QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il belga fa scalpore in Italia: “L’Udinese è già interessata”

Il belga fa scalpore in Italia: “L’Udinese è già interessata”

A volte la carriera calcistica presenta strani colpi di scena. Ad esempio, la prossima stagione potrebbe vedere un belga lavorare in Serie A, una Serie A quasi dimenticata nel suo paese d’origine. Dopo aver fallito nel sfondare all’AA Gentil, Jari Vandebutte è diventato un vero fenomeno in Italia.

A 17 anni, il trequartista ha collezionato sette presenze con il Buffalo A-Team nella stagione 2013/14, ma da allora è completamente scomparso dalla scena. Dopo alcuni prestiti di successo al Roeselare e all’FC Eindhoven, nel 2017 si è trasferito in Italia, dove negli ultimi anni ha militato nelle serie inferiori.

Focolaio di Vandeput in Italia

Vandeput gioca nel Catanzaro dal 2021 e lì è davvero esploso. Nelle ultime due stagioni in Serie C ha segnato diciotto gol e 36 assist (!). E ha giocato un ruolo importante nel progresso della sua squadra. Vandebutte sta ancora facendo bene in Serie B. Ha già cinque gol e tre assist in quattordici partite.

Ciò significa che l’ex nazionale giovanile bussa improvvisamente alla porta della Serie A all’età di 27 anni. “C’è stato un certo interesse da parte dell’Udinese in estate”, rivela Vandeput Gianluca Di Marzio. “Ma ero sempre concentrato sul campo e stavo facendo bene con il Catanzaro in Serie B”.

La Serie A si avvicina

In tale concorso, il dottorando mira a mantenersi, ed è sulla buona strada per farlo. Dopo quattordici giornate sono infatti al sesto posto e possono ancora sognare la promozione in Serie A. Se continua così, sembra che Vandebutte finirà comunque la prossima stagione.

“Il primo obiettivo è il recupero. Questo è il mio sogno. Una volta fatto, vedremo”, dice con i piedi per terra. “Voglio finire il più in alto possibile. Serie A, per me sarebbe un sogno che diventa realtà. Mi sto avvicinando sempre di più”.

READ  L'Italia flirta brevemente con il destino, ma fa traboccare il vaso contro la Macedonia del Nord