QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il governo al vaglio di una concessione per la distribuzione dei giornali: ‘Se paghiamo tantissimo, avrà effetto’

Il governo al vaglio di una concessione per la distribuzione dei giornali: ‘Se paghiamo tantissimo, avrà effetto’

© Marc Hermans – Casa dei media

Il governo federale ottiene il diritto di distribuire giornali controllati dalla Corte dei conti e da un revisore esterno. In bilancio si era deciso di risparmiare 50 milioni di euro, ma se le revisioni dovessero dimostrare che tutto è andato storto, per i liberali potrebbe essere molto di più. Sembra che “se si scopre che abbiamo pagato troppi soldi per anni, questo avrà un effetto”.

Arnott Gissels

I risparmi su un franchising di distribuzione di giornali saranno sicuramente realizzati. La domanda è fondamentalmente quanto. Il governo federale stanzia ogni anno 175 milioni di euro per sostenere la distribuzione di giornali e riviste. Durante la preparazione del bilancio, il governo federale ha deciso di fornire 50 milioni di euro. Nel frattempo, molti cadaveri sono caduti dal tesoro.

Anche il CEO di Bpost Dirk Tirez è stato costretto a dimettersi quando un audit interno ha rivelato che potrebbero essere stati stipulati accordi di mercato illegali tra Bpost, il distributore più piccolo PPP e gli editori in archivio. Nel frattempo il tribunale ha effettuato anche perquisizioni domiciliari presso la casa editrice DPG e l’inchiesta giudiziaria è ancora in corso. Ad ogni modo, bpost è riuscita a vincere il franchise per molti anni senza problemi. Perché il governo aveva già scritto la gara d’appalto per adattarsi alla posizione, secondo i ciarlatani.

“Molto ottimista”

Pertanto, gli alti ministri federali hanno deciso in fondo di rivedere a fondo le concessioni degli ultimi anni. L’Audit Bureau e il revisore esterno devono controllare i contratti degli ultimi anni. “Se si scopre che abbiamo pagato troppo per anni”, dicono i liberali, “avrà un effetto”.

READ  YouTube sperimenta i popup per gli utenti che utilizzano gli ad blocker - Audio e video - Notizie

Tuttavia sono in disaccordo con B. S. e il ministro dell’Economia Pierre-Yves Derman. Ha già difeso con forza lo schema durante le discussioni sul budget, quando Open VLD voleva effettivamente eliminare il sussidio. E finora PS si sente che c’è una certa fretta per la nuova gara.

© BELGA

L’offerta attuale scadrà entro la fine dell’anno. Il nuovo regolamento dovrebbe ricevere il via libera dall’Europa e la procedura dovrebbe potersi avviare rapidamente. Se Bpost perde il franchising, nel contratto è previsto anche un periodo di preavviso di sei mesi. Quindi non c’è tempo da perdere. Se dipende da Dermagne, il governo federale prenderà decisioni rapidamente. Vuole poter iniziare la sua offerta entro la prossima posizione di venerdì.

Questo ora suona molto ottimista per i liberali. “Potresti già essere in grado di fare alcuni passi in preparazione, ma non è appropriato indire una gara d’appalto finché non sappiamo cosa produrrà questa revisione”, afferma una fonte governativa. Chissà, potremmo dover tornare a quello.

punto di contesa

La disposizione favorevole per la distribuzione dei giornali è stata per qualche tempo un punto di contesa. Se ne occupa da tempo il partito di opposizione N-VA, favorevole alla demolizione dell’intero sistema. MR Il presidente Georges-Louis Boches ha proposto di sopprimere la distribuzione dei settimanali dal sistema, risparmiando così 50 milioni di euro. Vengono letti più spesso dei giornali su carta. In ogni caso, la differenza di prezzo tra digitale e carta digitale può salire ancora.

E poi rimane la domanda se Bpost sarà in grado di sostenere la diffusione dei giornali se il flusso di supporto continua a prosciugarsi. Anche lì sono in difficoltà finanziarie.

READ  Potatura dell'ortensia: con questi consigli sarà un grande successo

Leggi anche. Appena un anno e mezzo dopo il suo precedente CEO, Bpost ha nuovamente licenziato il CEO a seguito di accuse di frode