QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Attila Walter: “Cian Uijtdebroeks non ha idea da dove provengano le voci sul bullismo”

Attila Walter: “Cian Uijtdebroeks non ha idea da dove provengano le voci sul bullismo”

Mercoledì 17 gennaio 2024 alle 11:36

Dopo una lunga serie TV, BORA-hansgrohe e Visma | Lease a Bike ha raggiunto un accordo per il trasferimento di Cian Uijtdebroeks. Uno dei motivi convincenti per cui il belga ha lasciato la squadra tedesca è che è stato vittima di bullismo. Secondo il collega Attila Walter le cose stanno diversamente.

Parla l'eroe ungherese Eurosport Sul suo nuovo compagno di squadra Uijtdebroeks. “Sian ci ha detto che semplicemente non si sentiva bene con BORA-hansgrohe. Non aveva idea da dove provenissero le voci sul bullismo e sul gruppo WhatsApp. Ha detto che non aveva importanza. Non capiva come fossero arrivati ​​i giornalisti basta.”

Secondo Algemeen Dagblad, Uijtdebroeks è stato vittima di bullismo da parte della sua ex squadra. “Diverse fonti dicono che Uijtdebroeks era un outsider alla BORA”, ha detto Thijs Zonneveld nel podcast In het Wiel. “Era trattato come una specie di nerd dagli altri piloti, ma anche dai team leader. Era perché era troppo fanatico su certe cose. Stava soppesando la sua dieta e non pensava che la sua moto di prova fosse abbastanza dinamica .” Non pensava che i suoi vestiti fossero abbastanza belli, così comprò lui stesso dei calzini diversi.

“Pensavano che fosse molto bigotto. Era come qualcuno al liceo che aveva preso una A perché era un bravo studente, e poi gli era stato detto: 'Oh, hai preso di nuovo una A?!'” Era vittima di bullismo. Ad esempio “Durante la Vuelta c'era anche un gruppo sull'app 'Anti-Cian', senza che lui ne fosse membro, così potevano spettegolare su di lui. È davvero molto infantile. “Non si sentiva affatto a suo agio in questa squadra”, Zonneveld disse.

READ  Panoramica della tazza di schizzo. Anversa si qualifica dopo la sconfitta contro lo Charleroi - Franken e compagni con il sedere in mostra a Ostenda: “Il Genk non è degno” | Tazza di schizzo

Ciò ha portato ad una controreazione da parte del campo di Bora-Hansgrohe. Il direttore sportivo Bernhard Eisele afferma che non è vero che Uijtdebroeks sia stato vittima di bullismo durante la Vuelta a España. “Posso negarlo con certezza al 100%. Certamente non è stato così.”