QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

David Goffin apre bene a Roma battendo la dodicesima testa di serie Hurkacz | Internazionale BNLD Italia

Il rinato Goffin non credeva alla fortuna della scorsa settimana: forse ha sbagliato 4 palloni contro Nadal, ma dopo oltre 3 ore 6-3, 5-7, 7-6 (11/9) si sentiva il giocatore ancora da ieri. Questo dopo diversi mesi difficili.

Il nostro numero 48 ha continuato lo slancio oggi contro la testa di serie 11. I due hanno dovuto superare alcuni break point, Pole 5 e Belgian 4. Nel tiebreak, Goffin ha affrontato 3 set point, ma ha ribaltato la situazione e incassato il secondo set ball.

Il servizio di Goffin era un po’ più basso nel secondo set, ma ora è in grado di segnare un break: 3-5. Gli è stato permesso di servire nell’incontro, ma ha ottenuto una corsa sul piatto.

In vantaggio 4-5, Goffin ha ottenuto un pallone fiammifero, ma non era il pallone giusto. Hurkacz è andato di nuovo al tiebreak. Goffin è stato l’allenatore nel loro primo duello reciproco: dal 6/1, dal 6/1 del terzo gioco, la palla si è spostata sul 7/2.

Al prossimo turno attende l’americano Jenson Broxby (ATP-38), che ha aperto con una vittoria in due set (6-3, 6-4) contro l’italiano Flavio Coppoli (ATP-150). Questa sarà anche la prima volta di Goffin.

Con la vittoria assoluta a Marrakech ad aprile, il nostro 31enne ha attraversato una lunga serie di mesi molto impegnativi, rompendo alcuni piatti e cadendo sempre più nelle classifiche ATP.

“E’ stata una partita difficile, soprattutto dopo il Real Madrid”, ha detto David Goffin dopo la sua vittoria. “Le condizioni erano diverse, perché in altezza la palla è più facile da lasciare. Qui si muove molto più lentamente, le palle sono più pesanti”.

READ  Gli spettatori si chiedono se Patrick Lefevre sia ubriaco

“Oggi è stato difficile finire i punti, soprattutto perché Hubi è grande e sta andando bene. Sta anche andando molto bene”.

“Quindi ho dovuto rimanere concentrato, cosa che ho fatto molto bene fino al 7-6, 5-3. E all’improvviso ho fatto qualche tiro in meno all’inizio, era più aggressivo, ho sbagliato uno o due dritti e ho dovuto combattere in l’inning. Il tie-break. Fortunatamente ho giocato un buon tie-break fino al traguardo. “

“Questa è una grande vittoria per me. Forse non è la sua superficie preferita, ma mi fa stare bene. Mi sento molto meglio, ho più fiducia nelle mie qualità ed è la cosa più importante in questo momento. E ho intenzione di continuare in questo torneo sorridendomi”.