QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Fare spazio a un approccio ampio alle cure palliative

C’è una gamma avanzata di cure palliative, ma è ancora usata più spesso solo quando è chiaro che non ci sono più cure e che la vita di qualcuno è solo breve. Questo deve cambiare, afferma il Council on Public Health and Society nel suo consiglio su un approccio più ampio alle cure palliative. Il consulente Ageeth Ouwehand spiega.

Il tema delle cure palliative ultimamente non ha suscitato interesse. “Tuttavia, quando si usa il termine, bisogna stare attenti a non confondere le lingue”, dice Ouwehand, “perché vediamo che spesso è così. Stiamo parlando di cure palliative o di cure palliative periferiche, c’è una grande differenza. In In quest’ultimo caso la morte è all’orizzonte, e nel primo caso si tratta della cura di una persona per la quale è evidente che l’assistenza non è più in grado di fornire una cura, ma una tale persona può vivere molto a lungo. Il nostro consiglio è per i caregiver che non sono in campo palliativo, ma che curano con persone per le quali non è chiaro se siano analgesici o meno.Sosteniamo che la dicotomia che esiste tra malattia da un lato e incapacità di migliorare l’altro, va tolto, perché in pratica la separazione non è in bianco e nero».

Nella pratica sanitaria, questo significa che al paziente dovrebbe essere chiesto in anticipo: “Non sappiamo davvero come pagherai da qui, ma cosa pensi sia ancora importante a questo punto della tua vita?” “È una domanda che tutti gli operatori sanitari possono porre”, afferma Ouwehand.

nessun taglio

Questo succede un bel po’. “Quando inizia la fase palliativa, le persone parlano improvvisamente da una prospettiva più completa dell’umanità rispetto alla fase del trattamento”, afferma Oehand. Inoltre, ad esempio, nella foto compaiono improvvisamente dei volontari. Ma quando le persone sviluppano malattie croniche, non è affatto inevitabile che le persone parlino di qualità della vita e si interroghino “cosa vuoi ancora dalla vita?” Richieste”.

READ  La dieta occidentale promuove il declino cognitivo e il morbo di Alzheimer

Quello che succede spesso, dice, è che a qualcuno viene diagnosticato un tumore al cervello in stadio 4, accompagnato da un messaggio del medico curante: “Non possiamo più fare niente per te, ti rimanderò da un medico”. “È come se ci fosse un taglio”, dice. “Non dovrebbe essercene uno, è importante che l’approccio ampio al concetto di cure palliative sia discusso all’inizio del processo. Il medico di famiglia e l’infermiere distrettuale svolgono un ruolo molto importante in questo. Garantire che le persone trovino la strada di casa in un tale la situazione fa parte della loro professione, conoscono la mappa sociale e quindi possono farcela”.

un altro modo

Ouwehand sostiene che il punto è che il medico e il paziente non affronteranno le questioni fondamentali fintanto che l’approccio tecnico medico alla malattia rimarrà fondamentale. “Se lo spazio viene preso all’inizio del processo per mostrare una prospettiva più ampia, il paziente potrebbe semplicemente scegliere di intraprendere un percorso completamente diverso”, afferma. “Questo può anche essere un percorso per rinunciare a ulteriori trattamenti e scegliere altre cose che mettono la qualità della vita al primo posto”.

Il professionista non deve essere qualcuno che agisca in questa prospettiva più ampia, ma può presentare un’opportunità e mostrare al paziente la strada. “L’ospedale è stato allestito in modo efficiente”, dice. “La domanda può essere posta sulla prospettiva più ampia, ma il percorso che si rende disponibile è più al di fuori delle mura dell’ospedale. All’interno dell’ospedale, c’è un ruolo di primo piano per lo specialista infermieristico, che è più coinvolto negli ambiti della vita rispetto al medico curante Dipende un po’ da come viene stabilita la partnership e se l’infermiere professionista ha la piena portata per questo, ma è importante stabilire un’intenzione comune per fornire spazio per una visione più ampia delle cure palliative. infermiere tirocinante.”

READ  Diabete dovuto alla solitudine: 'I social network sono fondamentali per stare in salute'

mentalità diversa

Qual è il ruolo del paziente in questa storia? Dovrebbe assumere un ruolo guida nel chiedere se la sua posizione può essere vista da una prospettiva più ampia? “Stiamo già vedendo pazienti maturi fare questo”, dice Ouwehand. Ma psicologicamente funziona in modo tale che tu sia in buone mani per metterla in una situazione di grave malattia. Quasi tutti i pazienti avranno inizialmente bisogno di un trattamento salvavita. Di conseguenza, la vera conversazione si verifica solo quando è chiaro che la guarigione non è più possibile. Poi spesso senti i pazienti dire: “Avremmo dovuto avere questa conversazione prima”. Ma ciò non è accaduto perché il paziente è finito sulle montagne russe della ricerca e del trattamento in quella fase iniziale”.

Oyehand riconosce che cambiare la mentalità dei professionisti non è facile. “Il campo palliativo è ora frammentato, dalla superspecialità al volontariato”, afferma. “E lo sappiamo: se qualcosa diventa una specialità, è anche lasciato a quello specialista. Ma ovviamente non è necessario. Ogni paramedico e paramedico hanno capacità comunicative nella loro formazione. Si tratta di essere consapevoli di essere tutti responsabili di it. Naturalmente, le conversazioni devono essere facilitate e finanziate. Lo richiede. “Commissioni di osservazione e ascolto”, su cui abbiamo anche emesso consigli”.

Parlami di ciò

C’è un altro suggerimento per RVS relativo a questo argomento, e questo è il suggerimento Umani – Vivere bene con la morte. “Ne stiamo parlando anche qui”, dice Ouwehand. “L’idea di resilienza fa sì che non si parli più di morte e morire. Ma non parlarne non significa che non esista”.

“Parlarne” in questo contesto non significa una singola conversazione. La domanda su quale persona stia (molto probabilmente) non sta più migliorando può cambiare nel tempo. “È un sondaggio in corso”, afferma Oyhand. “Non è necessariamente un ordine per professionisti, ovviamente. Se un paziente e i suoi parenti possono farlo da soli, va bene. Anche i volontari e i loro compagni sofferenti possono svolgere un ruolo prezioso. Non si tratta solo di assistenza sanitaria. Ma l’assistenza deve essere fornita – e in una fase molto prima di quanto non sia.” Spesso è il caso – primo impulso. E anche gli operatori sanitari dovrebbero mantenere la linea aperta in seguito. “

READ  Lo screening del cancro cervicale condivide il 50% nel 2020