QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Gli sciatori volarono oltre il limite come bambole, l'olandese Inge morì schiacciata: grande interesse per una causa per pista da sci 'scivolosa' in Austria |  al di fuori

Gli sciatori volarono oltre il limite come bambole, l'olandese Inge morì schiacciata: grande interesse per una causa per pista da sci 'scivolosa' in Austria | al di fuori

Un gestore di impianti di risalita austriaco è colpevole della morte di una donna olandese e delle ferite gravissime subite da altre due donne l'anno scorso mentre volavano da una pista da sci incredibilmente ghiacciata sulle rocce? Oggi il processo è iniziato presso il tribunale di Innsbruck. La sentenza potrebbe essere emessa questo pomeriggio.

Secondo il tribunale austriaco la questione è chiara: la pista da sci sul ghiacciaio di Hintertux in Austria non avrebbe mai dovuto aprire la mattina di Capodanno del 2023. La pista era semplicemente “in pericolo di vita”.

Uno sciatore dopo l'altro vola oltre il limite

Secondo un esperto di sci presso il tribunale austriaco, a Capodanno sulle piste c'erano “di tutto” che non andavano bene. Il succo: il tempo era umido e il vapore acqueo e la nebbia hanno trasformato la pista in una pista di pattinaggio. Sciare era quasi impossibile. Ma la strada è aperta, con tutte le sue conseguenze.

Il 1° gennaio 2023 tre sciatori precipitano negli abissi. Muore l'olandese Inge. La sua amica Lisa e uno sciatore tedesco sono rimasti gravemente feriti. L'immagine mostra i lavori di salvataggio. © Zoom Tirolo

La giovane donna olandese morta si chiamava Inge. È caduta violentemente intorno alle 10 ed è scivolata per 100 metri lungo la pista. Ha attraversato la rete di marcatura, ha volato per 27 metri in aria ed è atterrato su un albero. È morta sulla scena del suo infortunio. La sua amica Lisa cadde quasi contemporaneamente; Atterrò su una roccia e si ruppe la schiena. Oltre alle due olandesi, quella mattina altri cinque sciatori hanno volato oltre il limite. Alcune vittime avevano decenni di esperienza nel pattinaggio. Anche loro sono rimasti feriti.

La turista tedesca Betty Kugel è rimasta gravemente ferita, proprio come l'olandese Lisa: si è fratturata il cranio urtando le rocce decine di metri più in basso. Kugel è ancora in cattive condizioni e necessita di qualche altro intervento chirurgico per la sua guarigione. Oggi è venuta in aula portando un bastone e zoppicando. “Era così scivoloso, sembrava una pista di hockey sul ghiaccio. Non riuscivo a muovermi quando scivolavo via.

READ  La prima foto del sospetto rapitore Cleo (4): "Ha dubitato di se stesso comprando i pannolini" | Instagram HLN

Quasi tutti i testimoni hanno affermato di essere caduti “senza alcuna possibilità”. Alcuni ne portarono altri con sé nella loro caduta. Decine di persone sono scivolate lungo la pista di pattinaggio. Coloro che sono stati “fortunati” non sono volati oltre il limite e ne sono usciti solo con una mano rotta o con lividi.

Un'aeroambulanza recupera una vittima il giorno di Capodanno 2023 sul ghiacciaio dell'Hintertux.
Un'aeroambulanza recupera una vittima il giorno di Capodanno 2023 sul ghiacciaio dell'Hintertux. © Zoom Tirolo

Omicidio colposo e colpa grave

Klaus D., il 65enne direttore della Zillertaler Glacierbahn e due suoi collaboratori, Michael J. (34 anni) e Marcus Yu (24 anni), sono oggi sotto processo con l'accusa di omicidio colposo e lesioni personali gravi per negligenza grave. . Tutti e tre si sono dichiarati non colpevoli. Hanno fatto quello che facevano sempre quella mattina. “Le condizioni non erano dure, erano scivolose”, ha detto Yu.

Secondo il loro avvocato Andreas Grabenweger, ci sono state circostanze eccezionali che hanno fatto sì che la pista diventasse improvvisamente ghiacciata la mattina presto. Il climatologo Karl Gabel ha affermato in un rapporto che si sta verificando uno “spostamento della copertura nevosa”.

L'interesse dei media e dei gestori degli impianti di risalita austriaci è notevole per questa causa. La sentenza potrebbe avere gravi conseguenze per i requisiti di sicurezza imposti ai comprensori sciistici.

Il ghiacciaio di Hintertux in una foto scattata all'inizio dell'anno scorso.
Il ghiacciaio di Hintertux in una foto scattata all'inizio dell'anno scorso. © Zoom Tirolo

Le donne olandesi Lisa e Rutger hanno raccontato la loro storia qualche settimana fa ai nostri colleghi di AD.nl. Oggi sono testimoni anche nell'aula del tribunale di Innsbruck. Lisa ha detto che sono scesi con molta attenzione. “Abbiamo incontrato altri pezzi di ghiaccio e ci siamo detti: 'State attenti. Stiamo andando molto lentamente, anche se ci vorrà molto tempo per raggiungere il fondo.'” Ma sul luogo del disastro non ci si è potuti fermare Esso.

READ  Dopo settimane di lotta e contro la volontà dei genitori: domani si interromperanno le cure del dodicenne cerebroleso Archie | All'estero

Nessuna ispezione

C'era qualcosa di più sbagliato oltre al semplice sentiero ghiacciato. Quella mattina nessuno della società degli impianti di risalita è sceso a controllare la pista per assicurarsi che tutto fosse sicuro. Questo è obbligatorio. Quando il giudice Norbert Hofer chiese perché la pista non fosse stata controllata, i tre sospettati non ebbero risposta.

La pista da sci sarebbe stata aperta se la sezione ghiacciata fosse stata scoperta prima? Era una linea rossa come mostrato? Secondo l'esperto di sci la pendenza di questo tratto era molto ripida e avrebbe dovuto essere classificata come “nera”, la categoria più ripida e difficile. Dei quasi 400 metri, solo 39 metri erano rossi. Il resto era più nitido, nero. “Se la pista fosse stata segnalata in nero, sarebbe stato possibile almeno avvisare le vittime che si trattava di un tratto difficile. Il colore rosso significa che anche gli sciatori di livello intermedio possono percorrere le piste”, ha detto il procuratore.

La maggior parte degli sciatori ignora le piste nere perché le considera troppo pericolose. “Quella parte della pista era l'unica via d'accesso a valle. Se non lo facevi con gli sci, dovevi scendere con due o tre cabinovie. Naturalmente ci vorrebbe mezz'ora”, spiega l'avvocato. Florian Stachowitz dello studio legale Wijnkamp Stachowitz, specializzato in incidenti sciistici: “Non attira i turisti, quindi l'imprenditore vuole tenerlo aperto” e sostiene le vittime olandesi.

La gente non aveva alcuna possibilità

Le persone che sono cadute non hanno avuto scampo. Chi cade su una pista nera non rimane sul fondo, ma scivola e accelera. Probabilmente le donne volarono verso rocce e alberi ad una velocità di circa 50 chilometri all'ora. Ricostruzioni di incidenti sulle piste e interpretazioni dimostrano che alcune persone scivolarono fino a 100 metri sulla pista di pattinaggio. La rete davanti alla scogliera era una rete di segnalazione e non adatta a catturare persone.

READ  L'autista blocca l'uomo in un taxi e impedisce potenziali bagni di sangue a Liverpool all'estero

Avrebbe dovuto agire subito e chiudere la pista. Quello era il suo lavoro.

Florian Stachowicz, avvocato olandese delle vittime

Perché la pista non è stata chiusa? Il file mostra che un dipendente ha riferito che quel luogo era pericoloso, ma la pista è stata chiusa solo dopo che si sono verificati i terribili incidenti. Stachowicz: “Il manager non ha fatto nulla dopo quella chiamata. Il ragazzo che era sul posto lavorava su quella pista da molto tempo. Avrebbe dovuto agire immediatamente e chiudere la pista. Quello era il suo lavoro.” Hanno detto i dipendenti della pista ” ha sempre fatto così.” “Metodo”.

responsabile?

Dove finisce la responsabilità dello sciatore e dove inizia quella del gestore dello skilift? Questa domanda è centrale oggi per il giudice di Innsbruck. Klaus D., Michael J.,. E Marcus Yu, potrebbero ricevere gravi pene detentive per la loro negligenza e una pesante multa per l'operatore dell'ascensore.

Sul banco dei testimoni saranno presenti sedici persone in totale. Verranno poste domande anche sui materiali ottenuti dalle vittime. Gli sci erano abbastanza affilati? Tuttavia, secondo Stachowicz, le ricerche hanno dimostrato in modo definitivo che c'era troppo ghiaccio per sciare. “È anche possibile che qui siano cadute persone che sanno sciare bene con sci perfettamente affilati. Quando si acquista un biglietto per lo skilift si stipula un contratto. Bisogna essere sicuri di saper sciare, e il gestore dell'impianto di risalita deve assicurarsi che le piste sono al sicuro.”