QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Ci sono opzioni di trattamento? -BCFI

Negli ultimi anni è stata prestata molta attenzione al trattamento dell’infezione acuta da COVID-19. Ben presto divenne evidente che c’era anche un folto gruppo di pazienti che sviluppavano sintomi persistenti dopo una fase acuta dell’infezione. Questa malattia polmonare si chiama COVID (sinonimi: post-COVID, COVID a lungo termine).
Diversi farmaci sono sotto inchiesta per prevenire o curare il COVID-19. Gli studi mostrano anche l’effetto protettivo della vaccinazione COVID-19 sull’incidenza di COVID nel polmone e l’impatto della vaccinazione sulle persone che hanno già COVID nel polmone. Attualmente, non esiste un approccio medico efficace e comprovato per quanto riguarda sia il trattamento che la prevenzione del COVID polmonare.

Cos’è la fase post-COVID e quanto è diffusa?

Il NICE (National Institute for Health and Care Excellence) definisce il COVID polmonare (sinonimi: ‘post-COVID’, COVID a lungo termine) come uno o più sintomi che si presentano entro o fino a 3 mesi dopo l’infezione acuta da COVID-19, da Dura per almeno 3 mesi e non può essere spiegato da un’altra condizione1.
La prevalenza del COVID polmonare è difficile da determinare nella ricerca perché vengono utilizzate definizioni diverse e non esistono criteri generalmente accettati per la diagnosi. Ciò rende difficile distinguerlo da sindromi o condizioni postvirali con sintomi simili. Inoltre, questi studi sono osservazionali e la maggior parte manca di un gruppo di controllo.

Ricerca belga (Studio COVIMPACT di Sciensano) Studio della prevalenza e dell’impatto a lungo termine del COVID nella popolazione generale. Secondo le definizioni a lungo termine di COVID utilizzate da Sciensano, il 47% dei partecipanti (n = 2092) riporta ancora almeno un sintomo correlato alla propria infezione dopo 3 mesi e il 32% continua a segnalarlo dopo 6 mesi. Il 33% dei partecipanti con COVID-19 a lungo termine ha riferito di non essersi completamente ripreso dall’infezione dopo 3 mesi e il 26% ha riferito di non essersi completamente ripreso dopo 6 mesi. Tuttavia, non è stato possibile stabilire una relazione causale tra infezione da COVID-19 a lungo termine e COVID-19 a causa del disegno osservazionale dello studio.Sciensano, Risultati del follow-up post-infortunio a 3 e 6 mesi, giugno 2022). Questo studio ha incluso pazienti infetti da COVID-19 tra il 30/04/2021 e il 22/01/2021. Quindi non si tratta di infezione con varianti esistenti2.
La Guida rapida NICE (aggiornamento novembre 2022) fa riferimento a studi con dati di prevalenza simili a questo studio belga. Una nota importante è che tutti questi studi mostrano un rischio molto elevato di parzialità e si riferiscono quasi sempre all’infezione con varianti precedenti di COVID-19.1.

READ  La vaccinazione riduce la trasmissione di COVID-19 | MedicalFacts.nl

Prevenzione COVID

Esistono molte ipotesi sul trattamento del COVID nel polmone, inclusa l’ipotesi che il trattamento della fase acuta del COVID-19 possa prevenire il COVID nel polmone. Si ipotizza che il trattamento durante la fase acuta di COVID-19 riduca il rischio di virus persistente e/o infiammazione e quindi riduca il rischio di sviluppare COVID-19 nel polmone. La ricerca si concentra su questo, tra gli altri Inibitori del virus (compreso nirmatrelvir + ritonavir). In un recente studio osservazionale, nirmatrelvir (in combinazione con ritonavir) ha ridotto il rischio di sviluppare COVID polmonare se somministrato entro 5 giorni. L’incidenza dopo 180 giorni è stata del 12,99% (IC 95% da 12,52 a 13,49) nel gruppo nirmarevir e del 17,51% (IC 95% da 17,08 a 17,94) nel gruppo di controllo.3.
Non ci sono ancora prove convincenti per questa ipotesi a causa della mancanza di studi clinici ben progettati e pubblicati4.

Studi sull’effetto protettivo di Vaccinazione contro la malattia COVID-19 Sull’incidenza del COVID polmonare si ottengono risultati contrastanti. Alcuni studi osservazionali mostrano un rischio ridotto di COVID nel polmone nei pazienti vaccinati rispetto ai pazienti non vaccinati. Tuttavia, l’effetto variava notevolmente in ciascuno studio e, a causa del disegno osservazionale (con rischio di bias e non aggiustato Fattori esterni). Non si possono trarre conclusioni sul nesso di causalità. La maggior parte degli studi è stata eseguita prima della variante omikron (vedi maggiori informazioni)4-6.

I risultati della revisione sistematica di Byambasuren et al.4 questo è tutto preventivo E l’effetto terapeutico della vaccinazione sul polmone COVID:
Dodici studi osservazionali hanno riportato l’effetto protettivo della vaccinazione sull’incidenza di COVID nel polmone e hanno riportato un rapporto di probabilità per lo sviluppo di COVID nel polmone compreso tra 0,22 e 1,03 dopo una singola dose di vaccino; tra 0,25 e 1 dopo 2 dosi; 0,16 dopo 3 dosi; e tra 0,48 e 1,01 dopo qualsiasi numero di dosi. Una meta-analisi non è stata possibile a causa dell’eterogeneità tra gli studi. Il rischio di bias e fattori confondenti era alto.

READ  Dementia Friendly: scopri la persona dietro la malattia

Trattare la malattia polmonare covid

Al momento non esiste alcun trattamento farmacologico diverso dal trattamento dei sintomi di COVID nel polmone.
Il trattamento multidisciplinare lungo COVID viene solitamente svolto in collaborazione con vari operatori sanitari come fisioterapista, terapista occupazionale, nutrizionista, logopedista e/o psicologo. Ad oggi, questo consiglio per il trattamento multidisciplinare si è basato quasi esclusivamente sull’opinione di esperti.

In Belgio, il medico di base può avviare un processo di assistenza “post-COVID-19” e sviluppare un piano di trattamento in consultazione con altri assistenti e il paziente sulla base del modello di reclamo (+ ulteriori informazioni): per ulteriori informazioni, vedere sito RIZIV.

Quali sono alcune delle lamentele comuni che i pazienti sperimentano dopo aver attraversato il Covid che sono oggetto di indagine in relazione a questa infezione?

  • stanchezza o spossatezza
  • mal di testa
  • Problemi di memoria o di concentrazione
  • Sforzo muscolare
  • fiato corto
  • perdita dell’olfatto
  • Disordini del sonno
  • Dolori articolari
  • perdita di gusto

Il farmaco è sotto inchiesta

Per alcuni farmaci (es corticosteroidiE antistaminiciE naltrexone;) Ci sono studi che indicano un risultato positivo nel trattamento della malattia polmonare da Covid. Tuttavia, gli studi hanno un disegno osservazionale, molto piccolo e/o senza un gruppo di controllo, quindi sono necessarie ulteriori ricerche prima che qualsiasi prova di effetto possa essere accettata.4.

Anche sull’effetto Vaccinazione contro la malattia COVID-19 Gli studi mostrano in individui che hanno COVID nel polmone 4-6. Sono tutti osservabili nel design e sono realizzati prima della variante omikron. Alcuni, ma non tutti, gli studi suggeriscono un beneficio (la dimensione dell’effetto ha oscillato fortemente in questi studi: vedi maggiori informazioni) della vaccinazione sulla progressione del COVID nel polmone, ma il rischio di bias è alto e c’è stato poco aggiustamento confuso.
In NICE Rapid Guidance (aggiornato a novembre 2022), le prove relative alla sicurezza e all’efficacia del vaccino COVID-19 per il trattamento del COVID nel polmone sono insufficienti. NICE non formula una raccomandazione positiva per la vaccinazione contro COVID-19 per le persone con effetti a lungo termine dopo l’infezione acuta da COVID-19 a causa della mancanza di prove di efficacia 1.

READ  Cosa ne pensa il Consiglio norvegese per i rifugiati? Le informazioni sui vaccini richiedono soluzioni su misura: non tutti coloro che rifiutano sono uguali

I risultati della revisione sistematica di Byambasuren et al.4 chi è protettivo e terapeutico È stato studiato l’effetto della vaccinazione su COVID nel polmone: cinque studi osservazionali hanno riportato l’effetto della vaccinazione dopo l’infezione acuta e hanno riportato un rapporto di probabilità che variava significativamente tra 0,38 e 0,91. Una meta-analisi non è stata possibile a causa dell’eterogeneità tra gli studi. Il rischio di bias e fattori confondenti era alto.

Conclusione BCFI

Il COVID prolungato è una sindrome in cui un modello persistente di disturbi persiste fino a 3 mesi dopo l’infezione acuta da COVID-19. La ricerca attualmente disponibile sul trattamento preventivo e curativo per COVID nel polmone non mostra alcuna prova di effetto in questo momento. Sono necessari studi clinici ben eseguiti per determinare l’effetto e la localizzazione delle terapie proposte e delle strategie di prevenzione.

risorse pubbliche

1 Guida rapida NICE COVID-19: Gestione degli effetti a lungo termine di COVID-19. novembre 2022. https://www.nice.org.uk/guidance/ng188 e https://www.nice.org.uk/guidance/ng188/resources/covid19-rapid-guideline-managing-the-longterm-effects-of-covid19-pdf-51035515742
2 Censano. Covimbact-Covid-19 e le sue conseguenze fisiche, mentali e sociali. sito web Censano e il sito https://www.health.belgium.be/nl.
3 Xie Y, Choi T, Al-Aly Z. Associazione del trattamento con Nirmatrelvir e il rischio di condizionamento post-COVID-19 [published online ahead of print, 2023 Mar 23]. Gamma Intern Med. 2023; e230743. doi: 10.1001/jamainternmed.2023.0743
4 NIstituto olandese per l’uso responsabile della medicina: Corona News, 3 febbraio (rivista E PDF) e Corona News 3 marzo 23 (rivista E PDF)

5 Byambasuren O, Stehlik P, Clark J, Alcorn K, Glasziou P. Effetto della vaccinazione COVID-19 sul coronavirus a lunga durata d’azione: una revisione sistematica. BMJMed. 2023; 2 (1): e000385. Pubblicato il 1 febbraio 2023 doi: 10.1136/bmjmed-2022-000385
6 Frances Edwards, Fergus W. Hamilton. editoriale. Effetto della vaccinazione COVID-19 sulla malattia COVID-19 a lungo termine. Alcuni effetti benefici sono probabili, ma al momento la stima della dimensione dell’effetto rimane difficile. BMJMed. 2023; 2: e000470. Pubblicato il 28 febbraio 2023. doi: 10.1136 / bmjmed-2022-000470