QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Dopo Belgio-Italia: poco per i Red Devils – nazionale di calcio

Per la terza volta in quattro partite, la storia dei Red Devils si chiude ai quarti di finale. Molte cose erano contro di loro, e come in passato i Red Devils erano persino inferiori ai loro avversari nell’ultima partita.

No, Euro 2020 non è la competizione dei Red Devils. Quella sensazione era rara per te. C’è molta incertezza intorno ai soldati standard, che può mostrare molto poco a causa di ciò. Mentre è ancora possibile, come lo era ieri, non è abbastanza. La stagione lunga e intensa durante questo torneo e dopo tanti viaggi non è bastata. L’Italia ha potuto giocare molto in casa ed è stata rinfrescante e ristoratrice nella caccia, anche se sono state tutte parte della partita imbattute.

No, Euro 2020 non è la competizione dei Red Devils. Quella sensazione era rara per te. C’è molta incertezza intorno ai soldati standard, che può mostrare molto poco a causa di ciò. Mentre è ancora possibile, come lo era ieri, non è abbastanza. La stagione lunga e intensa durante questo torneo e dopo tanti viaggi non è bastata. L’Italia ha potuto giocare molto in casa ed è stata rinfrescante e rinfrescante nella caccia, anche se hanno giocato tutti imbattuti. Tre anni fa tutto andava bene in questo senso. La tranquilla rincorsa, in cui la società si stava preparando, non è stata tanto un ostacolo, e poi tutti erano ad alto livello dalla fase a eliminazione diretta. Alcuni dei ragazzi sono anche nuovissimi perché non hanno fatto molti minuti nel loro locale. Servito da un po’ di fortuna – guarda il 2-0 in svantaggio contro il Giappone, che alla fine si è rivelato 3-2. Poi la sanguinosa partita contro il Brasile, una buona contropiede, vinta su calcio piazzato, e poi si alzò in piedi con poche difficoltà. Lo sterminio contro i francesi dava una sensazione acida, soprattutto per il modo in cui veniva fatto. Tatticamente schiacciato dallo spostamento di Griezmann e da un gol nella ripresa. Belle, la bella ragazza del match, uscì con un forte applauso. Tre giorni dopo hanno vinto il bronzo. Ma adesso… cosa ne pensi di questo Europeo? Spegne il fuoco e cerca costantemente di colmare le lacune. Prima un prodotto di Witzel di Hazard, che ha giocato a calcetto per un anno e mezzo, poi De Bruyne. La sconfitta di Costin in Gara 1 è stata immediata. Quindi porta – con attenzione – Witchell, danneggia, de Bruyne. Poi si riparte, con un nuovo infortunio alla caviglia per De Bruyne, e un infortunio muscolare, in tribuna contro l’Italia ad Humbert. Di nuovo al lavoro affinché il medico e il fisioterapista siano pronti giorno e notte. Poi l’ultima battuta d’arresto per il sostituto di Chadley: introduzione, minaccia, quasi bersaglio, ma subito un nuovo infortunio. Effetto di trasferimento su strada. Breath non è mai entrato in partita per sostituirlo. Molti di questi dubbi. Molti ostacoli da eliminare. Questa è la storia di questa Commissione elettorale. Poi, durante quell’ultima partita, quel quarto di finale, non è stata la decisione giusta, né una grande fortuna alla fine. Nessuno supera davvero questa competizione. Non come tre anni fa. Cordois ha fatto un ottimo lavoro, ma non ha potuto fare miracoli. La difesa è stata perlopiù determinata, alle prese con ogni pallone, ma subendo due dei tre gol: Denier contro la Danimarca, Verduncan contro l’Italia. Con lunghi calci verso Lukaku hanno perso diversi palloni a terra. C’era troppa deviazione in entrambi gli obiettivi. Caratteristica delle partite precedenti Non è più possibile giocare a calcio. Gli avversari hanno letto bene i belgi e hanno tagliato le linee di passaggio. Il tuo sentimento era misto. Munier ha tirato duro contro i russi, ma poi ha avuto più possesso palla, a differenza della Russia, che spesso ha preso decisioni sbagliate durante i Mondiali. Se sembra nuovo dopo una stagione difficile a Parigi, ora sembra stanco dopo una stagione difficile a Dortmund. Tilemans si è modificato normalmente, Witzel ha fatto miracoli per arrivarci, e si è comportato alla grande a seconda delle circostanze, ma non ha potuto nascondere il fatto che avrebbe potuto usare dei ritmi di gara in più contro gli italiani. Nello spostamento in avanti, manca il suo cambio di marcia. Mertens è stata una delusione, così come Karasco. Jeremy Toku della partita contro l’Italia, Thorgen danno è l’invenzione della partita. Se i demoni minacciano, è attraverso di lui. Anche Lukaku non è in crescita del 100% dopo una stagione difficile. Aveva immaginato molto di questo, pesato su alcune partite, ma aveva anche avuto un momento difficile. Contro Khazar, contro Sielini, contro Pepe e Diaz. Ha messo radici e si è tirato indietro, ma ha trovato poco spazio, scontrandosi apparentemente con i suoi superiori contro l’Italia. Anche Roberto Martinez non ha avuto la sua partita. In passato l’Aeronautica a volte ha trascinato fuori dalla palude la squadra – anche Fellaini, Kompany e Vertonghen – questa volta non è stato così. La Brigata Leggera ha fatto il lavoro. Cioè – a causa delle circostanze delineate – percorso alto A, lanci lunghi a Lukaku, se i belgi non riescono a finire il calcio, o se non c’è il cambio. Era un problema contro il Portogallo, dove la lotta poteva ancora trascinarsi, sempre contro l’Italia. Ancora più grande, l’assenza di Eden Hazard, che è riuscito a trattenere diversi palloni contro il portoghese. La sua assenza contro l’Italia è cruciale per il calcio belga. Principalmente catastrofico. Solo il 45 per cento della palla dice tutto. I calci piazzati risentono anche della mancanza di energia eolica. Il danno di Thorgan ha preso il primo posto. Senza dubbio. Difensivo e offensivo, con due bei bersagli. Jeremy Toku, soprattutto per la sua prestazione contro l’Italia, ha visto tutti i colori dell’arcobaleno di De Lorenzo. Durante questa partita, alla sua prima apparizione contro la Finlandia, Toku ha mancato lentamente il punto di vista che aveva a marzo. Ha cominciato a lavorarci. I migliori duelli di questo autunno, comprese le semifinali della Nations League contro la Francia, potrebbero aiutarlo ulteriormente nel suo sviluppo. Il calcio può essere orribile, questa è la decisione di Martinez dopo la partita. Di per sé, non c’è spegnimento. A volte bisogna ammettere che l’avversario è il migliore. Aveva bisogno del miglior de Bruyne per affrontare tanta sofferenza, niente. Il miglior Lukaku, il miglior rischio.. non tutto questo. Ad ottobre, per il premio di consolazione nella final four della Nations League, e poi ai Mondiali in un anno e mezzo. Qualche novità in difesa ea centrocampo – se Zambi Lokonga non affonda nell’Arsenal e Jinho van Heisten continua i suoi progressi. Chissà, con Toku che ha già un po’ più di prospettiva. E si spera con meno sfortuna.

READ  La Pergamon italiana è stata distrutta dal COVID in un altro anno