QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Google risolve la causa sul tracciamento dei consumatori in modalità di navigazione in incognito

Google risolve la causa sul tracciamento dei consumatori in modalità di navigazione in incognito

Qualcuno che naviga in Internet “privatamente” può aspettarsi che le sue attività rimangano veramente private? Oppure è sottinteso che Google raccoglie dati anche dai consumatori? Questo è stato il fulcro di un'azione legale collettiva intentata contro Google da un piccolo gruppo di consumatori americani nel 2020.

I consumatori hanno chiesto a Google un risarcimento di 5 miliardi di dollari (4,5 miliardi di euro). La soluzione del caso emerge ora da un documento emesso da un tribunale della California. La causa, prevista per febbraio, non andrà avanti. Non è noto cosa abbia concordato Google con i denuncianti. Pertanto, non è chiaro su cosa si sia concentrata Google; I dettagli su questo non vengono fuori.

È tutta una questione di opzione di navigazione in incognito. Google offre questa funzionalità in Chrome. “Ora puoi navigare in privato”, riferisce Google. E: “Le altre persone che utilizzano questo dispositivo non possono vedere la tua attività.” In pratica ciò significa che Google non memorizza la tua cronologia di navigazione. Lo stesso vale per i cookie.

Tuttavia, il termine “privato” è a dir poco confuso. Le attività su Internet rimangono invisibili ai coinquilini curiosi che poi guardano la cronologia del tuo browser, ma non sono invisibili, ad esempio, al tuo provider Internet. Google stesso può comunque ottenere informazioni sul tuo comportamento di navigazione, anche in base al tuo indirizzo IP o a un insieme di caratteristiche specifiche del tuo computer, come il sistema operativo utilizzato, la versione del browser e le dimensioni dello schermo.

Non proprio speciale

Google continua a raccogliere questi dati, tra le altre cose, per scopi di analisi e pubblicitari. Indipendentemente dal fatto che i consumatori navighino in privato o meno, i browser in incognito sono anche preziosi punti dati per Google. I ricorrenti ritenevano quindi che Google non avesse chiarito a sufficienza che il settore privato non era veramente privato.

Google ha provato più volte a smentire la questione sostenendo che gli utenti sono già a conoscenza del fatto che Google raccoglie dati anche in modalità di navigazione in incognito. Ogni volta che un utente apre una finestra di navigazione in incognito, l'azienda afferma che le parti possono comunque raccogliere dati. All'epoca il giudice non era d'accordo: Google non avrebbe informato esplicitamente i suoi utenti.

La transazione dovrebbe essere presentata alla corte alla fine del mese prossimo. L'approvazione definitiva avverrà dopo un mese.

È il secondo importante accordo di Google in breve tempo. All’inizio di questo mese, la società ha rilevato una causa per 640 milioni di euro. Ciò includeva azioni legali intentate contro le politiche dell'App Store. Gli stati e i consumatori degli Stati Uniti hanno accusato Google di rendere quasi impossibile per gli sviluppatori di app distribuire app su piattaforme diverse dal proprio Google Play Store.

READ  L’economia cinese è vicina al collasso