QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“È in conflitto con molti interessi esistenti”

“È in conflitto con molti interessi esistenti”

Le autorità belghe vogliono trasformare il Mare del Nord in una “stazione di energia verde”. La Princess Elisabeth Energy Island, non ancora costruita, sarà la seconda area di produzione offshore nelle acque territoriali belghe. La prima è la cosiddetta Regione Orientale, che si è sviluppata tra il 2009 e il 2021.

Insieme, queste due aree dovrebbero garantire la produzione di 5,8 gigawatt di energia elettrica, con un potenziale aggiuntivo di 1 gigawatt grazie al parco solare galleggiante. Con una potenza di 1 gigawatt è possibile rifornire di elettricità circa da un milione a un milione e mezzo di famiglie.

Il governo belga vuole aumentare la produzione di energia rinnovabile nelle zone offshore fino a 8 GW entro il 2040. Ma per farlo è necessario analizzare il potenziale residuo del Mare del Nord in vista della costruzione di una terza zona energetica. Uno studio è stato richiesto nel marzo 2022 dal ministro del Mare del Nord Vincent van Quickenborn (Open Vld).

Tuttavia, Arcadis, che ha condotto lo studio, ha concluso che la terza zona energetica non è una buona idea. “Ciò sarebbe in conflitto con gli interessi della natura, delle attività esistenti, dei residenti delle zone costiere e dell’economia legata alla navigazione e ai porti”.

READ  Atos perderà miliardi nel 2023, i clienti governativi agiranno - IT Pro - News