Corona nell'Haegse Huus

“La posizione attuale nelle linee guida è che l'analisi del ctDNA può essere utilizzata per creare un piano di trattamento”, afferma Scharnhorst. Ma ci sono obiezioni pratiche. Innanzitutto è una tecnologia complessa. La sua applicazione richiede un laboratorio con strutture adeguate: attrezzature dedicate con le quali il team deve acquisire esperienza. Richiede anche la conoscenza della materia da parte dei patologi. Ma a parte questo occorre raggiungere accordi anche sul rimborso dei costi. Quest’ultimo è ancora un problema, perché le casse malati tendono a non spendere soldi per questo. Tuttavia, ci sono certamente ragioni sufficienti per utilizzarla come prima tecnica molecolare standard. Costa denaro, ma questi costi non sono nulla in confronto ai costi del trattamento dei pazienti affetti da cancro ai polmoni. Inoltre, come ho detto prima, si risparmiano molte ricerche complicate e si accelera il processo di diagnosi e di sviluppo di un piano di trattamento. “È davvero giunto il momento di affrontarlo in modo più ampio.”

Questa intervista è apparsa in MedNet Oncologia – Speciale sul cancro al polmone 2024. Questi articoli sono apparsi anche nella rivista speciale Lung Cancer:

  • L’alectinib adiuvante migliora la DFS, ma il suo effetto sull’OS rimane poco chiaro
  • Poziotinib: moderatamente efficace ma altamente tossico
  • Crescente interesse per le malattie polmonari legate al lavoro
  • Terapia inalatoria contro il cancro al polmone
  • Trattamento del cancro al polmone con nanoparticelle
  • Tarlatamab nel trattamento del carcinoma polmonare a piccole cellule precedentemente trattato

riferimento:

  1. Genette S, Visser E, Youssef Al-Soud M, et al. Punti di forza e sfide nell'attuale cura del cancro al polmone: tempestività delle procedure diagnostiche in sei ospedali olandesi. Cancro ai polmoni. 2024;189:107477.