QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Come Putin ha trasformato la provincia occidentale in una miniera d’oro |  al di fuori

Come Putin ha trasformato la provincia occidentale in una miniera d’oro | al di fuori

La partenza di centinaia di aziende occidentali dalla Russia in risposta all’invasione russa dell’Ucraina ha fruttato al presidente Vladimir Putin almeno un miliardo di euro. Lo dimostra la scioccante analisi condotta dal New York Times. Le aziende che vogliono andarsene lo fanno alle sue condizioni.

Il New York Times ha esaminato i resoconti finanziari delle aziende che hanno lasciato la Russia e ha scoperto che dall’inizio della guerra avevano registrato perdite per oltre 94 miliardi di euro.

Aspetto. Putin durante un colloquio al Cremlino: “L’Ucraina non ha futuro”

Tra le altre cose, hanno dovuto pagare pesanti tasse quando se ne sono andati, che solo lo scorso anno hanno raccolto più di un miliardo di euro per il governo, le élite e le casse di guerra russe.

La partenza delle aziende occidentali è avvenuta dopo una telefonata del presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj. Ciò avrebbe dovuto danneggiare l’economia russa e indebolire l’invasione. Le cose sono andate diversamente.

elite

Putin ha costretto le aziende che volevano vendere a farlo a prezzi bassi o talvolta le ha addirittura sequestrate. Nominava personalmente gli acquirenti, solitamente membri fedeli dell’élite. Ha anche creato un sottocomitato speciale per esaminare tutte le potenziali vendite. Decide se le aziende possono lasciare la Russia e a quali condizioni.

© Agenzia nazionale di polizia/Agenzia per la protezione ambientale

Ciò è accaduto, tra l’altro, al produttore di birra olandese Heineken. Ha trovato un acquirente la primavera scorsa ed è stato concordato un prezzo. Ma il governo russo ha rifiutato unilateralmente l’accordo, cedendo le attività russe di Heineken per un euro e promettendo di ripagare 92 milioni di euro di debito nei confronti del produttore russo di bottiglie aerosol sposato con un senatore russo.

READ  Il comandante ucraino chiama la compagnia russa per lamentarsi della scarsa qualità dei carri armati catturati: "C'è sempre qualcosa dentro" | Guerra Ucraina-Russia

Il risultato è che una quota crescente dell’industria russa è nelle mani di operatori russi. Lo Stato russo è una parte importante in questo. Le società statali russe hanno acquisito le attività di aziende come IKEA, Toyota e altre. In molti casi Putin ha firmato personalmente la vendita.

Copie carbone

Le aziende che sostituiscono sono spesso copie carbone dell’azienda originaria. Ad esempio, quando la famosa catena di caffè Starbucks se ne andò, il suo posto fu preso da Stars Coffee. L’emblema della sirena divenne la principessa russa del cigno. I prodotti stessi sono realizzati localmente o importati attraverso paesi amici. Ad esempio, un supermercato a Mosca può ancora servire la Pepsi importandola dall’Uzbekistan.

Le filiali chiuse di Starbucks hanno riaperto con il nome Stars Coffee.
Le filiali chiuse di Starbucks hanno riaperto con il nome Stars Coffee. © Agenzia Anadolu tramite Getty Images

Tuttavia, Putin non dovrebbe dichiarare la vittoria troppo presto. Anche se insiste sul fatto che l’economia russa è in buona forma nonostante le sanzioni occidentali, la realtà appare diversa. Per le ragioni di cui sopra, la Russia è evitata a livello internazionale per fare affari; Secondo gli esperti, la sua economia è già sotto pressione e rischia di surriscaldarsi. Anche gli alti funzionari russi riconoscono che la riduzione della concorrenza e degli investimenti esteri danneggerebbe i comuni cittadini russi e l’economia nel lungo termine.

Nell’analisi della scorsa settimana, anche il nostro giornalista straniero Guy van Vlieren ha sottolineato che l’economia russa sta già andando all’inferno. Semplicemente non abbastanza veloce.

analisi. L’economia russa sta già andando all’inferno. Non abbastanza veloce (+)


READ  Parigi vuole vietare il traffico nel centro della città dal 2022 | all'estero