QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Grazie a una dieta rigorosa e a un ipnoterapeuta: Luke Humphries è l’uomo da battere nel campionato mondiale di freccette

Grazie a una dieta rigorosa e a un ipnoterapeuta: Luke Humphries è l’uomo da battere nel campionato mondiale di freccette

Dimentica Michael van Gerwen o Gerwen Price: Luke Humphreys (28) detiene il titolo di favorito alla Coppa del mondo di freccette di quest’anno. L’inglese ha raggiunto il successo quest’autunno con tre titoli importanti, ma ha dovuto superare alcuni seri ostacoli sulla strada verso quel successo. Piatto personale.

“Sono senza parole. Ho lavorato così duramente perché ciò accadesse. Penso che questo sarà il primo di molti.”

Un emozionato Luke Humphries pronunciò parole profetiche all’inizio di ottobre. L’alto inglese aveva appena vinto il suo primo campionato importante al Gran Premio del mondo di Leicester dopo una finale di alta qualità contro Gerwyn Price.

Il sollievo è stato enorme per il 28enne Humphreys, perché dopo ben 20 finali PDC e otto titoli, l’animale da addestramento è stato finalmente ricompensato per il suo lavoro, anche ai massimi livelli.

Con questa vittoria a Leicester, Humphries ha iniziato una storica serie di successi quest’autunno. In soli 49 giorni, dopo il Gran Premio, vinse anche il Grande Slam di Freccette e le Finali del Campionato dei Giocatori. Nessuno ha mai vinto i primi tre major al PDC più velocemente.

È emersa una nuova stella.

Luke Humphries è uno dei nuovi testimonial delle freccette.

Lotta con se stesso

Anni fa, ci si aspettava che Humphries avesse un futuro da star globale. “Cool Hand Luke” ha suscitato scalpore negli ambienti giovanili e ha vinto la Coppa del mondo giovanile nel 2019. In questo modo ha seguito le orme del suo contemporaneo Dimitri van den Berg.

Ma mentre il nostro connazionale è riuscito a vincere il suo primo campionato importante un anno dopo al World Matchplay Championship, la carriera professionale di Humphries non è mai realmente decollata.

READ  Kompany era deluso dal risultato, ma sapeva anche prima della partita che c'era ancora tanto lavoro da fare

Dopotutto, l’inglese ha dovuto affrontare problemi sia fisici che mentali. “Soffro di palpitazioni e pressione al petto e questo mi perseguita da un po’”, ha testimoniato al riguardo in un’intervista a PDC nel 2019.

Dai Mondiali del 2017 ho costantemente una sensazione di tensione al petto. La mia mente fugge dai pensieri negativi su ciò che mi sta accadendo.

Luca Humphries

“Tutto è iniziato un mese prima dell’inizio della Coppa del Mondo 2017, il mio primo torneo televisivo. Da allora ho costantemente sofferto di una sensazione di tensione al petto. La mia mente fugge dai pensieri negativi su ciò che mi sta accadendo. “

Il suo disturbo d’ansia e i suoi pensieri depressivi sono diventati così gravi che Humphreys ha pensato di posare definitivamente le sue frecce nella primavera del 2019.

Ma alla fine non lasciò che si arrivasse a questo. Dopo una breve pausa, Humphreys cercò aiuto e una visita dall’ipnoterapeuta, tra gli altri, segnò finalmente un nuovo inizio.

Humphries ha combattuto con se stesso sia mentalmente che fisicamente per anni.

la mente perfetta in un corpo sano

Non solo mentalmente, ma anche fisicamente, Humphries ha scelto di resettarsi. Durante il periodo di lockdown dovuto al Corona, l’inglese ha notato che le sue prestazioni erano compromesse a causa delle sue condizioni fisiche e dell’obesità. Soffriva anche di una stanchezza costante.

Era necessario uno stile di vita più sano. Humphries ha scelto di seguire una dieta rigorosa e ha perso decine di chili in pochi mesi.

Humphreys in seguito disse: “Alcuni giocatori hanno difficoltà a respirare quando perdono o aumentano di peso, motivo per cui ho continuato ad allenarmi duramente durante quel periodo”.

READ  AA Gent-Standard è il poster più bello dei quarti di finale, Club Brugge contro OHL | Coppa del Belgio

“Se perdi un paio di chilogrammi a settimana, ma ti alleni molto, il tuo corpo non sentirà il cambiamento e il tuo gioco non ne risentirà.”

Perdere peso mi dà una vita più sana e una mente più sana. Mi sento di nuovo pieno di energia.

Luca Humphries

È così che Humphreys diventa una figura di spicco nel nuovo gioco delle freccette: anche lui, come Gerwyn Price, mette fine allo stereotipo dei giocatori di freccette grassi.

“Perdere peso mi dà una vita più sana e una mente più sana. Mi sento di nuovo pieno di energia. Lavorare duro durante il blocco mi sta aiutando in questo, e spero che mi renderà un giocatore migliore in futuro.”

E così è successo.

Allo UK Open del 2021, pochi mesi dopo aver iniziato la sua dieta, un magro Humphreys ha immediatamente raggiunto la finale. “Il momento decisivo”, come lo chiamò più tardi, perché dopo quella partita finale (la sconfitta) seguì una tempesta molto veloce.

Questo contiene contenuti inseriti da un social network di cui desideri scrivere o leggere cookie (🕏). Non hai dato il permesso per questo.

In missione in “Ally Pally”

Ai Mondiali si parte tutti da zero. Quindi non importa cosa dicono i bookmaker.

Luca Humphries

Ma le statistiche non fanno vincere i campionati. Humphreys lo sa meglio di chiunque altro. “Ai Mondiali tutti iniziano da zero – ha detto questa settimana – poi non importa cosa dicono i bookmaker”.

Il suo ruolo preferito lo lascia freddo. “La gente mi ha messo in vantaggio perché ho vinto gli ultimi tre degli ultimi quattro tornei. Ma ogni serie di vittorie prima o poi finisce”.

Tocca a “Cool Hand Luke” continuare questa serie a Londra. Humphries apre il suo torneo stasera alle 23:10 contro Lee Evans.

Imparentato: