QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il ministro della Difesa israeliano svela il piano del dopoguerra: “I palestinesi devono governare Gaza e non c’è spazio per gli insediamenti”

Il ministro della Difesa israeliano svela il piano del dopoguerra: “I palestinesi devono governare Gaza e non c’è spazio per gli insediamenti”

A prima vista, sembra che il Primo Ministro Netanyahu stia assumendo una posizione leggermente meno estrema rispetto ai suoi ministri di estrema destra, ma l’obiettivo finale sembra essere lo stesso (Gaza sotto il dominio israeliano). Ad esempio, ha già chiarito di sostenere “l’immigrazione volontaria” per i palestinesi che vogliono lasciare la Striscia di Gaza. Dovranno quindi emigrare all’estero.

Più facile a dirsi che a farsi. Il vicino Egitto ha chiarito all’inizio della guerra che non intendeva reinsediare (parte dei) 2,3 milioni di palestinesi della Striscia di Gaza nel deserto del Sinai. Secondo Netanyahu, il governo sta negoziando con altri paesi per accettare i palestinesi. Secondo un sito di notizie israeliano, il Congo sarebbe già pronto a farlo, almeno secondo una fonte anonima di alto rango all'interno del gabinetto di sicurezza. Ma sono in corso discussioni anche con altri paesi.

La domanda è anche: quanti palestinesi vogliono lasciare Gaza? Alcuni ministri israeliani sottolineano che le condizioni di vita a Gaza non miglioreranno dopo la guerra, che non ci sarà un governo adeguato e che gli abitanti di Gaza dipenderanno dagli aiuti umanitari. In altre parole, non avranno molta scelta. Ma per i palestinesi ciò significa ripetere la Nakba, l’espulsione di circa 750.000 palestinesi dai loro villaggi e città alla fine degli anni Quaranta, quando fu fondato lo Stato di Israele.

READ  Viva l'Ucraina. Gli USA avvertono della caduta dell'assediata Avdiivka: Kiev ritira le sue forze e perde la principale via di rifornimento | Guerra Ucraina-Russia