QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Nel 2023 a più di mille frisoni verrà diagnosticato un cancro alla pelle;  La nuova campagna GGD dovrebbe ridurre significativamente questo numero

Nel 2023 a più di mille frisoni verrà diagnosticato un cancro alla pelle; La nuova campagna GGD dovrebbe ridurre significativamente questo numero

– Ridotta incidenza del cancro della pelle. Questo è lo scopo della nuova campagna lanciata da GGD Fryslân, che mira a sensibilizzare soprattutto i giovani sui pericoli delle radiazioni solari. A partire da Súdwest-Fryslân, De Fryske Marren e Smallingerland. Evitare, applicare e indossare indumenti è il consiglio.

Ogni anno nei Paesi Bassi viene diagnosticato un cancro alla pelle a 83.300 persone. In Frisia lo scorso anno erano 1.117, quasi il doppio rispetto al 2013 (674). Questo tipo di cancro, causato dall’esposizione alle radiazioni ultraviolette, è più comune nelle zone costiere. Secondo i dati, anche il Sudovest della Frisia ha il 25% di diagnosi in più rispetto alla media nazionale Atlante olandese del cancro .

Da uno Dipinto di GGD Fryslân L'anno scorso è emerso chiaramente che gran parte dei frisoni non si protegge adeguatamente dal sole. Molte più persone possono proteggersi restando al riparo dal sole tra le 12 e le 16, indossando indumenti resistenti ai raggi UV e utilizzando regolarmente una (buona) protezione solare.

GGD Fryslân lancia quindi questo mese il progetto “Sano in Fryslân” nel Súdwest-Fryslân, De Fryske Marren e Smallingerland. Questi comuni sono stati scelti perché qui i casi di cancro della pelle si verificano più che altrove. Il Servizio Sanitario vuole proteggere meglio i residenti (i giovani) dal cancro della pelle attraverso azioni concrete.

Dispenser di creme solari

Il progetto si concentra su tre pilastri: una protezione efficace dai dannosi raggi UV nelle scuole, nei club sportivi, nelle piscine e negli asili nido, una campagna di sensibilizzazione e l'inclusione della protezione UV nelle politiche.

Il responsabile del progetto Joost de Bruyne: “Creeremo aree ombreggiate e collocheremo distributori di protezione solare nei luoghi frequentati da molti giovani, come scuole, asili nido, club sportivi, piscine all'aperto e spiagge. Osserviamo ciò che è necessario a livello locale e dove “Abbiamo bisogno di bugie. Una scuola elementare ha preferenze diverse rispetto a una società sportiva. L'obiettivo è attuare ogni anno dodici nuove misure preventive per comune. A questo scopo vengono messi a disposizione 18.000 euro all'anno.

READ  Tuta con testo a favore della vaccinazione, venduta da VVD

Ci sarà anche una campagna nelle scuole, negli asili nido e nei club sportivi per promuovere comportamenti che proteggano dai raggi UV, poiché il comportamento esposto al sole è uno dei maggiori fattori di rischio per lo sviluppo del cancro della pelle più avanti nella vita. Vengono sottolineati tre punti importanti: cercare l'ombra, indossare indumenti protettivi e applicare regolarmente una protezione solare con un fattore almeno 30. In altre parole: stai lontano, vestiti bene e usa la protezione solare. La campagna è promossa in occasione di eventi estivi.

La protezione solare in politica

Infine, il GGD vuole includere la protezione solare e la sensibilizzazione nella politica dei comuni, delle scuole e, ad esempio, delle organizzazioni per l'infanzia. Si sta studiando se una politica di protezione dai raggi UV potrebbe diventare un argomento locale nell'ambito dei programmi esistenti “Scuola sana” e “Assistenza infantile sana”.

Proteggendo i giovani residenti e insegnando loro un buon comportamento al sole, il progetto dovrebbe portare in futuro a una diminuzione del numero di casi di cancro della pelle.

GGD Fryslân è una delle dieci organizzazioni sanitarie nei Paesi Bassi che hanno ricevuto il sostegno di KWF Kankerbestrijding per questo progetto. L'importo ammonta a 526.350 euro per il periodo dal 2024 al 2027. Ciò include la nomina di un responsabile del progetto in ciascun comune.

Fatti e miti sulla protezione solare

Fatto: la protezione solare economica è altrettanto valida quanto quella delle marche costose

corretto. Qualunque sia il prezzo della tua crema solare, garantisce la stessa protezione. La differenza sta spesso negli extra che lo circondano. I fattori protettivi hanno lo stesso significato ovunque nel mondo.

READ  Vaccinazione Corona per i bambini sotto i 12 anni dal 18 gennaio

Mito: il fattore 50 non ti abbronza

questo non è vero. Il fattore influenza quanto tempo puoi trascorrere al sole senza scottarti. Garantisce che i raggi UV siano meno dannosi. La pelle si abbronza, ma non si brucia.

Mito: basta applicarlo una volta al giorno

questo non è vero. Il numero di volte in cui dovresti applicarlo varia da persona a persona. Ha a che fare con il tipo di pelle, la forza del sole in quel momento e cosa stai facendo al sole. Hai nuotato, sudato o asciugato? Quindi devi applicare nuovamente la crema.

Mito: la protezione solare provoca il cancro

questo non è vero. Secondo la legislazione europea i cosmetici non possono contenere sostanze cancerogene. Pertanto, le creme solari e altri cosmetici sono soggetti a severi requisiti di sicurezza. Oltre alla legislazione europea, esiste un controllo aggiuntivo sui materiali utilizzati nei cosmetici come le creme solari.

Fatto: la protezione solare non dura per anni

corretto. Non è possibile conservare la protezione solare a tempo indeterminato. Dopo l'apertura è possibile utilizzarlo fino a 12 mesi. Dopo aver aperto la confezione o essere stati in luoghi caldi, il fattore di protezione (SPF) potrebbe diminuire. (Fonte: KWF)