QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Hein Vanhaezebrouck prende un colpo: ‘È pazzesco da giocare’ | Jupiler Pro League

Prima di fare una sola domanda in conferenza stampa, Heine Vanheisbroek ha trasmesso il suo cuore in un lungo sermone. “che è pazzo Questo è il modo in cui dovremmo giocare a calcio”.

“La proposta di posticipare la competizione era la proposta più ragionevole”. Lo dicono per interesse personale, “si sente. Ma è nell’interesse generale dell’intera popolazione”.

“Finora nessun sostituto è stato così contagioso. Ma non l’hanno capito in Pro League e nel comitato calendario. Hanno fatto notare che è difficile, e quasi impossibile, recuperare queste partite”.

“Poi indicano Eleven, che ha detto che le partite dovrebbero svolgersi martedì alle 14. Forse queste Eleven sono persone di un altro mondo?”

“C’è il Covid per tutti. Tutti devono adattarsi, ma chiaramente non è il caso di Eleven. Gioca quelle maledette partite alla stessa ora di notte! Nessuno vuole essere abbinato martedì alle 14. Che stupida ragione? E tutto questo per i soldi.”

“Non c’è nemmeno folla negli stadi, quindi ancora una volta i club subiranno molte sconfitte. Anche questo è un ulteriore argomento per rimandare tutto fino a quando le cose non si risolveranno. Con una sola squadra che giocava in Europa, ci sono stati abbastanza momenti a febbraio. “

Vanhaezebrouck teme che le misure attuali porteranno a casi più positivi. “Per me la salute viene prima di tutto e lo stesso vale per tutti gli altri club. Quasi tutti ne sono stati colpiti”.

“Ora in Pro League si dice: chi è stato potenziato non ha più bisogno di essere testato. Mia moglie è stata potenziata ed è già malata. Quindi è contagiosa e può trasmettere malattie”.

READ  L'ex judoka Heidi Rackles vuole essere la relatrice della Camera: "Il mio cuore è nello sport" | judo

“Ci mancheranno due giocatori che sono stati rinforzati, mentre non avremmo dovuto metterli alla prova per niente, così possono giocare perfettamente. Feriti e contagiosi. Succederà anche che scendano in campo ragazzi contagiati. Intento?”

Vanheisbrück non ha voluto parlare molto dell’effetto dell’infezione su AA Gent. “Ma sicuramente non vedrai un normale jinn sul campo.”