QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il Technicum: edificio giallo a Muinkschelde

Il Technicum: edificio giallo a Muinkschelde

Risalente agli anni '20, Technicum è un promettente ingegnere civile Gustavo MagnellImmigrato a Londra durante la prima guerra mondiale, tornò poi in patria in Belgio. Ha lavorato come direttore delle prove e direttore d'orchestra all'Università di Gent. L'ingegnere laborioso dovette accontentarsi di un laboratorio improvvisato alla stazione di Saint Peters, inadatto alla ricerca scientifica. Nel 1932, l'Università statale decise di costruire il Technicum per soddisfare la necessità di laboratori tecnici. ingegnere strutturale Jean Norbert Cloquet I progetti sono stati elaborati in collaborazione con Magnel, specialista in strutture in calcestruzzo e malta. Il risultato di questa collaborazione è visibile dal 1938 sotto forma di un complesso edilizio giallo lungo la Muinkschelde.

Cibo per la mente

Nei suoi primi anni, Technicum faceva parte della Facoltà di Scienze Applicate. Per diversi decenni, i ricercatori hanno condotto ogni giorno esperimenti sui quattro blocchi. Nel 1972 gli scienziati applicati dovettero cedere il passo ai dipartimenti della Facoltà di Ingegneria. Gli esperimenti artistici si sono trasferiti nel nuovo campus Ardoyen a Zwijnaarde.

“Per decenni, i ricercatori hanno condotto esperimenti ogni giorno al Technicum”.

Sotto il logo Cibo per la menteIn una parte dell'edificio ha trovato la sua prima sede anche il ristorante studentesco di De Brug. Nel 1960 il ristorante si trasferì in uno spazio proprio vicino al lato della strada. Ma la base originaria getta ancora uno sguardo favorevole sul complesso figlio attraverso la sua ombra.

Un vivace centro studentesco

Nel 2006 la centrale termoelettrica Teknikum, caratterizzata dall'alta ciminiera cilindrica, è stata restaurata e riutilizzata come casa dello studente. Il Therminal, come è stato battezzato lo Student Center, è rimasto nel corso degli anni un vivace centro di coinvolgimento degli studenti. Anche la redazione di Shaper ha una modesta sede qui. Nel frattempo anche la Facoltà di scienze politiche e sociali ha trovato casa all'interno del recinto di tegole gialle. Sebbene l’ulteriore trasferimento e restauro fosse stato pianificato fin dal 2010, in realtà è avvenuto solo nel 2021, dopo diversi ritardi. Ora l'edificio a forma di L tra l'UFO e il ponte contiene uffici, diverse sale e la nuova biblioteca della facoltà come un capolavoro. da sfortuna Arriva tardi in una giornata impegnativa, e dovrà sedersi su uno scomodo sgabello da bar per lavorare – letteralmente – dall'alto. Fortunatamente, ora puoi portare la tua borsa con te al tuo posto, a differenza della vicina Biblioteca Rozier, dove sei costretto a mettere le tue cose in un armadietto semifunzionante. Un piccolo vantaggio nell'inconveniente di una giornata impegnativa.

READ  Principianti, nota del pollice verde!