QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Dopo aver migliorato i rapporti con Brasile e Australia, ISRO cerca nuove opportunità con l’Italia

Con il lancio di ISRO, un satellite brasiliano, India e Italia hanno deciso di esplorare opportunità nel campo dell’osservazione della Terra, delle scienze spaziali, della robotica e della ricerca umana. Mercoledì l’Indian Space Research Organisation (ISRO) ha tenuto un incontro bilaterale con l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) in modalità virtuale nell’ambito della sua strategia di rafforzamento dei partenariati internazionali.

Hanno presieduto le rispettive delegazioni il presidente dell’ISRO e segretario di Stato allo Spazio K. Sivan e il presidente dell’ASI Giorgio Sokokia.

“Le due parti hanno esaminato la cooperazione in corso e hanno concordato di formare ulteriori gruppi di lavoro tematici per esplorare le opportunità di cooperazione nell’osservazione della Terra, nella scienza spaziale, nella robotica e nell’esplorazione umana”, ha affermato in una dichiarazione l’ISRO con sede a Bangalore.

Il 28 febbraio, ISRO ha lanciato con successo il satellite brasiliano da 637 kg Amazonia-1 su un razzo PSLV-C51 dallo spazio Sriharikota.

Il ministro brasiliano della Scienza, della tecnologia e dell’innovazione Marcos Pontes ha visitato il Satish Dhawan Space Center (SDSC) dell’ISRO a Sriharikota, nel distretto di Nellore dell’Andhra Pradesh, a circa 100 km da Chennai.

Il ministro e la sua delegazione hanno successivamente tenuto un incontro con la delegazione ISRO guidata da Shiva e le due parti hanno deciso di lavorare insieme per migliorare la cooperazione spaziale bilaterale e portarla a un livello superiore.

Il ministro dell’Unione Jitendra Singh, che dirige il DoS, ha avuto una connessione virtuale con i funzionari di Pondicherry e dell’agenzia spaziale brasiliana.

“Il Brasile ha cercato il sostegno dell’India nell’acquisto di materiali e sistemi per il suo programma missilistico”, afferma un rapporto DoS.

“È stata discussa la possibilità di cooperazione nelle future missioni scientifiche spaziali, compreso l’uso della piattaforma ISRO PS4-OP (PS4-OP), la ricerca meteorologica spaziale, ecc.”, Si legge nel comunicato ufficiale.

READ  L'unica persona sopravvissuta a un incidente in funivia in Italia...

PS4-OP fa riferimento a una nuova idea ideata da ISRO che ha trascorso la fase PS4 (la quarta fase del PSLV) per effettuare esperimenti scientifici in orbita della durata da uno a sei mesi.

Il 17 febbraio Shiva ha anche tenuto un incontro virtuale con Enrico Palermo, presidente dell’Agenzia spaziale australiana.

“I due leader hanno esaminato lo stato delle attività di cooperazione in corso a sostegno del progetto indiano ‘Kaganyan’, tra cui l’osservazione della Terra, la navigazione satellitare, la consapevolezza dell’ambiente spaziale e la creazione di un terminal di trasporto in Australia”, ha detto l’ISRO all’epoca.

Secondo ISRO, l’India ha sempre riconosciuto che lo spazio ha una dimensione al di là delle considerazioni nazionali che può essere affrontata solo con partner internazionali.