QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I motori di ricerca chiedono alle autorità di regolamentazione di avere regole più severe per le schermate di selezione – IT Pro – News

DuckDuckGo, Ecosia e Qwant non sono contenti della schermata di selezione del browser sui dispositivi mobili che è diventata la norma per alcuni anni. I motori di ricerca chiedono alle autorità di regolamentazione e ai politici di mantenere le aziende tecnologiche su regole più severe.

Le aziende dietro i tre motori di ricerca fanno proprio questo In una lettera aperta nella schermata di selezione del browser. Non si riferisce specificamente alla schermata di selezione che Google È stato implementato in Android dal 2020ma su Legge sui mercati digitali appena approvata dall’Unione Europea. Include anche regole sui “gatekeeper digitali”. I motori di ricerca DuckDuckGo, Ecosia e Qwant chiedono alle autorità di regolamentazione e ai politici internazionali di stabilire regole che regolino meglio le schermate di selezione del browser per questi buttafuori. Citano specificamente dieci principi che la schermata di selezione deve rispettare. Pensano anche che sia più facile cambiare il motore di ricerca predefinito nel sistema operativo. Le aziende ora lo trovano molto difficile.

Ad esempio, la partecipazione alla schermata di selezione dovrebbe essere gratuita. Google consentiva ai motori di ricerca di partecipare alle aste per un posto nella schermata di selezione dei motori di ricerca, ma si è fermato lì l’anno scorso† I motori di ricerca ritengono inoltre che le schermate di selezione dovrebbero essere sempre visibili come un’impostazione chiara e non solo quando il dispositivo è configurato, e dovrebbero essere visualizzate attivamente dagli utenti su base regolare. I motori di ricerca vogliono anche un’opzione che sia implementata in modo più ampio. Se l’utente sceglie un motore di ricerca specifico su un dispositivo, dovrebbe cambiare anche su altri dispositivi e negli strumenti di ricerca, ad esempio. Inoltre, non dovrebbero esserci ostacoli tecnici alla rimozione del motore di ricerca e dell’applicazione predefiniti, come il browser.

READ  Società di nome MetaX fa causa alla società madre di Facebook per furto di nome - IT Pro - News

Le società di motori di ricerca chiedono ai responsabili politici di tutto il mondo di attuare le regole che suggeriscono. Elogiano l’UE perché molte delle loro proposte sono già incluse nel DMA. “L’efficacia del mandato dell’UE e delle autorità di regolamentazione in tutto il mondo dipenderà da come i guardiani attueranno queste regole per conformarsi a queste nuove regole”. Credono che i guardiani non rispetteranno completamente tutte le regole fino a quando le autorità di regolamentazione non mostreranno come le regole vengono applicate.