QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Dipendenti da antidolorifici: ‘pillola dopo pillola dopo pillola. Se non li prendo, mi ammalerò. Questa non è vita

Daphne* (48) si aspetta una chiamata dal centro di riabilitazione da un momento all’altro. Spera di poterci andare presto, perché la sua dipendenza dall’ossicodone dura da troppo tempo. Lei stessa non è in grado di smettere di usare forti antidolorifici e vivere in questo modo non è un’opzione. Ha un disperato bisogno di aiuto.

È iniziato due anni fa. Daphne ha improvvisamente provato un forte dolore a uno dei suoi piedi – un nervo schiacciato, che si è scoperto in seguito. “Riuscivo a malapena a camminare a causa del dolore”, dice al telefono. “Ho camminato con le stampelle la metà del tempo, non è stato divertente.” Il medico ha prescritto ossicodone per alleviare il dolore, ma non è servito: il dolore è rimasto.

Daphne è tornata dal suo medico di famiglia. Ha detto che poteva tranquillamente prendere più di una pillola al giorno. A Daphne è stato detto che sei pezzi al giorno non avrebbero fatto male. Inizialmente, le sono state somministrate 30 compresse alla volta, per cinque giorni, con una prescrizione ripetuta. Ma poco dopo, un altro medico le ha prescritto 90 pillole alla volta, così Daphne ha dovuto fare il viaggio ancora doloroso in farmacia così spesso.

gravi sintomi di astinenza

Sebbene nessuno dei miei medici ne avesse parlato, secondo Daphne, sapevo fin dall’inizio che l’ossicodone creava dipendenza. Dopo circa sei settimane, ha quindi cercato di smettere di prenderlo da sola. Ma fino ad allora ha iniziato a manifestare gravi sintomi di astinenza. “Mi ha fatto molto male, anche se non ho preso molto. Il mio massimo era di otto pillole da 5 mg a breve durata d’azione al giorno.” (Nota: secondo il foglietto illustrativo, la dose iniziale abituale per gli adulti è di 4 x 5 mg, che il medico può aumentare fino a un massimo di 6 x 5 mg, ndr).

READ  Domande quotidiane - Che tipo di vaiolo è il vaiolo delle scimmie?

Alla fine ce l’ho fatta da solo tacchino freddo Per liberarsi dal vizio, ma quando dieci mesi dopo è stata operata al piede, è tornata all’ossicodone. Da allora è diventata dipendente. “Mi sento male e male ogni mattina. Ho i brividi, ho l’influenza. E quando l’ossicodone svanisce, riesco a malapena ad alzarmi dal letto. Non vivrò finché non prendo una pillola. Ho finito con esso in un attimo.”

“Ero sdraiato a casa nel mio vomito’

Sono in cura con un medico delle dipendenze da settembre e prendo solo due compresse a rilascio prolungato di ossicodone da 5 mg al giorno. Con grande fatica sono riuscita a passare la giornata con lei. All’inizio, si è scoperto che l’eliminazione si è conclusa così rapidamente che è finita in un centro di assistenza per tossicodipendenti per sette giorni. L’astinenza le ha fatto vomitare così tanto che ha sputato fuori l’ossicodone che stava ancora assumendo, il che ha peggiorato i sintomi dell’astinenza. “Non potevo più fare nulla, ero a letto a casa a vomitare. Ridurre a casa non ha funzionato, mi ha colpito anche solo 1 mg. Non era giustificato”.

Daphne non ha più sentito dolore dall’operazione al piede. L’unico motivo per cui può ancora prendere l’ossicodone è per sentirsi meglio. Un circolo vizioso che non puoi spezzare. “La nausea scompare quando prendo una pillola. Questo dolore non mi ha mai aiutato, anche se lo ha reso più sopportabile. Mi sento meglio dopo aver preso una pillola, un po’ sballato, ma è tutto artificiale. Dipendo totalmente da quelle pillole. Controllano tutto il mio vita: la pillola, pillola, pillola contraccettiva. Se non la prendo, mi ammalerò. Questa non è vita. “

READ  Non immune al passaggio di Corona e al black code: ``Sto solo prendendo più confidenza'

Daphne spera che dopo quattro settimane di riabilitazione, sarai finalmente senza ossicodone. Ritiene che gli oppioidi come l’ossicodone vengano prescritti troppo facilmente. “È strano quanto poco ne sapessero i miei medici di base, eppure mi hanno facilmente ripetuto la prescrizione. Questo non dovrebbe mai più succedere a nessuno”.

La nuova eroina

Due anni e mezzo fa, i nostri editori di ricerca hanno pubblicato per la prima volta su Un aumento allarmante del numero di utenti che riscontrano problemi di ossicodone. Sebbene l’uso di oppiacei nei Paesi Bassi sia diminuito negli ultimi anni, le farmacie hanno ancora distribuito analgesici con questo titolo a un milione di persone l’anno scorso. Più di 560.000 di loro hanno ricevuto una variante ad azione forte, come morfina, ossicodone, fentanil e buprenorfina. Preparare Dalla Fondazione Key Pharmaceutical Personalities. L’ossicodone – noto anche come la “nuova eroina” – è stato utilizzato da 410.000 olandesi.

È ancora troppo, pensa Albert Dahan della LUMC, professore di anestesiologia, che sta facendo ricerche sul problema degli oppioidi come l’ossicodone. Non si oppone agli oppioidi, ma sostiene principalmente il loro uso razionale. “Gli oppiacei funzionano bene per alcune persone. Ma vengono prescritti molto facilmente, mentre ci sono molti inconvenienti. E gli effetti collaterali possono essere gravi, con circa il 10-20 percento degli utenti che diventano dipendenti, come dimostra anche un recente studio su noi stessi”. l’uso di oppiacei porterebbe a un apparente aumento dell’accettazione del CI”.

Sto seriamente cercando alternative

Circa dieci anni fa, i medici prescrivevano spesso i cosiddetti FANS, farmaci antinfiammatori come diclofenac, naprossene e ibuprofene. Ma quando è diventato chiaro nel tempo che potevano causare problemi ai reni negli anziani in particolare e talvolta portare a problemi cardiaci nei più giovani, i FANS sono diminuiti sempre più dagli oppioidi.

READ  Vuoi sapere in anticipo se il trattamento sta funzionando? Il mondo riceve UMC Utrecht 3,6 milioni per la ricerca

Ora che sappiamo che questi oppioidi creano una forte dipendenza, Dahan e il suo gruppo di ricerca sono attivamente alla ricerca di alternative. Attualmente abbiamo in mente due oppioidi sperimentali con minori effetti collaterali, che potrebbero apparire sul mercato in futuro. Ma non siamo ancora lì. Ci stiamo lavorando duro”.

Fino a quando non esisteranno alternative, Dahan vorrebbe vedere linee guida migliori per la prescrizione di oppioidi (forti). “Penso che un milione di utenti sia un problema. Non è necessario. Ho sentito dai pazienti che molti medici generici ne sanno molto poco, quindi vogliamo lavorare per linee guida migliori”.

“Penso che possiamo fare grandi passi avanti se i medici li prescrivono di meno, li prescrivono più saggiamente discutendo i pro e i contro con il paziente, e per un periodo di tempo più breve, al massimo qualche settimana. La prescrizione ripetuta è una spina nel fianco , dovremmo comunque rottamare questo tipo di sostanze oppiacee”.

Gli Stati Uniti raccontano l’epidemia

Dahan non teme che la dipendenza da oppiacei diventi un problema tanto grave nei Paesi Bassi quanto negli Stati Uniti, dove quest’anno ha causato più di 100.000 morti. “Inizialmente l’epidemia era l’epidemia in America. Quando i medici hanno smesso di prescrivere oppioidi, la gente è scesa in strada per prenderli in un modo diverso. Non vedo che ciò accada nei Paesi Bassi in tempi brevi”.

*Il vero nome “Daphne” è noto agli editori.