QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Google Maps provoca terribili ingorghi in Italia

Google Maps provoca terribili ingorghi in Italia

Non è sempre una buona idea avere una fiducia cieca nelle app di navigazione, come è stato evidente questo fine settimana in Italia.

Il modo più veloce per andare da A a B? Le app di navigazione di solito possono prevederli bene. App come Google Maps e Waze tengono conto di tutti i tipi di fattori come la folla, il traffico e il consumo di carburante per guidarti senza problemi verso la tua destinazione. A volte può andare storto. Ciò è stato evidente ancora una volta in Italia lo scorso fine settimana, dove si è verificato un ingorgo mostruoso.

L’anno scolastico in Italia termina l’8 giugno, quindi le vacanze estive sono già iniziate. Per molte famiglie, ciò significa tempo di viaggio. Tanti italiani lasciarono il Paese per andare in Austria. Ciò crea sempre problemi se molte persone decidono improvvisamente di andare in vacanza contemporaneamente: anche qui le autostrade si congestionano rapidamente durante le festività natalizie.

Per evitare gli ingorghi è interessante utilizzare un’app come Google Maps: può vedere i luoghi con ingorghi e suggerire percorsi alternativi così puoi arrivare a destinazione in tempo. Anche se questo fine settimana dovesse causare grossi problemi, Google si affretta a garantire il minor disagio possibile durante il lavoro.

Grande diversivo

Ciò è stato reso possibile da un bug di Google Maps. L’app di navigazione è stata completamente bloccata a causa dei lavori in corso in autostrada. Tuttavia, in pratica, l’autostrada era senza ostacoli e le persone che non utilizzavano Google Maps potevano semplicemente guidare. Migliaia di automobilisti che si affidavano a Google per la navigazione sono stati costretti ad abbandonare l’autostrada e a spostarsi sulle stradine locali di Vipiteno, in Alto Adige.

READ  Giornate in campo dedicate alla pera Eden nel Sud Italia

La continuità si lascia scrivere: quelle strade non erano certo progettate per il traffico pesante. Gli automobilisti sono rimasti bloccati per ore negli ingorghi, che presto sono diventati lunghi fino a chilometri. La polizia stradale e le autorità locali hanno cercato di contenere i danni. Ciò è stato fatto con annunci in uso e segnali che indicavano che l’autostrada era aperta.

Questo incidente dimostra che le app di navigazione come Google Maps e Waze non sono infallibili. Se qualcosa va storto, le conseguenze possono essere immediatamente disastrose. Anche se Google Maps di solito fa un buon lavoro nel fornire informazioni aggiornate, non è una cattiva idea dare di tanto in tanto un’occhiata più critica a tali informazioni.