QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Burnleaf deve aver avuto una rivista ADD – Univers

Burnleaf deve aver avuto una rivista ADD – Univers

Problemi di memoria, comportamento goffo e distratto. No, la giornalista Judith Zijdenbos non soffre di demenza, ma a volte sembra più o meno la stessa. “Sarebbe un peccato se venissi messo in un istituto solo perché ho una cattiva memoria.”

Judith Zijdenbos. Foto di Tun Tomin

Dopo aver fatto la doccia, tagliato i capelli (non sottovalutare l'importanza di questo processo con i ricci) e truccato, mi sono avvicinato al bancone per preparare la colazione. Come al solito, il menu prevede una tazza di tè verde, una ciotola di yogurt di soia con un ciuffo di fiocchi d'avena e una manciata di uva. Accendo il bollitore e aggiungo i tre ingredienti nella ciotola. UN A prova di mattina Processo che pensi. Ho anche versato l'acqua bollente del bollitore sul vasetto dello yogurt con un fiocco delicato.

Ho dato una rapida occhiata al danno, ho rimosso con attenzione la pozza d'acqua dalla mia colazione e ho iniziato a mangiarla come se nulla fosse successo. Essendo una persona affetta da disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD-I) (comunemente chiamata persona ADD), questi tipi di buffonate non erano una novità.

Dopo una colazione abbondante, corsi all'università per tenere una conferenza sulla letteratura olandese. Forse il destino ha voluto dirmi qualcosa, perché abbiamo discusso di quella conferenza sulla Chimera che ha tenuto Burnleaf. Chimeras è un libro che descrive la vita con la demenza così bene che molti lettori non crederebbero che lo stesso Burnleaf non soffrisse di demenza.

Non del tutto a caso, durante la conferenza ho pensato a mio padre che, dopo una mia stupidità, qualche tempo fa mi aveva detto: “In una casa si mette la gente per meno, Judith”. E aveva ragione. Le mie prestazioni attuali non sono inferiori a quelle della maggior parte delle persone con demenza precoce.

READ  I pesticidi sono innocui? Portano a più leucemia nei bambini in Brasile

Per rafforzare questa affermazione, ho eseguito un quiz sul sito web di Alzheimer's Netherlands come parte della “ricerca sul campo”. Potrò essere distratto, ma rimarrò scientificamente preparato. Con un punteggio di 70 su 100, l'Alzheimer olandese non poteva negare che “ho problemi con la memoria”. Fortunatamente, il sito web mi ha ricordato che probabilmente si trattava di un problema diverso perché avevo meno di 64 anni. Guadagni inaspettati.

Ho deciso di condividere la mia ricerca sul campo con il mio amico. Sarebbe un peccato se venissi collocato ingiustamente in un istituto perché ho semplicemente una scarsa memoria, piuttosto che una demenza. È meglio finirla per allora.

Esiste una generazione a cui non è stata diagnosticata l'ADD e pertanto non è mai stata diagnosticata. Jill non poteva parlare al suo amico del suo disturbo da deficit di attenzione prima che questi avesse quasi 65 anni. Una generazione a cui talvolta viene erroneamente detto che soffre di demenza.

Forse gli “adesivi adesivi” non sono poi così male. Burnleaf potrebbe anche aver sofferto di disturbo da deficit di attenzione (ADD). In tal caso, posso sempre scrivere sulla demenza più tardi. Come già faccio in questa rubrica.