QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Cameron Vandenbroucke si sorprende alla 20km di Bruxelles: “Il mio prossimo obiettivo è battere Tim (Merlier)”

Cameron Vandenbroucke si sorprende alla 20km di Bruxelles: “Il mio prossimo obiettivo è battere Tim (Merlier)”

Il giorno in cui Tim Merlier ha corso per la sua terza vittoria di tappa al Giro, la sua ragazza Cameron Vandenbroucke ha corso un buon tempo su un percorso di 20 km attraverso Bruxelles. “Il mio prossimo obiettivo è battere Tim nella Ploegsteert Street Race.”

“Spero che Tim sia orgoglioso di me.”

Cameron Vandenbroucke, 25 anni, è stato uno dei 45.000 coraggiosi corridori che domenica hanno sfidato una pioggia torrenziale e un duro percorso di 20 km attraverso Bruxelles.

E come: la figlia dell’ex ciclista Frank Vandenbroucke è arrivata al Parco del Cinquanteniere dopo 1 ora, 22 minuti e 02 minuti. Poco meno di 15 km/h.

“Mi alleno solo da 3 mesi e non ho mai corso una distanza così lunga prima. È andata meglio del previsto.”

I talenti più in vista tra i giovani

Nella sua giovinezza, Vandenbroucke sembrava destinata a una grande carriera nell’atletica.

“Ho vinto tanti titoli nel cross country, su pista e indoor. Gli 800 metri in particolare erano i miei preferiti quando avevo 16 anni, correvo quasi contemporaneamente a Elise Vanderlest, la migliore belga della mia categoria.”

Ma una collisione durante l’allenamento ha rovinato la sua carriera atletica.

“Stavo camminando con mio cugino che era un po’ dietro di me. Quando mi sono voltato, stavo camminando un po’ più avanti ed è arrivata una macchina.”

“Sono stato investito da un’auto e mi sono rotto la caviglia.”

Ho sempre amato correre. Le corse non erano la mia cosa preferita.

Cameron Vandenbroucke

Dopo l’intervento chirurgico e la riabilitazione, Vandenbroucke ha provato a riprendere a camminare più volte.

READ  Brian Rimmer parla chiaro del dramma dell'Anderlecht: "È vero!" | Calcio24

“Ma dopo un mese o due mi sono infortunato. Poi ho iniziato a correre, ma non era il mio genere.”

Ma un anno dopo la nascita del figlio Jules, le cose iniziarono di nuovo a peggiorare. “Non mi sono allenato per un po’ e avevo voglia di correre di nuovo per le strade.”

Vandenbroucke è cautamente ambizioso. “Mi piacerebbe correre i 3000 metri sulla pista di Waregem ad agosto. Mi piacerebbe anche partecipare ai Campionati Belgi a Lokeren e divertirmi lì.”

A lungo termine, il partner Tim Merlier spera di rimanere senza infortuni e di aumentare i suoi chilometri di allenamento.

“Poi tra qualche anno potrei competere per le medaglie ai Campionati belgi. Anche se non so se sarà possibile. Ma corro sempre e sento che la condizione di base non è scomparsa”.

Cameron Vandenbroucke si allena con Tim Merlier e Damien Touzet.

Cameron Vandenbroucke si allena con Tim Merlier e Damien Touzet.

Scommetti con Merlier e Van Lerberghe

Durante i suoi tour, Vandenbroucke è talvolta accompagnata dal suo partner Tim Merlier. All’inizio rimase un po’ sorpresa.

“All’inizio, quando eravamo insieme, camminavo sempre 100 metri davanti a Tim. Tuttavia camminavo facilmente”, ride Vandenbroucke. “Ho pensato: non puoi davvero camminare adesso?”

Ma Merlier non si è presentato e ha sorpreso la sua ragazza sei mesi fa ad un torneo di souvenir a Ploegsteert. Una corsa su strada organizzata dai nonni di Cameron.

“Tim ha poi preso parte a una corsa di 8 km con (compagno di squadra e pilota) Bert van Lerbergh. Ha corso 3’45” per chilometro. “Bella media.”

Vandenbroucke rimase colpito e accettò una scommessa. “Ho detto a Tim: ‘L’anno prossimo correrò anche a Ploegsteert e finirò davanti a te.’”

READ  Louis Vervaeck: "Mi rendo conto che la classifica sta diventando più difficile". Jiro

“Se continuo ad allenarmi in questo modo, avrò sicuramente successo. Tim sarà in grado di adattarsi rapidamente. Ma Bert (van Lerbergh) non sarà in grado di gestirlo”, ha riso Cameron.

Imparentato: