QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I medici di base combattono la disinformazione sulle vaccinazioni, ma non possono farcela da soli: 'La Segreteria di Stato deve agire'

I medici di base combattono la disinformazione sulle vaccinazioni, ma non possono farcela da soli: 'La Segreteria di Stato deve agire'

Chi garantirà che il tasso di vaccinazione tra i neonati e i bambini non diminuisca ulteriormente? I medici di medicina generale fanno del loro meglio per persuadere e informare quante più persone possibile. Ma non possono farcela da soli, come conferma il dottor Shakib Sana.

Desta grande preoccupazione il tasso di vaccinazione relativamente basso tra i bambini piccoli. Meno genitori vaccinano i propri figli, ad esempio, contro la pertosse e il morbillo.

Paura dello scoppio della malattia

Ciò ha già causato un’epidemia a Eindhoven, secondo i dati del RIVM. Il ricercatore medico di base di Rotterdam Shakib Sanaa teme un'epidemia nella sua zona: “Sempre più persone vengono con bambini con macchie sul corpo”.

Il segretario di Stato Martin van Oijen per la Salute, il Welfare e lo Sport (VWS) ha presentato questa settimana un piano per aumentare il tasso di vaccinazione. Una parte importante di questo è combattere la disinformazione. “Dobbiamo davvero muoverci”, concorda Sana.

Tre gruppi di persone

Secondo Sanaa, le persone che non hanno ricevuto le vaccinazioni dei propri figli possono essere divise in tre gruppi. “In primo luogo, si tratta di persone che in realtà, consapevolmente, non lo vogliono. E si tratta spesso di persone altamente istruite.” Sanaa descrive che il secondo gruppo ha deciso di non farsi vaccinare a causa del proprio credo religioso. Secondo Sanaa le opportunità risiedono in quest'ultimo gruppo. “Queste persone non sono ben informate e si sentono incerte riguardo alla vaccinazione. Questo è ciò su cui ci stiamo concentrando.”

Oltre all’ignoranza, un ruolo importante gioca la disinformazione. “Vediamo le conseguenze della disinformazione”, afferma Sanaa. “Il problema è che le persone fingono di essere esperte di social media, ma danno consigli solo in base a ciò che è successo loro. Un paziente non è la stessa cosa di centinaia.”

READ  "Senza farmaci, avrebbe avuto più convulsioni."

Buone informazioni tramite TikTok

Sanaa combatte la disinformazione tramite TikTok. Attraverso la piattaforma Doctors Today, nata circa due mesi fa, molti medici rispondono alle domande più frequenti tramite video. Condividono anche contenuti sulle vaccinazioni, ad esempio contro la pertosse e il morbillo. Secondo SANA i social media sono uno strumento importante per combattere la disinformazione.

Non è la prima volta che Shakib Sana si impegna a combattere i bassi tassi di vaccinazione. Anche al culmine della pandemia di coronavirus, si è recato nei quartieri vulnerabili per parlare con le persone non vaccinate. “C'era molta ignoranza. Per far capire alla gente bisogna andare da loro.”

Dagli stessi professionisti

Il ministro di Stato Van Oijen ha recentemente scritto una lettera alla Camera dei Rappresentanti in dieci punti che aumenterebbero il tasso di vaccinazione. Il primo è mobilitare gli operatori sanitari e gli influencer contro la disinformazione, come sta facendo Physicians Today. Il Ministro di Stato vuole ampliare la portata di queste iniziative. Come aiutare è ancora difficile, dice.

“La forza di tali iniziative è che provengono dagli stessi professionisti. Osserviamo costantemente come noi, come governo, affrontiamo questo problema. Mi piacerebbe molto facilitarle. Allo stesso tempo, noi come governo dobbiamo stare attenti per garantire che la fiducia non diminuisca.”

Ruolo del governo

SANA ha avviato colloqui anche con il Ministro di Stato. Secondo lui, come governo non potete evitare di prendere l’iniziativa nella lotta contro la disinformazione. “Le campagne pubbliche sono necessarie. È qui che entra in gioco il governo. Capisco che il ministro di Stato sia titubante, ma deve agire”.

READ  Jesse Hugh bilancia ad alto livello con la fibrosi cistica #festivalcircolo

Ammette anche che si tratta di un equilibrio difficile. “Le informazioni dovrebbero essere accessibili e facili da comprendere. Ma come trovarle?” “La domanda rimane: come puoi, come governo, raggiungere i posti giusti”, dice Sanaa.

'È davvero pericoloso'

Avere le informazioni giuste al posto giusto è molto importante. Se un bambino contrae il morbillo, le conseguenze possono essere gravi. Anche Ellen se ne è accorta, poiché di recente ha perso suo figlio Anand a causa del morbillo. Ha contratto l'infezione in giovane età e, anche se a prima vista non c'era nulla di sbagliato, le cose sono cambiate.

Quando Anand aveva 10 anni, le sue condizioni peggiorarono rapidamente e alla fine morì di morbillo dopo una malattia durata 12 anni. Elaine in precedenza aveva detto: “Tutti i bambini che ne soffrono sono in realtà un numero molto elevato. È terribile. Non si può immaginare che una persona sana possa contrarre questa malattia. Vorrei avvertire, soprattutto i bambini, che questo è molto serio”.

Inizia la conversazione

Secondo Sanaa, condividere queste storie personali è molto importante. “Quando senti da un genitore che un genitore si è ammalato, puoi immaginare meglio cosa significa. Se ti vengono costantemente fornite informazioni secche, non ti aiuterà. Certamente ti aiuterà se permetti ai tuoi compagni pazienti di comunicare con l'un l'altro. Andiamo.”

Invita alla discussione reciproca. L’accessibilità è fondamentale qui. “In realtà dovrebbe essere una conversazione davanti alla macchina del caffè.”

Riproduzione audio

Il medico di base di Schilderswijk all’Aia vuole che il governo faccia di più contro i bassi tassi di vaccinazione

READ  GGD dilata i siti di iniezione temporanea; La prossima settimana anche a Roelofarendsveen e Hillegom

Chiede? Chiediglielo!

Hai qualche domanda o vorresti delle risposte? Mandaci un messaggio qui nella chat. Ogni giovedì nella newsletter Get Involved ti diciamo cosa stiamo facendo con tutte le risposte. Lo vuoi nella tua email? Allora registrati qui.