QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Colonna: “La frase 'tra le orecchie' è spesso usata in modo errato”

Colonna: “La frase 'tra le orecchie' è spesso usata in modo errato”

“Il Covid da lungo tempo è fisico e ‘non nella tua testa’…” titolava NOS all’inizio di gennaio. Ciao! Infine, in riconoscimento delle tante persone che soffrono di una vasta gamma di disturbi ambigui dopo il Covid-19. Adesso sono contento di questo riconoscimento, ma non nel modo in cui ne scrivono i media.

La frase “tra le orecchie” viene spesso usata nel contesto sbagliato, ad esempio: “Non riesci a trovare qualcosa di insolito, è nella tua testa” come se lo avessi inventato tu stesso e non esistesse. C'è qualcosa di degradante in questo e la persona viene messa da parte.

Tra le orecchie si trovano importanti nuclei cerebrali, che producono ormoni e altre sostanze per il corretto funzionamento del corpo e della mente.

Nella mia clinica vedo regolarmente persone con vaghi disturbi che sembrano essere nella loro testa, come sintomi di depressione e stanchezza. Poi dico loro che chi ha detto loro questo ha ragione. Tra le orecchie si trovano importanti nuclei cerebrali che producono ormoni e altre sostanze per il corretto funzionamento del corpo e della mente. Questo vale anche per le persone con Covid da lungo tempo, perché nella mia professione di massaggiatore un disturbo definito psicologico ha quasi sempre anche una causa fisica.

Fabbriche di energia

Nel lungo Covid, sembra che i mitocondri non funzionino correttamente. Si tratta di fabbriche di energia nelle cellule che aiutano a convertire i nutrienti in energia, ad esempio, per la respirazione, la circolazione, la digestione, il sistema endocrino e la temperatura. Potete immaginare cosa succede se i mitocondri non funzionano correttamente: affaticamento, mancanza di respiro, disturbi intestinali, problemi cardiaci e muscolari, per esempio.

READ  "Sostituzione della terapia con cellule staminali per un piccolo gruppo di pazienti con sclerosi multipla"

Il massaggio può in parte aiutare le persone con Covid da lungo tempo a migliorare il flusso sanguigno, consentendo anche a muscoli, intestino, cuore e polmoni di funzionare meglio. Inoltre, alcuni nutrienti possono supportare i mitocondri.

Finché il Covid resta “tra le orecchie”, ma in modo diverso…

– Marja van der Ende, stilista di lifestyle