QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Aspetto.  Eric Ten Hag dopo la nona sconfitta in diciassette partite con il Manchester United: “Questo non ha niente a che fare con il calcio” |  Champions League

Aspetto. Eric Ten Hag dopo la nona sconfitta in diciassette partite con il Manchester United: “Questo non ha niente a che fare con il calcio” | Champions League

Terza sconfitta in quattro partite di Champions League per il Manchester United. Recentemente nel Gruppo A. In combinazione con l’ottavo posto in Premier League, Erik ten Hag si sta scaldando sotto i piedi. L’allenatore olandese si è arrabbiato con la tecnologia del video assistente arbitrale a Copenaghen e ha sottolineato il cartellino rosso “pesante” per Rashford e due gol prima della fine del primo tempo che “dovevano essere annullati”.

Aspetto. Rosso per Rashford nell’avvincente match tra Copenhagen e Manchester United

“Il teatro dei tuoi incubi”, recitava una grande bandiera nella sezione locale del club di Copenaghen poco prima del calcio d’inizio. Stava diventando un incubo per United e Ten Hag al Parkin Stadium. Hanno perso 4–3 nonostante fossero in vantaggio per 0–2 dopo i due gol di Hoglund. Ma al 42 ‘, Rashford ha ricevuto un discutibile cartellino rosso diretto e prima della fine del primo tempo il punteggio era di nuovo in parità.

Rashford è sfortunato con la caviglia di Gellert. ©VTM

Durante un’azione offensiva, Rashford ha accidentalmente calciato la gamba di Gellert, dopodiché è stato espulso dal campo dall’arbitro Donatas Ramsas dopo l’intervento del VAR. “Hai un orologio”, ha risposto Ten Hag quando gli è stata posta una domanda sull’argomento. “Arbitraggio molto pesante. Rashford è andato sulla palla e l’arbitro ha avuto bisogno di molto tempo per prendere una decisione. Quando vedi una foto come questa così tardi, sembra sempre molto peggio. Poi quei due gol veloci: il primo era in fuorigioco – il giocatore di casa era proprio davanti a Onana – ed è stato il calcio di rigore che si è concluso con un 2-2 molto discutibile.

READ  Kafka nel paese del calcio? Eupen vuole rivincita contro il Gent nonostante un apparente errore di spinta della Jupiler Pro League

Rosso per Rashford.
Rosso per Rashford. © Agenzia France-Presse

“Decisioni che mi rendono triste. Questo non c’entra niente con il calcio. Bisogna prendere delle decisioni e si può prendere una decisione sbagliata, ma tre di fila contro di noi in pochi minuti? Speriamo che le cose prima o poi vadano bene”. … La stagione è lunga.

Agenzia di stampa francese
© Agenzia France-Presse

Lo United ha perso 9 delle ultime 17 partite in tutte le competizioni. Per mantenere il posto nel torneo ora dovrà battere il Galatasaray a Istanbul, e poi quasi sicuramente il Bayern Monaco, già qualificato. “La delusione è enorme perché siamo partiti bene. In quella fase iniziale abbiamo giocato i minuti più belli della nostra stagione. Anche in dieci la Away ha ancora il controllo. Non abbiamo fatto tutto bene, ma abbiamo fatto tanto. Ten Hag non si lascia prendere dal panico: “Questa squadra ha carattere. Le decisioni sono state contro di noi per tutta la stagione, ma abbiamo sempre dimostrato la giusta mentalità e continueremo a dimostrarlo”.

Scholes: “Dalot dormiva”

La leggenda del club e attuale analista Paul Scholes è considerato più importante. “D’accordo, lo United ha mostrato la sua resilienza dopo quei tre rapidi attacchi”, ha detto a TNT Sports. “Penso che il cartellino rosso per Rashford fosse ingiustificato. Ma non puoi segnare due gol così velocemente in una partita due volte. Quando ha subito il terzo gol, Dalot stava dormendo. Deve essere consapevole di dove si trova il suo avversario”.

READ  I Draghi Rossi vedono infranto il sogno olimpico dopo la drammatica sconfitta contro la Bulgaria | Drago rosso
Dalot in un duello con l'attaccante norvegese Mohamed Elyounoussi.
Dalot in un duello con l’attaccante norvegese Mohamed Elyounoussi. © Agenzia France-Presse

Penso soprattutto che manchino di un vero leader. Mentre alle undici avevano ancora Maguire e Varane (che ha sostituito l’infortunato Evans al quarto d’ora, ndr). Molta esperienza. Poi devi poter dire dopo aver subito un gol: ‘Va bene, andiamo, prendiamocela con calma adesso così non prendiamo subito un altro gol’. Ma non vedo quella leadership o quell’organizzazione. E così alla fine hanno pagato il prezzo più alto.

Per Scholes il licenziamento di Ten Hag non è necessario nell’immediato. “Sento che non c’è ancora molta pressione su Ten Hag. Ha avuto un buon anno e questo gli ha fatto guadagnare tempo. È sfortunato, ma nove sconfitte in diciassette partite non sono sufficienti. Il Manchester United ha già licenziato allenatori, ma” Non penso che possano continuare a farlo”.

Paolo Scholes.
Paolo Scholes. © TNT Sport

Dramma per il Manchester United: gli inglesi sono all’ultimo posto nel girone dopo la clamorosa sconfitta contro il Copenhagen, capolista del girone, il Bayern