QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Gli artisti dell’età della pietra hanno inciso più di 500 impronte di zampe nelle rocce

Gli artisti dell’età della pietra hanno inciso più di 500 impronte di zampe nelle rocce

Gli scienziati hanno scoperto più di 500 impronte di artigli incise sulle rocce della Namibia. I tracker indigeni hanno aiutato a identificarli.

Circa 5.000 anni fa, durante l’età della pietra, gli artisti rupestri incisero in modo molto dettagliato impronte umane e animali nella pietra della Namibia. Gli archeologi della Friedrich-Alexander-Universität Erlangen-Nürnberg si sono avvalsi dell’aiuto di localizzatori indigeni per scoprire a quali animali appartenessero queste impronte. Ciò ha funzionato per il 90% delle 513 impronte. I risultati sono stati descritti nella rivista scientifica Un vantaggio.

Leggi anche:

Molto più che una semplice specie animale obsoleta

“Le pareti rocciose della Namibia contengono molte immagini dell’età della pietra di animali e persone, così come impronte umane e impronte di animali”, hanno scritto gli archeologi in un comunicato stampa. “Fino ad ora, le impronte hanno ricevuto molta meno attenzione delle fotografie, perché ai ricercatori mancavano le conoscenze per interpretarle correttamente”.

Per questa ricerca, gli archeologi si sono avvalsi dell’aiuto di tre tracciatori indigeni della riserva Nyai Nyai a Tsumkwe. Hanno le conoscenze necessarie per riconoscere tali monumenti e ultimamente sono stati sempre più chiamati a svolgere questo tipo di ricerca archeologica.

Le impronte analizzate sono state incise su diverse pareti rocciose nelle montagne Doro Nawas, nella Namibia occidentale. Queste incisioni erano molto dettagliate, consentendo ai tracciatori non solo di identificare la specie di animale, ma anche di determinarne il sesso e la fase di età.

Parete rocciosa con impronte migliorate e digitalizzate digitalmente.

Le giraffe erano comuni

Tra le 517 impronte, gli esperti locali hanno scoperto almeno quaranta specie animali diverse, tra cui giraffe, rinoceronti bianchi e neri, struzzi, leopardi, zebre, babbuini, istrici, elefanti e leoni.

READ  Mescolando i colpi di Pfizer e AstraZ COVID-19 con Moderna si ottiene una migliore risposta immunitaria

È interessante notare che gli artisti rock avevano una chiara preferenza per alcune stampe. La stragrande maggioranza delle pubblicazioni erano umane (106). Successivamente, le gambe di giraffa sono diventate chiaramente le più popolari (81). Al terzo posto c’è il kudu (36), una grande antilope. Inoltre, gli artisti sembrano preferire le stampe di maschi adulti.

Secondo gli archeologi, questo studio dimostra soprattutto che la conoscenza locale può far avanzare significativamente la ricerca archeologica. Tuttavia, anche gli esperti indigeni non possono rispondere a tutte le domande. Inoltre non sanno perché gli uomini dell’età della pietra incisero le loro impronte sulle rocce e perché preferirono certe impronte. I ricercatori ritengono che queste domande probabilmente rimarranno senza risposta per il momento.

fonti: Un vantaggio, Phys.org, Nuovo Atlante

Immagine: Pasteurs, A. et al./CC-BY 4.0