QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il regista Ken Loach è stato espulso dal partito laburista

Il regista britannico Ken Loach, noto per le sue serie di realtà sociali, afferma di essere stato espulso dal partito laburista. Lo dice su Twitter. Sta parlando di una “caccia alle streghe”.

Le cose stanno brontolando all’interno del partito laburista di sinistra, i nemici giurati dei conservatori conservatori. Il leader laburista Keir Starmer ha promesso di mettere le cose in ordine. per me guardiano Si parla persino di “eliminare” le fazioni di estrema sinistra all’interno del partito. In questo modo, il leader sta cercando di fare la differenza con il suo predecessore Jeremy Corbin.

Il regista Ken Loach suggerisce di essere stato cacciato dalla festa per questo motivo. “La dirigenza laburista ha finalmente deciso che non sono idoneo a rimanere nel partito perché non voglio allontanarmi da coloro che sono già stati licenziati”, ha scritto su Twitter. Dice anche di essere orgoglioso di stare al fianco dei suoi “amici e compagni intimi che sono stati vittime dell’epurazione”.

Il partito laburista non ha ancora commentato la notizia.

festa divisa

Loach è un sostenitore del predecessore di Keir Starmer, Jeremy Corbyn, che sosteneva una politica molto più di sinistra. È stato espulso dal partito l’anno scorso per “minimizzare” l’antisemitismo nel partito, secondo la direzione del partito. Da allora, il Partito Laburista è diventato più diviso che mai. Inoltre, ha difficoltà a conciliare cittadini, persone di sinistra e lavoratori nel cuore della zona industriale.

READ  L'emittente Piers Morgan è subito dopo l'ufficialità...

Intervista a Ken Loach: “L’Unione Europea è il nemico dei lavoratori”

Il socialista Ken Loach non è particolarmente attivo politicamente, ma simbolicamente è un peso massimo. Nel 2016, il regista 85enne ha vinto la Palma d’Oro per il suo film socialmente sensibile Sono Daniel BlakeA proposito di consegna pacchi. È noto per essersi attaccato al piccoletto.

Ha lasciato il partito una volta negli anni ’90 a causa della sua insoddisfazione per le politiche di Tony Blair. Sotto la guida di Jeremy Cropin, è tornato in azione.