QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Gazprom taglia ulteriormente l’Italia dal gas russo

Le forniture di gas della Russia sono ulteriormente interrotte mentre l’Italia è alle prese con la siccità e un’ondata di caldo. Il paese ha anche bisogno di gas russo per rifornire le forniture per l’inverno. Le riserve di gas del paese sono piene per circa il 60% e il governo ha adottato misure per accelerare le operazioni.

Gazprom è un fornitore importante per me. La società russa ha ora annunciato che fornirà a Eni circa 21 milioni di metri cubi di gas naturale al giorno. La consegna media degli ultimi giorni è stata di circa 32 milioni di metri cubi al giorno.

Manutenzione

Oggi, il gasdotto Nord Stream 1 dalla Russia alla Germania attraverso il Mar Baltico sarà chiuso per dieci giorni a causa della manutenzione annuale. Il flusso di gas è stato interrotto alle 06:00 e riprenderà nelle prime ore del 21 luglio.

Tuttavia, dopo il mantenimento, si teme che Mosca interromperà completamente le forniture di gas alla Germania come rappresaglia per le sanzioni occidentali all’Ucraina.

Secondo gli economisti, un completo congelamento dell’offerta russa alla Germania porterebbe a una forte contrazione della più grande economia europea. Il capo della banca centrale italiana Ignacio Visco ha avvertito la scorsa settimana che anche l’Italia cadrebbe in recessione se Mosca chiudesse completamente il gasdotto al paese.

Precedenti barriere

Gazprom ha chiuso ad aprile Polonia e Bulgaria Già rimosso il gas russo. La decisione è stata attribuita al rifiuto di entrambi i paesi di pagare le merci in rubli. Secondo il governo polacco, le riserve di gas sono sufficientemente reintegrate per continuare per il momento.

READ  La famiglia Aidan sfugge al dramma della funivia (6) vuole impedire il ritorno in Italia | All'estero

Tale pagamento dovrebbe essere effettuato in rubli. Proviene dalla pipa di Putin. In questo modo, la Russia spera di aumentare la domanda per la propria valuta, sopravvalutando così il rublo.

Olanda

Anche i Paesi Bassi sono stati interessati dalle nuove regole. Il grossista GasTerra ha rifiutato di pagare il rublo, quindi la fornitura di gas da parte di Gazprom è stata interrotta. Non verranno forniti 2 miliardi di metri cubi di gas. Si tratta di circa il 5% del consumo annuo di gas dei Paesi Bassi.

La società olandese ha affermato di non essere preoccupata perché il gas era già stato acquistato altrove, ma non si sapeva chi fossero quei fornitori. Presumibilmente viene dalla Norvegia o si tratta di gas naturale liquefatto (GNL).

Germania

Immediatamente c’è stata una chiamata da Mosca per tagliare diversi paesi dal gas russo. Gazprom ha fatto proprio questo a giugno. La quantità di gas ricevuta dalla Germania attraverso il gasdotto Nord Stream è stata ridotta del 60 percento e anche gli italiani hanno ricevuto due terzi in meno di quanto concordato. Di conseguenza, i prezzi del gas sono aumentati notevolmente.

I fornitori di gas austriaci e francesi OMV ed Engie hanno affermato di aver ricevuto dai russi meno gas di quanto promesso. Gazprom ha detto che non c’è questione di scelta politica. Si dice che la fornitura attraverso Nord Stream sia limitata a causa della manutenzione dei componenti e dei colli di bottiglia.