QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Testare i fagi come nuovo trattamento per la tubercolosi: il primo studio olandese sui fagi come trattamento per la tubercolosi presso il Radboud University Medical Center

Testare i fagi come nuovo trattamento per la tubercolosi: il primo studio olandese sui fagi come trattamento per la tubercolosi presso il Radboud University Medical Center

5 febbraio 2024



I fagi potrebbero essere in grado di aiutare a combattere la tubercolosi, una malattia infettiva che uccide più di un milione di persone ogni anno. In una collaborazione internazionale con istituti di ricerca in Sud Africa e America, il Radboud University Medical Center sta studiando come utilizzare i fagi per combattere la tubercolosi.

La tubercolosi è una malattia infettiva causata dal Mycobacterium tuberculosis. Questa malattia uccide più di un milione di persone ogni anno, la maggior parte delle quali in Africa. È una condizione difficile da trattare: il trattamento antibiotico regolare per la tubercolosi richiede sei mesi ed esiste una variante multiresistente della tubercolosi che non risponde ai tipi di antibiotici più comunemente usati. Il trattamento può quindi richiedere più di un anno.

Radboudumc a Nijmegen è ora unito ad un istituto di ricerca un compito (Sud Africa), Università di Pittsburgh E il Istituto di ricerca sui bambini di Seattle (entrambi statunitensi) nel progetto Phages4TB, per la ricerca innovativa su nuove cure per la tubercolosi. Per questo, ricevi l'incarico Sovvenzione della Fondazione Bill & Melinda Gates, una parte del quale è disponibile per la ricerca all'interno del Radboud University Medical Center. In questa ricerca, i ricercatori di questi istituti stanno utilizzando le capacità dei micofagi, che sono virus che colpiscono specificamente i micobatteri come i batteri della tubercolosi.

La differenza tra antibiotici e batteri

I fagi (o batteriofagi) sono virus che possono infettare e uccidere i batteri. La batterioterapia era ampiamente utilizzata prima che fossero disponibili gli antibiotici. Una differenza importante tra i due trattamenti è che gli antibiotici prendono di mira molte specie batteriche contemporaneamente, mentre i fagi sono attivi solo contro uno specifico ceppo di batteri. I batteriofagi possono essere una soluzione se gli antibiotici non funzionano, ma il loro svantaggio è che non possono essere utilizzati rapidamente contro le infezioni. I ricercatori devono prima scoprire i batteri patogeni e solo dopo potranno cercare i fagi corrispondenti. Gli antibiotici sono più facili da usare grazie alla loro attività più ampia, motivo per cui per molto tempo i fagi hanno ricevuto meno attenzione. Negli ultimi anni si è registrato un rinnovato interesse per la terapia fagica, spinto dalla crescente resistenza agli antibiotici in tutto il mondo.

READ  Contaminazione da PFOS: "Niente panico" (tossiologi) - Belgio

Nuovi test in laboratorio

Il microbiologo medico Jaco van Engen dirige il ramo di ricerca di Nijmegen ed è positivo riguardo alle opportunità dei fagi nel trattamento della tubercolosi: “Lo svantaggio della terapia fagica è che in molte infezioni bisogna cercare i fagi giusti che attaccano i batteri patogeni. ” . . Questo non sempre funziona. Tuttavia, i batteri della tubercolosi presentano poche differenze e tutti i tipi sono simili. Ecco perché crediamo di avere un repertorio di fagi con cui possiamo curare la maggior parte dei pazienti affetti da tubercolosi.

I preparativi per questo sono stati fatti presso l'Università di Pittsburgh. I ricercatori hanno sviluppato una serie di fagi che hanno risposto in laboratorio alle varianti più importanti del Mycobacterium tuberculosis. La partnership continua da qui. “Il nostro obiettivo principale è sviluppare ulteriormente questo gruppo di fagi”, spiega la leader del progetto e scienziata in malattie infettive Saskia Janssen, affiliata a TASK a Città del Capo e al Radboud University Medical Center. “Lo stiamo ancora facendo in laboratorio e attraverso esperimenti sugli animali, e gli ultimi test sono in corso a Seattle e ci stiamo preparando a condurre i primi studi clinici sugli esseri umani.

Primo studio olandese che utilizza i fagi nella tubercolosi

Mai prima d'ora un istituto di conoscenza olandese aveva condotto una ricerca su nuovi trattamenti utilizzando batteriofagi contro la tubercolosi. Al Radboud University Medical Centre, van Engen condurrà una ricerca specifica sull'attività dei fagi nelle diverse condizioni in cui possono trovarsi i batteri della TBC. I batteri della tubercolosi possono nascondersi nelle cellule immunitarie ed entrare in uno stato dormiente. La ricerca mira a scoprire se i fagi sono ancora letali per i batteri. Il suo obiettivo è chiaro: “Speriamo di sviluppare un’alternativa ai trattamenti standard per la tubercolosi, che spesso richiedono molto tempo, hanno relativamente molti effetti collaterali e talvolta sono difficili da gestire”. In definitiva, vogliamo che la tubercolosi non minacci più la salute pubblica globale.

READ  Questa è la differenza tra infezione e salute del virus

Nella foto: i cerchi scuri al centro delle piastre di coltura sono luoghi in cui i fagi hanno attaccato i batteri della tubercolosi.