QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“È la prima volta che vedi come si esprime in bianco e nero, in un modo innegabile.”

“È la prima volta che vedi come si esprime in bianco e nero, in un modo innegabile.”

In un nuovo documentario, Gérard Depardieu fa un commento osceno dopo l’altro. Nel corso della trasmissione è stato annunciato che una seconda denuncia per violenza sessuale era ancora pendente contro Depardieu. Il famoso e famigerato attore ha ancora un futuro nel mondo del cinema francese? Chiamiamo il giornalista cinematografico Lieven Trio.

Joris Fliegen

Ciao Levin, cosa si vede esattamente nel documentario francese?

“Riguarda lo show televisivo Supplemento all’indagine Su France 2, vengono mostrate le immagini del documentario del 2018 del regista Yann Mouix, che seguiva Depardieu in Corea del Nord. Questo documentario non è mai stato completato o trasmesso a causa di un conflitto tra Moix e il produttore del film. Ora lo stesso produttore ha fatto trapelare alla stampa alcune foto, cosa che ha infastidito Moix, che vuole denunciare il produttore.

“Nelle foto si vede un uomo, Gérard Depardieu, che sembra completamente ossessionato dal sesso, che non riesce a tacere e che fa riferimento al sesso in ogni occasione. Ad esempio, fa commenti osceni al suo traduttore: dice che può vedere la sua biancheria intima e che ha un’erezione. Tutto ciò è misogino e inappropriato, soprattutto considerando il rapporto di potere. Lui è un potente Gérard Depardieu e parla in modo misogino nei confronti delle persone che lavorano per lui, che è ovviamente l’essenza di MeToo A un certo punto fantastica anche su una bambina di dieci anni che potrebbe avere un orgasmo mentre cavalcava “Questi sono, ovviamente, commenti di cattivo gusto e inappropriati”.

I francesi avranno una nuova immagine dell’attore o questa è già stata distorta?

“È sorprendente ciò che vediamo? Non proprio, sono già state presentate diverse denunce contro Depardieu per violenza sessuale. Poco prima che le immagini fossero trasmesse, si è appreso che l’attrice Hélène Darras aveva presentato una denuncia per violenza sessuale sul set del film . Discoteca, un film del 2008. C’è stata anche un’indagine su stupro e violenza sessuale nel 2020, e da allora almeno altre 16 donne lo hanno accusato di violenza sessuale, senza necessariamente sporgere denuncia. Ci sono molte testimonianze di come metteva loro la mano nei pantaloni senza che loro lo volessero.

“Quindi c’erano già molte indicazioni o voci, ma Depardieu le ha sempre smentite. L’ambiente non gli ha risposto molto e nemmeno lui ha perso peso. Perché ovviamente Depardieu, uno dei più grandi e forti attori del cinema francese. Ma ora è la prima volta che vedi come si esprime e quello che dice è in bianco e nero, in un modo innegabile. Non lo vedi davvero fare nulla, ma lo senti dire di tutto di cose, e questo riflette davvero la sua personalità. Molte persone ora si chiedono naturalmente: se pensa che sia giusto dire Questo è davanti alla telecamera, quindi cosa succede quando non c’è la telecamera?

Quindi le foto confermano in parte le voci che circolavano sul suo conto?

“Queste non sono immagini di violenza sessuale fisica, ma caratterizzano il suo carattere e rendono plausibile che tutto quello che queste donne dicono di lui sia vero. Inoltre si sentono subito reazioni che mettono le cose in chiaro sui media: ‘Sì, questo è Gerard. È così. Alcuni dicono che è fatto così: “Lo conosciamo”. Questo è il suo senso dell’umorismo.

“Ma MeToo ha chiaramente denunciato che non bisogna sopportare tutto ciò. E penso che questo sia anche quello che ci è successo nel caso Bart de Pauw, dove si è spesso detto che doveva essere divertente. Ma proprio per questo rapporto di potere, ha un impatto, perché è molto difficile per le donne contrastarlo o può essere troppo travolgente e semplicemente dannoso. Con Depardieu si tratta anche di cose che non sono mai state un problema con De Pauw, vale a dire la violenza sessuale fisica .

“In Francia c’è sicuramente più opposizione al MeToo e alla cosiddetta cultura dell’annullamento. L’attrice Catherine Deneuve, ad esempio, aveva precedentemente affermato di ritenere che ciò che si dice di Depardieu sia un po’ esagerato, che gli piaccia flirtare un po’, e che è esagerato.” Chiamarlo stupro o aggressione. Ma ora si sente, a causa di queste immagini, che dipingono un quadro molto negativo di lui, che c’è molto malcontento, anche in Francia, e che è anche viene espresso. C’è la sensazione che ora sia stato smascherato. Uno di loro ha anche detto: ” non è così Sacra bestia Di più, ma brutale a tutta corte. Un’altra risposta: “Mi fa venire voglia di vomitare”. “Quindi c’è molto rumore e rabbia.”

La carriera di attore di Depardieu è finita o può ancora lavorare?

“È ancora difficile prevederlo. È la Francia, è Depardieu. È certamente meno facile respingere che rifiutare quelle affermazioni che fanno le persone per le quali non esiste alcuna prova e che rimangono parola per parola. È ovviamente molto difficile, soprattutto in Francia, per spiegare questa vicenda e la sua voce si fa sentire. Ma in tali circostanze, la questione diventa credibile e diventa difficile da ignorare.

La domanda ora è: come risponderà l’industria cinematografica a tutto ciò? Diranno: non lo butteremo più, oppure ci sarà un contromovimento che dirà: continueremo così? La Francia, ad esempio, è anche il paese in cui Johnny Depp, prima ancora di uscire vittorioso nel suo secondo processo, è riuscito a tornare alla ribalta nel film. Jane de Barry Da Maywin. In Francia è semplicemente possibile: continuare a scegliere persone controverse. In un certo senso fa parte del gioco.

“Potrebbe dipendere anche da come reagirà lui stesso. Finora ha negato tutto e chissà, forse ora tratterà la cosa in modo diverso sui media. Potrebbe spiegare che è stato completamente preso fuori contesto, e che non è lui. Oppure potrebbe dire che ha un problema ed è un dipendente dal sesso, e lavorerà su se stesso. Se mostra una sorta di comprensione del problema, penso che forse potrà essere perdonato. D’altra parte , questi due procedimenti penali pendono ancora su di lui. La domanda è anche come andrà a finire. Naturalmente, se sei in prigione, non potrai recitare nei film.

READ  Dopo lo scandalo del cyberbullismo: Chrissy Teigen sobria 100 giorni | Famoso