QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Coronablock – L’Italia richiede la vaccinazione alle persone di età superiore ai 50 anni, numero di casi registrati nel nostro Paese

Nei mesi scorsi, un tribunale penale di Bruxelles ha condannato sedici passeggeri a un anno di reclusione per aver presentato un falso test PCR all’aeroporto di Bruxelles. Questo è il primo gruppo di 160 persone portato in tribunale.

Viaggiare all’estero, compresi i viaggi aerei, è nuovamente possibile da metà aprile. Alla partenza è richiesto un test PCR negativo. Negli ultimi mesi, circa 820 persone sono state catturate all’aeroporto di Bruxelles, che eseguivano falsi test PCR al momento della partenza. Circa l’80 per cento di loro ha pagato una conciliazione di 750 euro, mentre altri sono stati portati in tribunale in gruppo dal pubblico ministero di Halle-Wilworde.

Dodici degli imputati non si sono presentati durante il processo. Il tribunale ha condannato 11 di loro a sei mesi di reclusione e 1.600 multe per falsificazione di documenti o informatica. Per un imputato, la pena detentiva è stata raddoppiata perché aveva effettivamente una corona durante la sua falsa certificazione.

Una donna che si è presentata al processo e si è dichiarata non colpevole è stata condannata a sei mesi di reclusione, una pena sospesa e una multa di 800. Gli altri tre sono stati condannati a 60 ore di servizio alla comunità o a un anno di reclusione sostitutiva.

Nei verdetti, la corte è stata dura con i colpevoli: “Ci sono alcuni esempi da manuale di un comportamento egoistico così illimitato”. La corte ha anche ritenuto che gli imputati fossero coinvolti in attività antisociali e pericolose per la vita: “Gli imputati cercano deliberatamente la propria libertà di viaggiare al di là dell’interesse pubblico, in particolare la libertà di vivere, per il bene comune”.

READ  Ibra, campione d'Italia del Milan, mantiene la promessa

“L’aviazione internazionale è lo strumento perfetto per consentire a un virus di continuare a diffondersi su larga scala”, ha proseguito il tribunale. “Gli imputati non hanno esposto solo comportamenti antisociali, ma anche comportamenti pericolosi per la vita. Per i cittadini che non si preoccupano del benessere dei propri concittadini, il verdetto del tribunale, una dura punizione è l’unica risposta sociale adeguata. L’inaccettabilità delle loro azioni .”