QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Djokovic ammette “errori” ma critica la “disinformazione” | Open d’Australia

Novak Djokovic ha ammesso di aver commesso “errori” nella compilazione del modulo di ingresso in Australia e nel suo comportamento dopo essere risultato positivo al coronavirus. Il numero 1 del mondo serbo si è allenato anche oggi a Melbourne, ma la sua partecipazione agli Australian Open non è ancora certa.

In un messaggio su Instagram, il non vaccinato Djokovic ha annunciato che il suo entourage si era sottoposto alle autorità australiane competenti, che avrebbero dovuto decidere su una possibile nuova revoca del suo visto e quindi sulla sua espulsione.

“Stiamo attraversando tempi difficili con questa pandemia globale e a volte accadono errori”, ha detto il campione in carica a Melbourne.

Tuttavia, il tennista ha anche deplorato la “disinformazione” sulle sue attività a dicembre prima e dopo un test PCR positivo.

“Questa disinformazione deve essere corretta, non da ultimo per allentare le tensioni sulla mia permanenza in Australia, ma anche perché è molto angosciante per la mia famiglia”.

La disinformazione è estremamente dolorosa per la mia famiglia.

Novak Djokovic

“L’intervista a L’Equipe del 18 dicembre è stata un errore di calcolo”

Tornando alla cronologia del caso di Corona, Djokovic ha spiegato di aver eseguito un test PCR da solo il 16 dicembre, dopo aver assistito a una partita di basket a Belgrado il 14 dicembre, dove si è poi scoperto che molti spettatori erano stati infettati.

Djokovic è stato visto in pubblico a Belgrado il giorno successivo, il 16 dicembre, giorno in cui è risultato positivo al virus, secondo i documenti che ha presentato alla dogana australiana.

Il numero 1 indica che ha avuto un autotest negativo su quella 16a cifra, contemporaneamente al test PCR. A diciassette anni partecipa a una mostra di francobolli e incontra giovani tennisti. Le foto mostrano che non indossava una maschera.

Lo ha difeso, dicendo: “Non sapevo ancora dei miei risultati, non avevo sintomi e mi sentivo meglio. Ho anche fatto un autotest il giorno prima di questo incontro e quel test è stato negativo”.

Djokovic ammette di aver commesso un “errore di calcolo” quando ha incontrato i giornalisti del quotidiano sportivo francese L’Equipe in un’intervista il 18 dicembre, il giorno dopo i suoi risultati positivi. “Non volevo lasciare il giornalista fuori al freddo, ma ho rispettato il distanziamento sociale e ho indossato una mascherina, tranne quando è stata scattata la mia foto. Successivamente ho dovuto posticipare l’appuntamento”.

(leggi sotto la foto)

“Errore umano nel modulo di registrazione”

Ieri c’è stato molto clamore sui media australiani riguardo alla casella selezionata nel suo modulo di iscrizione. Ciò indica che Djokovic non ha viaggiato due settimane prima del suo arrivo in Australia. Ma era ancora in Spagna all’inizio di gennaio.

“Errore umano involontario”, lo chiama il tennista. “Questo modulo è stato compilato dalla delegazione che mi ha accompagnato a nome mio. Il mio manager si scusa sinceramente per questo errore amministrativo”.

Il serbo è arrivato a Melbourne con un’esenzione medica (basata sull’infezione da coronavirus, editore), ma il suo visto è stato cancellato alla dogana per dubbi sulla sua validità.

Ha ottenuto quel visto da un giudice all’inizio di questa settimana e il ministro dell’immigrazione sta attualmente esaminando il caso. Può ancora espellere il tennista dal Paese a titolo personale.

READ  Kompany mette una cortina di fumo sul futuro: 'Il club ha l'ultima parola' | Jupiler Pro League