QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Corinne Vandermelen, specialista in vaccini: “Punta a un’immunità di massa del 90 percento invece che del 70” | L’interno

“Tre milioni di persone sono ancora un grande campo da gioco”, afferma Vandermullen. “Si corre il rischio che il virus continui a diffondersi tra la popolazione e che abbia la possibilità di continuare a mutare. Questo a sua volta potrebbe portare a nuove varianti, che il vaccino potrebbe fornire una protezione meno efficace”.

“Inoltre, se si punta solo al 70%, le persone potrebbero non ritenere necessario vaccinarsi una volta raggiunto questo limite. È assolutamente imperativo puntare alla percentuale più alta possibile”.

Quindi è importante continuare a convincere le persone della necessità della vaccinazione. “Ci vorrà molto impegno, ma ne vale la pena. È molto importante che il tempo e gli sforzi siano dedicati a convincere le persone”.

Vandermeulen pensa che sarebbe una buona idea ricercare gli effetti di una terza dose del vaccino contro il Coronavirus, come fanno attualmente tutti i produttori di vaccini. In questo modo, le persone sono più preparate se sembra che non vi sia una protezione sufficiente contro nuove varianti. “Grazie a questa ricerca, le persone saranno in grado di cambiare più rapidamente. Se necessario, una terza iniezione di popolazione potrebbe essere seguita nella primavera del prossimo anno”.

READ  AstraZeneca: "Abbiamo risposto in tempo al messaggio dell'Unione europea"