QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il governo prende il controllo dei comuni italiani

Il governo prende il controllo dei comuni italiani

Mentre il governo italiano celebra l'approvazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) rivisto da Bruxelles, i comuni sono particolarmente delusi. Il focus del programma (ri)negoziato dal governo è favorevole alle imprese e al settore agricolo. I maggiori perdenti: i governi locali.

sarà preso

Con la revisione del PNRR sono stati tolti ai sindaci ben 10 miliardi di euro. Il denaro alla fine è finito a RepowerEU, che possiede aziende e filiali statali che gestiscono progetti di infrastrutture energetiche. Entro la fine del 2023 l’Italia riceverà 101,9 miliardi di euro su un totale di 194,4 miliardi di euro di nuovi PNRR. L’Italia è l’unico Stato membro dell’Ue ad aver ricevuto il via libera per un quarto mandato.

Altre risorse

Il ministro degli Esteri Raffaele Fito si è impegnato a finanziare i progetti esclusi dal piano con altre fonti, tra cui il Fondo per lo sviluppo e l'integrazione. “L'Italia e l'Europa hanno un'ottima collaborazione, l'emendamento è stato negoziato e abbiamo rispettato la scadenza”, ha detto Fito. La portata del progetto italiano non può essere paragonata a quella di altri paesi. Abbiamo ridefinito e modificato 145 obiettivi. Una volta che la Commissione avrà approvato l’emendamento, inizierà un processo tecnico che porterà all’approvazione definitiva da parte del Consiglio UE. E poi abbiamo la struttura finale.'

Approvato

Undici proposte di modifica della quarta tranche sono già state approvate dalla Commissione europea e da tutti i ministri degli Esteri europei. Al momento la revisione del PNRR non ha portato ufficialmente ad una decisione che cambierebbe la situazione attuale. Nessun progetto è definito. Sono in vigore i decreti e le convenzioni firmati dai Comuni. Tuttavia, i sindaci italiani trattengono il fiato in attesa dell'annuncio del governo su una modifica dei finanziamenti. L'Associazione nazionale comuni italiani (ANCI) esorta il ministro Fito e il governo ad accertarsi del destino di intere zone del Paese.

Passarono giorni, settimane e mesi, ma nessuno disse da che parte dovessero arrivare queste risorse dirottate.

Con cura

Finora, i comuni hanno presentato piani di ripresa dal coronavirus, che il governo ha approvato e ha formalmente impegnato risorse economiche per attuare. I comuni hanno poi presentato bandi di gara per i progetti, ma non appena sono iniziati i lavori, è arrivato un nuovo governo e ha cambiato le carte in tavola: i soldi sarebbero arrivati ​​altrove, non attraverso il PNRR. Passarono giorni, settimane e mesi, ma nessuno disse da che parte dovessero arrivare queste risorse dirottate.

READ  Il futuro talento degli Emirati Arabi Uniti Juan Ayuzo si mostra in Italia

Ancora più veloce

'Non sappiamo quali criteri il governo abbia proposto alla Commissione europea per ritirare dal PNRR diversi compiti e progetti assegnati ai Comuni. Ecco perché non sappiamo nemmeno quali di questi lavori saranno nel PNRR e quali no”, spiega il presidente dell'Anci e sindaco di Bari Antonio Degaro. Ma non ci arrendiamo, anzi, stiamo svolgendo i compiti ancora più velocemente e rispettando le scadenze come abbiamo fatto finora. Il ministro Fito ha promesso di trovare nuove fonti di finanziamento partendo dai fondi statali esistenti senza intaccare i fondi già assegnati ai comuni. Saremo molto vigili a questo riguardo. Quando uscirà il nuovo decreto sul PNRR i nostri sindaci dovranno essere sicuri di come verranno finanziate le opere che in molti casi sono già state pagate.

Ritardo

L'Anci, l'omologo dell'organizzazione comunale olandese VNG, teme che le nuove regole e il cambiamento delle fonti di finanziamento modificheranno le garanzie attuative e le agevolazioni procedurali precedentemente ottenute. “È evidente che le semplificazioni che abbiamo ricevuto per le opere finanziate dal PNRR si sono rivelate fondamentali per l'avanzamento dei lavori”, ha affermato Degaro. Anche se queste opere non sono finanziate dal PNRR ma da altri fondi statali. Altrimenti corriamo il rischio che i cantieri vengano ritardati e bloccati, ad esempio a causa di azioni legali. Non lo vogliamo neanche noi.”

Questa pubblicazione è resa possibile grazie al contributo del Fondo Media dell'Unione Europea. Leggi la storia completa su BB24 questa settimana (accedi).