QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Decisione della Bce sul rialzo dei tassi di giovedì, situazione in Italia ‘vulnerabile’

Decisione della Bce sul rialzo dei tassi di giovedì, situazione in Italia ‘vulnerabile’

Economia23 ottAutore del libro: Mark van Hareveldt

La Banca Centrale Europea (BCE) si riunirà giovedì prossimo e si prevede che la banca centrale si prenderà una pausa dai rialzi dei tassi di interesse. Sarà un incontro entusiasmante, dice Han de Jong, economista interno della BNR, perché non c’è consenso all’interno della BCE. L’Italia è nella situazione peggiore a causa dei tassi di interesse elevati. “La situazione in Italia è pericolosa.”

Il primo ministro italiano Giorgia Meloni accoglie a Roma il re del Bahrein. Dato che l’economia italiana ha un tasso di crescita molto lento, la Meloni deve scegliere tra due mali. Un aumento di 24 miliardi di euro significa un grande debito con interessi elevati. (ANP/SIPA Stampa Francia/Francesco Fodia)

La zona euro ha visto una serie di dieci rialzi dei tassi dallo scorso luglio, con i tassi di interesse ora al 4,5%. Giovedì potrebbe essere annunciata una pausa, ma non sarà così. Secondo de Jong sono possibili ragioni valide per entrambi gli scenari. La ragione principale dell’aumento dei tassi di interesse è che, sebbene l’inflazione si sia attenuata, è ancora al di sopra dell’obiettivo della BCE.

Leggi anche | “Un grosso problema se i tassi di interesse supereranno la crescita”

Argomentazioni contro l’aumento dei tassi di interesse

Inoltre, i prezzi dell’energia stanno aumentando a causa dell’escalation della guerra in Medio Oriente, che ha un effetto negativo sulla caduta dell’inflazione. Ma de Jong vede anche argomenti contro l’aumento dei tassi di interesse. In primo luogo, le variazioni dei tassi di interesse richiedono sempre tempo per riflettersi nell’economia, quindi c’è sempre un momento per valutare.

Nessuna crescita economica straordinaria

Inoltre, secondo De Jong, la crescita economica nell’Eurozona “non è certamente incoraggiante”; Ulteriori rialzi dei tassi di interesse potrebbero spingere l’economia dell’Eurozona in recessione. “Sicuramente non vorrai avere una cosa del genere sulla coscienza.” Tuttavia, un terzo fattore gioca un ruolo importante: alcuni paesi, in particolare l’Italia, hanno finanze pubbliche in difficoltà.

READ  Le persone in Calabria, la regione più povera d'Italia, stanno protestando contro la deplorevole assistenza sanitaria

La situazione in Italia è disastrosa

De Jong afferma che la situazione dell’Italia è pericolosa a causa degli aumenti dei tassi di interesse: il paese ha debiti enormi e sta già pagando molti interessi su di essi. “Anche il mercato obbligazionario è preoccupato perché il differenziale dei tassi di interesse tra Germania e Italia si è recentemente ampliato.” È una dimostrazione di pessimismo dei mercati obbligazionari nei confronti dell’Italia.

“I mercati dei board non si fidano dell’Italia”

Han de Jong, economista

Ciò porterebbe il deficit di bilancio sopra il 4,7%, anche se il primo ministro Georgia Meloni ha dichiarato di voler investire 24 miliardi per rilanciare la spesa dei consumatori. Il debito pubblico rappresenta circa il 150% del PIL italiano, mentre i tassi di interesse del mercato dei capitali italiano sono già aumentati del 3,5% dall’inizio dello scorso anno. Ciò significa che questo aumento dei tassi di interesse alla fine costerà al governo italiano più del 5% del PIL in costi di interessi aggiuntivi.’

L’economia italiana, però, non è molto dinamica

In questo senso la Meloni deve scegliere tra due mali, dato che l’economia italiana ha un tasso di crescita molto basso. Un ulteriore aumento significa un prestito più grande con interessi più alti. Sebbene la BCE disponga di strumenti migliori rispetto a quelli utilizzati durante le crisi finanziarie precedenti, De Jong afferma che sarebbe preoccupato se l’Italia si trovasse in una situazione come quella della Grecia o del Portogallo.

Leggi anche | Il capo della BCE rimane realista: il 2% è ancora molto lontano