QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Il divieto europeo è necessario”: le aziende produttrici di acqua potabile scaricano in natura PFAS tossici

“Il divieto europeo è necessario”: le aziende produttrici di acqua potabile scaricano in natura PFAS tossici

Le aziende produttrici di acqua potabile non sanno cosa fare con i PFAS rimasti dopo aver filtrato la nostra acqua potabile. Per questo motivo, secondo un professore di approvvigionamento di acqua potabile, è urgentemente necessario vietare i PFAS nell’UE. “Altrimenti continueremo a pomparlo.”

“È meglio non averlo affatto nell’ambiente piuttosto che purificarlo eventualmente, è meglio trattarlo alla fonte”, afferma Jan Peter van der Hoek, professore di fornitura di acqua potabile alla TU Delft.

Scarico di PFAS in natura

I PFAS, sostanze chimiche che possono essere dannose per l’uomo, si trovano nella nostra acqua. Per produrre acqua potabile, le aziende produttrici di acqua potabile purificano queste sostanze tossiche dall’acqua utilizzando una tecnologia avanzata. Questo per permetterci di bere l’acqua in tutta sicurezza.

Ma secondo una ricerca del Water Research Institute, i residui PFAS vengono reimmessi nella natura da un piccolo numero di aziende produttrici di acqua potabile. Verde di Amsterdam. Le stesse aziende produttrici di acqua potabile indicano di non sapere cosa fare con i PFAS. Non esiste ancora un modo adeguato per ripulire i PFAS.

Il divieto europeo è in divenire

I PFAS si trovano nei pesticidi, nei farmaci, negli indumenti impermeabili impermeabili e in alcune padelle. “È un prodotto ideale perché è idrorepellente e repellente alla vernice, ma lo svantaggio è che non è biodegradabile”, afferma van der Hoek.

Ecco perché si stanno compiendo sforzi per vietare i PFAS. I Paesi Bassi lavorano su questo divieto europeo dal 2020, insieme a Germania, Danimarca, Svezia e Norvegia. Al fine di limitare l’uso di PFAS e proteggere il nostro ambiente e la nostra salute.

READ  Macron presta giuramento e inizia un secondo mandato come Presidente della Francia | all'estero

“Affrontare il problema alla radice”

Anche il fatto che il materiale non sia biodegradabile rappresenta un problema per le aziende produttrici di acqua potabile. Quando purificano l’acqua per poterla bere, rimane un flusso residuo del 20%. Le società idriche non possono fare nulla con questi effluenti rimanenti, che contengono PFAS.

“Trattare il problema alla fonte, invece di risolverlo a valle”, afferma van der Hoek. Ha detto di sostenere il divieto della produzione di PFAS. “Non credo che l’industria smetterà di usare i PFAS da sola, quindi è necessario un divieto. Altrimenti i PFAS continueranno a essere immessi nel sistema.”

“Alla fine, il consumatore deve pagare”.

Per quanto riguarda Van der Hoek si tratta innanzitutto di una questione di principio. “È meglio non averlo affatto nell’ambiente piuttosto che doverlo filtrare”, spiega. “Depurarlo costa anche denaro, e questo è in definitiva qualcosa per cui il consumatore deve pagare”.

Si prevede che la Commissione Europea presenti una proposta finale di divieto agli Stati membri nel 2025. Questa proposta include quindi periodi di transizione in modo che le aziende abbiano abbastanza tempo per rendere il loro processo di produzione completamente privo di PFAS.

Riproduzione audio

Un’azienda di acqua potabile scarica nella natura i PFAS tossici: “È necessario un divieto europeo”

Chiede? Chiediglielo!

Hai qualche domanda o vorresti delle risposte? Mandaci un messaggio qui nella chat. Ogni giovedì nella newsletter Get Involved ti diciamo cosa stiamo facendo con tutte le risposte. Lo vuoi nella tua email? Allora registrati qui.

READ  "Una piccola decisione può capovolgere la tua vita": il britannico mostra come il suo salto da un ponte si sia rivelato sbagliato | All'estero