QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I porti australiani hanno smesso di funzionare per diversi giorni a causa di un attacco informatico – Informatica – Notizie

I porti australiani di DP World, il secondo operatore portuale del paese, sono stati colpiti da un attacco informatico. Di conseguenza, il Direttore ha in gran parte interrotto i lavori nei suoi porti. Secondo l’Australia i porti potrebbero rimanere chiusi ancora per diversi giorni.

L’attacco informatico è stato scoperto venerdì sera, dopodiché tutto il traffico Internet nelle porte interessate è stato bloccato a titolo precauzionale per impedire l’accesso non autorizzato alla rete. Si tratta dei terminal container di Melbourne, Sydney, Brisbane e Fremantle. Di conseguenza, al momento non è possibile ritirare la spedizione dalle navi, né far arrivare e partire i camion dai porti. Indipendente ha detto.

Sabato tardi Darren Goldie, coordinatore nazionale della sicurezza informatica in Australia, ha affermato che l’interruzione probabilmente “durerà diversi giorni e avrà un impatto sulle esportazioni e importazioni di merci”. Circa il quaranta per cento del traffico merci australiano avviene attraverso i porti DP World. A proposito Secondo DP World, i carichi sensibili ricevuti nei porti possono ancora essere trattati.

Non è ancora chiaro chi si nasconda dietro l’attacco informatico. Lo fa la polizia australiana Secondo Goldie Le circostanze dell’incidente sono attualmente oggetto di indagine. Non è quindi ancora chiaro di che tipo di attacco si tratti e se si tratti ad esempio di ransomware. DP World sta ancora lavorando per determinare gli effetti dell’attacco sui suoi sistemi e dati, ha affermato la società A Bloomberg.

READ  La Banca nazionale del Regno Unito avverte che "la criptovaluta potrebbe causare una crisi finanziaria grande come nel 2008" | NOTIZIE su Instagram VTM