QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Avvocato italiano per i diritti dei migranti rovesciato dopo che la moglie sembra aver sfruttato gli immigrati clandestini

© REUTERS

Aboubakar Soumahoro, 42 anni, è noto in Italia come un schietto difensore dei migranti e ha iniziato la sua carriera come leader di sinistra il mese scorso come membro del parlamento. Ma è stato costretto a lasciare il partito giovedì dopo che la sua stessa famiglia è stata accusata di sfruttamento dei migranti e cattiva gestione delle risorse finanziarie.

Con stivali di gomma incrostati di fango, Saumahoro è entrato nel parlamento italiano il primo giorno di un mese fa. “Simbolo di sofferenza e speranza della vera Italia”, ha dichiarato. L’uomo è nato in Costa d’Avorio ma si è trasferito in Italia nel 1999. Lì ha lavorato per diversi anni nei campi e in una stazione di servizio prima di ottenere la cittadinanza italiana. Per anni si è schierato come attivista sindacale per immigrati clandestini senza diritti. Ad esempio, una volta si è incatenato e ha iniziato uno sciopero della fame.

A settembre è stato eletto politico per Alianza Verdi e Sinistra, un partito politico di sinistra in Italia. Rappresenterà gli oppressi nel paese, per lo più immigrati, ha detto.

Tempesta mediatica

Ma ora l’uomo è finito in una vera bufera mediatica perché la moglie e la madre avrebbero sfruttato gli immigrati con le loro aziende. Da anni non pagano i loro braccianti agricoli e li fanno lavorare in condizioni terribili. Anche i fondi sono mal gestiti.

Soumahoro nega qualsiasi illecito da parte sua o dei suoi parenti. “La mia vita è stata dedicata alla lotta contro ogni forma di sfruttamento. Mi vuoi morto. Sono una persona pura”, ha detto. A causa delle indagini contro di lui e la sua famiglia, ha deciso di lasciare il suo partito, ma ha mantenuto la carica di membro del Parlamento.

(sgg)

READ  Tornano sul mercato i primi mandarini Valley Gold italiani