QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I Paesi Bassi vogliono costruire due nuove centrali nucleari a Borreli, vicino al confine belga

Dalla costruzione delle prime centrali nucleari negli anni ’50 e ’60, le centrali nucleari di tutto il mondo hanno subito una trasformazione. Ecco perché stiamo parlando di diverse generazioni di centrali nucleari. La stragrande maggioranza delle centrali oggi in funzione sono di seconda generazione, costruite negli anni ’70 e ’80.

I reattori di terza generazione sono più sicuri dei loro predecessori e sono progettati per durare più a lungo. Userebbero anche meno carburante, lasciando meno scorie nucleari. Nel frattempo, i progetti per le centrali elettriche di quarta generazione sono già stati elaborati.

successo in Cina

Il governo olandese ha dichiarato in un comunicato stampa che “la prima generazione di reattori di terza generazione è stata ora commissionata in altri paesi. Di conseguenza, esiste una vasta esperienza pratica internazionale nella pianificazione e nel finanziamento di questa tecnologia”. Reattori di terza generazione, infatti, sono già stati costruiti o sono in costruzione in molti paesi, come Cina, Giappone, Corea del Sud, Emirati Arabi Uniti e Stati Uniti. In Cina, ci sono già in esecuzione.

Ma non in Europa

Ma in Europa la sua costruzione non sta andando bene. Sia in Francia che in Finlandia sono sorti vari problemi, che hanno causato notevoli ritardi nella costruzione e sono costati diversi miliardi in più del previsto. La centrale elettrica in Francia avrebbe dovuto funzionare per 10 anni, ma non è ancora finita.

Pertanto, la domanda è se i Paesi Bassi riusciranno a costruire due centrali di terza generazione entro dieci anni (la decisione sarà presa solo alla fine del 2024 e le centrali saranno operative nel 2035). “È decisamente realistico”, afferma Luc Pauwels, esperto di energia presso VRT NWS. “In Cina, questa centrale elettrica è stata costruita in 7 anni”. Sottolinea che esistono diversi modelli all’interno dei reattori di terza generazione e sembra che i Paesi Bassi sceglieranno un modello diverso rispetto a Francia e Finlandia.

READ  Il senatore democratico del West Virginia contrasta il piano climatico di Biden

Francia e Finlandia sono già diventate “draghi d’impresa”, dice Powles, “a causa dei dolori della crescita, ma anche a causa del disastro nucleare di Fukushima, che ha inasprito le regole di sicurezza”. “Ma ci sono sicuramente progetti di successo.”