QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Diagnosi: il numero di uomini con diagnosi di cancro alla prostata raddoppierà

Diagnosi: il numero di uomini con diagnosi di cancro alla prostata raddoppierà

Il numero di uomini a cui viene diagnosticato il cancro alla prostata raddoppierà entro il 2040 arrivando a 2,9 milioni ogni anno in tutto il mondo. Questo è quanto scrive un gruppo internazionale di esperti in un'analisi esaustiva Che è stato pubblicato giovedì Nella rivista medico-scientifica Il bisturi. I risultati saranno presentati e ulteriormente chiariti questo fine settimana in occasione di un'importante conferenza europea di urologi a Parigi.

L’aumento previsto del numero di casi è accompagnato da un aumento dell’aspettativa di vita della popolazione mondiale. Gli esperti avvertono che il crescente peso della malattia potrebbe diventare un problema, soprattutto nei paesi a basso e medio reddito. Già lì la diagnosi viene effettuata relativamente tardi, il che significa che la maggior parte dei pazienti in questi paesi è incurabile.

Con l’arrivo di più uomini anziani, ciò significa un maggiore afflusso di pazienti. Ciò è diventato grave poiché in questi paesi vi è anche carenza di radioterapisti e urologi. Pertanto, le opzioni di rilevamento e trattamento necessitano di miglioramenti urgenti. Gli esperti stimano che il numero di decessi per cancro alla prostata in tutto il mondo aumenterà da 375.000 casi nel 2020 a quasi 700.000 casi nel 2040, con un aumento dell’85%.

“Sarà difficile cambiare la situazione”, dice l'urologo Harm van Mieleck, presente anche lui alla conferenza di Parigi. “Non è possibile risolvere questo problema semplicemente modificando lo stile di vita. In realtà, se ti verrà il cancro alla prostata è determinato fin dalla culla, e il rischio aumenta con l'avanzare dell'età.

Nei Paesi Bassi e nella maggior parte degli altri paesi occidentali si è già verificato un aumento significativo del numero di casi di cancro alla prostata, guidato dagli sviluppi demografici e dal miglioramento dei metodi diagnostici. In qualità di consulente medico dell'Integrated Cancer Center Netherlands (IKNL), van Mieleck ha contribuito a un futuro rapporto per i Paesi Bassi, che durerà fino al 2032. Si prevede solo un leggero aumento del numero di diagnosi di cancro alla prostata.

READ  Toccando i batteri usando un tamburo di grafene

A livello globale la situazione è molto diversa. Finora la ricerca scientifica sul cancro alla prostata si è concentrata soprattutto sugli uomini di origine europea, mentre il rischio di sviluppare questo tipo di tumore è doppio rispetto agli uomini di origine africana. I ricercatori affermano che sono urgentemente necessarie ulteriori ricerche per determinare le ragioni di queste differenze razziali nel carico delle malattie Il bisturi.

Il cancro alla prostata è il tipo di cancro più comune tra gli uomini nei Paesi Bassi. L’anno scorso, a 14.562 uomini è stato diagnosticato il cancro alla prostata. La stragrande maggioranza (92%) aveva all’epoca 60 anni o più. Di tutti i pazienti, il 36% aveva 75 anni o più. In media, questo gruppo di pazienti più anziani ha una sopravvivenza inferiore rispetto ai pazienti più giovani, il che non può essere pienamente spiegato dallo stadio già avanzato del cancro.

Se il tumore viene rilevato precocemente, di solito può essere trattato bene. Se il cancro alla prostata si è diffuso ai linfonodi, alle ossa o ad altri tessuti, la prognosi è meno favorevole. In questo gruppo, quasi la metà muore entro cinque anni dalla diagnosi. Van Mileck: “Non sorprende quindi che in Europa ci siano sempre più voci a favore dell’introduzione dello screening per il cancro alla prostata su base di popolazione”.