QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Centinaia di aziende se ne sono andate, ma il produttore di sigarette Marlboro rimane attivo in Russia |  al di fuori

Centinaia di aziende se ne sono andate, ma il produttore di sigarette Marlboro rimane attivo in Russia | al di fuori

L’amministratore delegato Jacek Olczak ha dichiarato al quotidiano economico britannico Financial Times che era improbabile che il produttore di sigarette Philip Morris avrebbe mai lasciato la Russia. Il produttore di Marlboro e L&M, tra gli altri, cita il motivo per cui la vendita della sua attività in Russia sarebbe a scapito del denaro degli azionisti. “È mio dovere recuperare i soldi degli azionisti”.

Lo scorso marzo, Philip Morris ha dichiarato di voler lasciare il mercato russo a causa della guerra in Ucraina. Il produttore ha provato a vendere le sue attività nel Paese, ma il CEO ora chiede al Financial Times di farlo solo se la perdita finanziaria sarà limitata. Non è stato possibile trovare un acquirente adatto, motivo per cui Philip Morris preferisce mantenere le attività per sé, secondo il CEO.

Prima della guerra, l’azienda realizzava circa il 6% del suo fatturato annuo in Russia. Il paese è il quarto mercato mondiale del tabacco per volume, con un valore stimato di oltre 16 miliardi di euro all’anno. In precedenza, il produttore britannico di tabacco Imperial Brands, insieme a marchi di sigarette come Gauloises, West e Davidoff, aveva interrotto le sue attività in Russia.

Clausola di riscatto

Olczak ha anche affermato che se riesce a trovare un acquirente, “probabilmente” vorrà includere una clausola di riacquisto nel contratto. Ciò significa che Philip Morris può riacquistare le sue attività russe una volta ripristinate le relazioni tra Russia e Occidente. Questo mese, anche il produttore di birra danese Carlsberg ha annunciato di volere una tale clausola al momento della vendita della sua attività.

READ  Il principale gestore patrimoniale degli Stati Uniti crea un nuovo fondo Bitcoin (BTC) »Crypto Insiders

Secondo la Yale University, più di 1.000 aziende, come H&M e McDonald’s, hanno annunciato che stanno volontariamente riducendo le loro attività in Russia. Lo fanno in aggiunta alle restrizioni imposte dalle sanzioni internazionali.