QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Qual è il tuo anello più debole?  I ricercatori della Stanford University trovano un modo per testare la “vera” età dei tuoi organi più importanti

Qual è il tuo anello più debole? I ricercatori della Stanford University trovano un modo per testare la “vera” età dei tuoi organi più importanti

La velocità con cui le parti del corpo si deteriorano varia notevolmente. In questo senso il corpo umano è come un’auto o una casa. Ma valutare lo stato esatto di queste parti è molto più difficile che in un’auto. Ora gli scienziati hanno trovato una soluzione a questo problema analizzando i valori di alcune proteine.

Ricercatori famosi Università di Stanford Hanno escogitato un modo semplice per misurare l’invecchiamento degli organi umani. Hanno scritto che potevano prevedere meglio il rischio di insufficienza d’organo e tutti i tipi di malattie in base ai valori proteici e quindi intervenire più rapidamente. natura.

Esame del sangue semplice
La loro logica è la seguente: se la condizione generale dell’organo di una persona è molto peggiore di quella delle persone della stessa fascia di età, allora quella persona ha maggiori probabilità di sviluppare una malattia correlata a quell’organo. Anche la possibilità di morte prematura è maggiore. Pertanto è importante mappare lo stato degli organi importanti del corpo umano, in modo da poter adottare le misure necessarie prima che si verifichino ulteriori danni.

Secondo lo studio, circa un adulto sano su cinque di età pari o superiore a 50 anni va in giro con almeno un organo che sta invecchiando molto rapidamente. Ma ogni svantaggio ha i suoi vantaggi: sembra possibile effettuare un semplice esame del sangue che mostrerà per ciascun individuo quali organi importanti si stanno deteriorando più rapidamente e in quale fase di invecchiamento si trovano. In questo modo è possibile elaborare un piano di trattamento prima che compaiano i primi disturbi, il che può ovviamente portare ad una vita più lunga e migliore.

READ  La malattia di Parkinson è la malattia cerebrale in più rapida crescita nel mondo

Età biologica ed età cronologica
“In questo modo possiamo stimare con precisione l’età biologica di un organo in una persona sana. Di conseguenza, possiamo anche mappare il rischio di sviluppare una malattia associata a questo organo”, afferma il ricercatore capo Tony Wyss-Coray. sono stati eseguiti in cui è stata invocata una formula per calcolare l’età biologica di un individuo. Dopo aver studiato e analizzato un gran numero di segni vitali, ne viene proposto un numero che può essere superiore o inferiore all’età cronologica, ovvero al numero di anni trascorsi dalla nascita della persona testata.

Controlla tutti i dispositivi
Ma il nuovo studio fa un grande passo avanti. I ricercatori dell’Università di Stanford hanno sviluppato un metodo per valutare ciascuno degli 11 organi, sistemi o tessuti più importanti: cuore, grasso, polmoni, sistema immunitario, reni, fegato, muscoli, pancreas, cervello, sistema circolatorio e sistema digestivo. Hanno testato questo metodo su circa 5.700 americani. “Quando abbiamo confrontato l’età biologica di questi organi nei soggetti del test con i dati di un ampio gruppo di persone sane, il 18,4% delle persone di età superiore ai 50 anni aveva almeno un organo che stava invecchiando rapidamente”, afferma Weiss-Coray. “Abbiamo scoperto che queste persone hanno maggiori probabilità di sviluppare malattie in quell’organo specifico entro i prossimi 15 anni”. Solo una persona su sessanta presentava un deterioramento accelerato di due organi. Avevano un rischio di morte prematura 6,5 ​​volte maggiore rispetto alle persone senza organi più vecchi della media dell’invecchiamento.

L’intelligenza artificiale in soccorso
Il team ha testato quasi 5.000 proteine ​​del sangue, ha confrontato i valori di 1.400 persone di età compresa tra 20 e 90 anni e ha osservato proteine ​​i cui geni erano attivati ​​quattro volte di più in un organo che in un altro. Utilizzando un algoritmo di apprendimento automatico, sono stati infine in grado di identificare 858 proteine ​​specifiche che hanno permesso loro di effettuare una stima affidabile dell’età biologica degli organi. L’algoritmo ha testato diverse proteine ​​una per una per vedere il loro potenziale come biomarcatore dell’invecchiamento biologico accelerato.

READ  Senza i farmaci per l'ADHD, alcuni studenti non saranno in grado di studiare

Invecchiamento del muscolo cardiaco
Un organo accelerato è una deviazione standard superiore all’età biologica media dell’organo in persone della stessa età. Offre a chi lo indossa un aumento dal 15 al 50% del rischio di morte prematura nei prossimi 15 anni, a seconda di quale organo si è ulteriormente deteriorato. Ad esempio, lo studio ha dimostrato che le persone per le quali questo test mostra un invecchiamento cardiaco accelerato, ma che non hanno ancora alcun disturbo o diagnosi, hanno il 150% in più di probabilità di sviluppare insufficienza cardiaca rispetto alle persone con una salute cardiaca normale.

Intervenire prima
Le persone con cervelli “vecchi” hanno l’80% in più di probabilità di sperimentare un declino cognitivo entro cinque anni rispetto alle persone con cervelli “giovani”. Anche l’invecchiamento accelerato del cervello e del sistema vascolare sembra essere un fattore predittivo della malattia di Alzheimer. “Se riusciamo a riprodurre questi risultati in un gruppo di prova di 50.000 o 100.000 persone, significa che possiamo monitorare la salute degli organi in persone apparentemente sane”, conclude Wes-Coray. “Possiamo quindi individuare gli organi che hanno contribuito ad accelerare l’invecchiamento in queste persone e curarle prima che si ammalino.