QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Quanto è pericolosa la pertosse?  Come si riconosce il morbillo?  Queste e altre sei domande su due malattie “dimenticate”.

Quanto è pericolosa la pertosse? Come si riconosce il morbillo? Queste e altre sei domande su due malattie “dimenticate”.

Otto domande sulle malattie infettive: pertosse e morbillo sono in aumento nei Paesi Bassi. Quanto sono gravi queste malattie? I vaccini hanno effetti collaterali spiacevoli?

L'epidemia di morbillo a Eindhoven, il crescente numero di segnalazioni di pertosse e la morte di quattro bambini riportano l'attenzione su due malattie “dimenticate”. Quali sono i tipi di malattie e quanto sono pericolose? Otto domande su morbillo e pertosse.

1. Quanto sono contagiosi il morbillo e la pertosse?

Il morbillo è altamente contagioso, molto più contagioso dell’influenza, per esempio. Il virus può vivere per ore nelle goccioline presenti nell’aria. Una persona infetta dal morbillo ne contagia altre dodici-diciotto ed è già contagiosa prima che compaiano le caratteristiche macchie rosse.

Anche la pertosse, un’infezione causata da batteri, è altamente contagiosa. È sorprendente, soprattutto all'inizio, prima che inizino i tipici attacchi di tosse. La pertosse viene trasmessa anche dalle goccioline della tosse. Se un membro della famiglia viene infettato dalla pertosse, in media il 90% dei membri della famiglia si infetterà se non sono protetti. Lo sei anche se sei stato vaccinato o hai avuto la pertosse negli ultimi anni.

2. Come si riconoscono queste malattie?

Il morbillo è inserito nel programma nazionale di vaccinazione dal 1976, da così tanto tempo che molti medici di base hanno poca esperienza nel trattarlo, come ha scritto uno a proposito di X. Come si riconosce questa malattia? La condizione inizia con febbre, raffreddore e malessere generale. Le macchie rosse compaiono solo dopo tre-sette giorni. Macchie bianche in bocca e ipersensibilità alla luce possono mettere i medici sulla via precoce del morbillo.

All'inizio la pertosse spesso non si nota perché inizia con un comune raffreddore al naso. La tosse che abbaia e sibila non si manifesta fino a una o due settimane dopo. I bambini possono stancarsi a causa della tosse e quindi avere difficoltà a bere. Entrambe le malattie hanno un periodo di incubazione abbastanza lungo: dopo l’infezione è necessaria più di una settimana prima che si ammali. Anche i pazienti affetti da pertosse rimangono contagiosi per lungo tempo, fino a cinque settimane, senza l'uso di antibiotici.

READ  Lucille si è presa il polmone del Covid: 'Continuavano a mandarmi a casa dicendo 'Non c'è niente che non va'

3. Quanto sono gravi queste malattie?

Secondo il RIVM, più della metà dei bambini che soffrono di pertosse finiscono in ospedale. Quest’anno quattro bambini sono morti di pertosse. La tosse frequente e la mancanza di ossigeno possono causare danni al cervello. Per gli adulti la malattia è meno grave, ma non priva di rischi. La polmonite e il collasso polmonare sono possibili complicazioni. Puoi persino romperti le costole tossendo.

Il rischio di morte per morbillo in un paese sviluppato come i Paesi Bassi è piccolo: uno su diecimila, ma il morbillo non è dannoso. Nei casi più gravi, provoca polmonite o encefalite. Quest'ultimo compare solo qualche anno dopo ed è quindi fatale. Chiunque abbia il morbillo rimane a lungo a maggior rischio di infezione da altre malattie infettive.

4. Qual è il trattamento?

Non esistono farmaci per il morbillo. La maggior parte dei pazienti guarisce dopo una settimana o dieci giorni. Si consiglia tuttavia di contattare il proprio medico di famiglia per effettuare la ricerca sulla fonte e sul collegamento. I malati devono rimanere a casa per prevenire la diffusione della malattia.

La pertosse può essere trattata con antibiotici, anche se i batteri spesso scompaiono al momento della diagnosi. Se in una famiglia un bambino non protetto soffre di pertosse, a tutta la famiglia possono essere somministrati antibiotici per eliminare i batteri.

5. Quanto sono efficaci i vaccini nel proteggere?

Il vaccino non protegge mai completamente tutti. Ma vaccinare le donne incinte contro la pertosse (dal 2019) ha assicurato che nove bambini piccoli su dieci esposti alla malattia non contraessero la pertosse. Se i bambini vaccinati si infettano, si ammalano meno. Durante il primo anno i bambini ricevono quattro iniezioni di pertosse in un cocktail che protegge anche da difterite, tetano e poliomielite. Quando i bambini raggiungono i quattro anni e la loro resistenza a queste malattie diminuisce, ricevono un’altra iniezione.

READ  Un nuovo farmaco per chi non produce anticorpi contro il corona

I bambini non ricevono il vaccino contro il morbillo fino all’età di quattordici mesi e poi, quando hanno nove anni, vengono vaccinati con la combinazione parotite-morbillo-rosolia (abbreviata in MMR). Dato che il vaccino contro il morbillo non protegge i bambini fino a un anno così bene come quando hanno quattordici mesi, questa dose arriva relativamente tardi.

I bambini che presentano un rischio maggiore di contrarre il morbillo, ad esempio perché compaiono nell’ambiente o perché si recano in un Paese in cui il morbillo è comune, possono essere vaccinati precocemente. Ciò è possibile dopo sei mesi, quando non hanno più gli anticorpi della madre. Le donne incinte non dovrebbero ricevere il vaccino contro il morbillo perché potrebbe colpire il feto. Il vaccino contro il morbillo funziona molto bene: dopo una dose il 95% dei vaccinati è protetto, dopo due dosi il 99%.

6. Gli adulti non vaccinati dovrebbero vaccinarsi?

Le persone nate prima del 1976 di solito non venivano vaccinate, perché a quel tempo il morbillo non era ancora incluso nel programma di vaccinazione nazionale. Prima del 1965 non esisteva alcun vaccino e quasi tutti contraevano il morbillo, il che significava che le persone sviluppavano una resistenza spontanea. Gli adulti che non hanno avuto il morbillo e non sono vaccinati possono comunque essere vaccinati. Gli operatori sanitari possono sottoporsi alla vaccinazione professionale GGD per proteggere se stessi e gli altri.

La pertosse è inclusa nel programma nazionale di vaccinazione dal 1957. Gli adulti possono ancora essere vaccinati contro la pertosse. Anche se è improbabile che si ammalino di pertosse, sono in grado di impedire che i neonati e altre persone vulnerabili si infettino. L'Health Board consiglia ai datori di lavoro di vaccinare contro la pertosse il personale che lavora con bambini piccoli ogni cinque anni.

READ  "Otzimbico" è un'alternativa al farmaco Otzimbico: cos'è ed è saggio? -Radar

7. I vaccini hanno effetti collaterali fastidiosi?

Il vaccino contro la pertosse contiene piccoli frammenti innocui del batterio della pertosse: fanno sì che il corpo lavori per produrre anticorpi. Nel morbillo, sono i virus indeboliti presenti nel vaccino a fornire l’immunità. Sono ancora vivi, ma non causano più malattie gravi. La vaccinazione può causare dolore o arrossamento nel sito di iniezione, nonché mal di testa e sonnolenza. A volte i bambini diventano un po’ affamati. Il vaccino MMR a volte causa questi tipi di effetti collaterali lievi. In rari casi, i bambini sviluppano convulsioni febbrili circa una settimana dopo l’iniezione di MPR (uno su cinque-diecimila). Si dice che si possa contrarre l'autismo dal vaccino contro il morbillo. Ciò si basava su uno studio fraudolento condotto da un medico che in seguito fu licenziato dalla professione.

8. Le attuali epidemie sono insolite?

Nel RIVM si verifica un'epidemia di morbillo ogni dieci-quindici anni, con l'ultima grande epidemia dieci anni fa. Le segnalazioni quest'anno provengono da persone dell'Est Europa che lavorano qui e da scolari. Tradizionalmente, le grandi epidemie si verificano soprattutto nelle aree con un basso tasso di vaccinazione, ma queste non sono più solo comunità cristiane.

Il RIVM è particolarmente preoccupato per il gran numero di segnalazioni di pertosse: ormai quasi trecento alla settimana. La pertosse raggiunge il picco ogni due o quattro anni, per poi raggiungere il picco nel 2012. Anche qui le epidemie non si limitano più alla Cintura della Bibbia. Il comune di Ede ha il maggior numero di segnalazioni, ma si verifica ovunque nei Paesi Bassi.

© NRC Media