QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Gli esami del sangue prenatali possono prevenire emorragie pericolose nei bambini

Ogni anno, nei Paesi Bassi, tra i 4 e i 7 bambini soffrono di una grave emorragia cerebrale prima o subito dopo la nascita, a causa della FNAIT (trombocitopenia immunitaria fetale e neonatale). Il trattamento può prevenire la FNAIT, ma la condizione deve essere rilevata in tempo. Quest’ultimo può essere fatto testando le donne per la malattia durante la gravidanza.

Piatti

La FNAIT è la malattia piastrinica. Le piastrine (chiamate anche trombociti) sono cellule del nostro sangue che prevengono il sanguinamento garantendo la coagulazione dopo una ferita. Alcune donne incinte producono anticorpi contro le piastrine del feto. Ciò può accadere se il bambino ha un gruppo sanguigno piastrinico che manca alla madre. Gli anticorpi possono abbattere le piastrine di un bambino, causando emorragie cerebrali che a volte sono così gravi che il bambino muore o diventa gravemente disabile.

Al LUMC, la trasfusione di piastrine viene spesso scelta per i neonati con FNAIT. Questo trattamento può riportare la coagulazione del sangue al livello corretto. Anche se per alcuni bambini è già troppo tardi.

Confronta con Rhesus

La FNAIT è simile alla malattia rhesus, nota anche come malattia emolitica del feto e del neonato (HZFP). La differenza importante è che la FNAIT può verificarsi durante la prima gravidanza. In caso di una gravidanza successiva, il rischio è noto e alla donna vengono somministrati ogni settimana anticorpi provenienti dal plasma di un donatore come trattamento. Ciò impedisce il sanguinamento nel bambino. Ma nelle prime gravidanze, la FNAIT viene spesso scoperta solo quando il bambino ha la malattia. Lo screening di tutte le donne incinte potrebbe salvare questi bambini.

READ  Il tè alla menta piperita o alla menta piperita aiuta durante le radiazioni o la chemioterapia?

Ricerca ampia

Durante lo studio, durato dal 2017 al 2022, è stato analizzato il sangue di circa 180.000 donne incinte. Inoltre, ha aiutato più di 400 ostetriche. Ciò era necessario per raccogliere dati sufficienti. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista scientifica Ematologia con lancetta, creato dai professori Dick Opkes (LUMC), Masja de Haas (Sanquin/LUMC) e dalla professoressa Ellen van der Schoot (Sanquin). Due ricercatori hanno ricevuto rispettivamente il dottorato di ricerca per questo studio: Diane Winkelhorst e Tess de Vos.