QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Courtois non è certo il primo a dissentire dal suo allenatore della Nazionale: anche con quei giocatori della maggiore le cose sono andate male  Thibaut Courtois

Courtois non è certo il primo a dissentire dal suo allenatore della Nazionale: anche con quei giocatori della maggiore le cose sono andate male Thibaut Courtois

Aspetto. Thibaut Courtois annulla il prossimo Europeo con i Red Devils

Radja Nainggolan contro Roberto Martínez

Rene Vandereken dovette abbandonare anticipatamente il Mondiale del 1986 in Messico, e i rapporti tra Enzo Scifo e George Leekins erano torbidi, ma ai Red Devils non si può ignorare l’incidente tra Radja Nainggolan e Roberto Martinez. Quando il centrocampista non è stato convocato per la Coppa del Mondo in Russia nel 2018, l’intero Paese era in subbuglio. Lo spagnolo ha visto “Il Ninja” come un grande scompiglio. Nainggolan annunciò il suo ritiro poche settimane dopo.

“Ho giocato un buon campionato europeo con Marc Wilmots”, ha detto in seguito il centrocampista. “Non aveva problemi con il mio stile di vita, dato che a volte fumavo una sigaretta per evitare lo stress e rilassarmi. La mia mancanza di presenze in nazionale con i Red Devils è dovuta esclusivamente a Martinez e non al mio stile di vita. Martinez mi ha detto che mi vede come un titolare, ma non mi ha scelto perché non poteva darmi lo stesso ruolo che ricopro alla Roma. Una grande sciocchezza, non è vero? Allora portami sul divano?

©Foto_News

Karim Benzema contro Didier Deschamps

Anche Karim Benzema e Didier Deschamps non partecipano alle rispettive feste di compleanno. Il conflitto tra il Pallone d’Oro 2022 e l’allenatore francese risale al 2015. Dopo lo scandalo legato al presunto tentativo di ricatto del collega Mathieu Valbuena, Benzema è stato escluso dalla Nazionale. Ha saltato gli Europei 2016 e i Mondiali 2018.

READ  Barcellona e Feyenoord stanno affrontando una partita per il titolo, quindi per quanto riguarda gli altri campionati? | calcio straniero

Nel 2021 l’ascia di guerra è stata sepolta. Almeno per un po’. Benzema ha giocato nel Campionato Europeo di Corona, ma è stato escluso dalla selezione un anno dopo, il giorno prima della Coppa del Mondo in Qatar. Deschamps ha detto che l’attaccante ha deciso di qualificarsi per la Coppa del Mondo a causa di un infortunio alla coscia. Una bugia secondo il Pallone d’Oro. L’attaccante ha subito pubblicato l’intervista sul suo account Instagram con la didascalia: “Che coraggio” e un’emoji da clown.

Deschamps in precedenza era stato in disaccordo con Franck Ribery e Samir Nasri.

Instagram/Reuters
©Instagram/Reuters

Nicolas Anelka contro Raymond Domenech

Questo succede spesso con i francesi. Potrebbero aver raggiunto il punto più basso ai Mondiali del 2010 in Sud Africa. La Francia non è riuscita a battere l’Uruguay nella prima partita (0-0), e quando ha perso la seconda partita del girone contro il Messico (0-2), le cose sono andate fuori dai binari. Tra Nicolas Anelka e Raymond Domenech ebbe luogo un’accesa discussione. Anelka ha criticato la tattica dell’allenatore e si è creata una situazione di tensione. Urlava “figlio di puttana” e altre cose carine.

L’allora presidente Nicolas Sarkozy venne coinvolto nella questione e, in risposta all’incidente, la Federcalcio francese (FFF) decise di squalificare Anelka per il resto del torneo. La cosa non è piaciuta agli altri giocatori della nazionale, che si sono rifiutati di allenarsi in segno di solidarietà con l’attaccante. Un’escalation completa che si è conclusa con una sconfitta per 1-2 contro il Paese ospitante, il Sud Africa, e una miserabile eliminazione. Anelka non giocherà un’altra partita per la nazionale.

READ  campionato europeo. Yorbi Vertisen segna il primo gol europeo, Tillmans e Kasten segnano contro Varsavia | Campionato Europeo

Van Bommel contro Van Basten

Anche i nostri vicini del nord tendono a essere caotici a volte. Tra Mark van Bommel e Marco van Basten le cose non sono andate affatto bene. Ad un certo punto, l’attuale squadra T1 di Anversa ha rifiutato di giocare più con il “San Marco”. La ragione di ciò era una disputa sul ruolo di Van Bommel nella partita di qualificazione alla Coppa del Mondo contro la Romania nel 2005.

“La verità è che abbiamo avuto conversazioni in cui non è stato onesto con me”, ha detto Van Bommel anni dopo. “Il giorno dopo la partita contro la Romania, mi ha chiamato e mi ha detto: ‘Mark, hai fatto un pessimo lavoro. Non devi andare in Finlandia’. Prima ancora che potessi reagire, ho sentito ‘tut-tut’. E da allora le cose non sono migliorate.”

La versione di Van Basten: “No, abbiamo detto: non devi andare in Finlandia, perché non ha fatto quello che abbiamo detto in modo chiaro ed esplicito. Non è così complicato. Quindi o non vuoi sentirlo, oppure ancora non lo capisci. Forse gli risuona nelle orecchie.”

Un altro episodio olandese molto noto: Edgar Davids che criticò Guus Hiddink durante gli Europei del 1996. Il centrocampista degli occhiali da sole ha detto in un’intervista sul suo allenatore: “Dovrebbe mettere la testa fuori dal sedere di alcuni giocatori, così può vedere meglio.” A Davids è stato permesso di tornare a casa. Successivamente, le cose tornarono alla normalità tra lui e Hiddink.

READ  La più veloce: Cynthia Bolingo corre il tempo più veloce d'Europa
United Pictures/Bob van den Kroezem
© Pex United/Bob van den Kroezem

Fernando Redondo-Daniel Passarella

Negli anni ’90, l’argentino Fernando Redondo era uno dei calciatori più agili del mondo. Il centrocampista ha fatto scalpore al Real Madrid – forse ricorderete il suo famoso passaggio contro il Manchester United in Champions League – ma è stato limitato a sole 29 presenze in nazionale.

C’era un’immagine di Redondo in cui considerava i suoi principi più importanti del suo status di top player. Questa non è necessariamente una cosa negativa: quando rimase a lungo infortunato al Milan, si rifiutò di percepire anche un solo euro del suo stipendio.

Ma il tecnico della Nazionale argentina Daniel Passarella è stato meno capace di affrontare la questione. Dopo la Coppa del Mondo del 1994, ha imposto il divieto di portare i capelli lunghi tra i suoi giocatori della nazionale. Poiché all’epoca Redondo aveva un taglio di capelli più lungo, non fu arruolato. Alla fine Passarella abbandonò questa politica di selezione e Redondo si tagliò prontamente i capelli. Dopodiché ha continuato a rifiutarsi di giocare per l’Argentina, e poi le cose sono andate male con Marcelo Bielsa, il successore di Passarella.

Reuters
©Reuters