QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Cresce la domanda di patate nell’Italia di guerra

La guerra dei 40 giorni in Ucraina sembra cambiare le abitudini alimentari dei consumatori italiani.

Ad esempio, la domanda di patate è aumentata di oltre il 20%, raggiungendo il prezzo record perché il prezzo di questa merce, considerata essenziale, è stabile rispetto al grano o ad altri cereali.

“Rileviamo che gli ordini di patate sono aumentati di oltre il 20% rispetto a pochi mesi fa. Tale aumento, infatti, è già iniziato con lo sciopero dei trafficanti stradali nel sud Italia e ulteriormente aumentato a causa della guerra nell’est italiano. Is una controllata di Basilicotta, che vende circa 4.000 tonnellate di patate all’anno ai supermercati del centro sud Italia.

“Dato che il prodotto continua a vendere e la domanda è alta, i supermercati ci chiedono di aumentare l’offerta e fare pubblicità nei prossimi giorni. Dal nostro magazzino di Metaponto abbiamo 25 tonnellate di patate al giorno. E ci permette di servire i mercati del sud L’Italia in modo efficiente e veloce. Abbiamo circa 300 ettari di coltivazione di patate, principalmente in Campania, Lazio ed Emilia Romagna. ) Tipologie di questo tipo.

“Le patate hanno una durata di conservazione inferiore rispetto ad altri frutti e verdure, quindi hanno una durata di conservazione migliore. Questo è uno dei motivi del forte aumento degli acquisti nelle ultime settimane. Altri prodotti alimentari, compresi frutta e verdura, sono aumentati notevolmente , creando una generale incertezza sia per il cibo, l’energia e il carburante, e significativi aumenti di prezzo, rendendolo una merce che ora i consumatori preferiscono.

Per maggiori informazioni:
Magna Gracia Soc. Cooperativa.
Viale Padre Mario Pagano, 15
75012 Bernalda (MD) – Italia
Telefono: +39 (0) 835745169
magnagreciasoccoop@gmail.com
magnagreciasoccoop.it

READ  Gli F-16 di Volkel si addestrano per due settimane in Italia, a bassa rumorosità nella regione | Con, Wegel et al