QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Pacific Drive” è un gioco speciale, ma questo mix di routine, tensione e frustrazione non è per tutti |  Giochi

“Pacific Drive” è un gioco speciale, ma questo mix di routine, tensione e frustrazione non è per tutti | Giochi

Recensione del giocoUn film horror, con un'intensa tensione e un disastro cinematografico, ma non privo di momenti zen, questo è “Pacific Drive”. Tuttavia, è anche routine, con innumerevoli frustrazioni grandi e piccole. Gioco di sopravvivenza, gioco roguelite e simulatore di meccanica automobilistica. È originale, è vendicativo, crea dipendenza, è maledetto… beh, “Pacific Drive” è molte cose, ma sicuramente non è per tutti.

Fatevi un favore e tuffatevi direttamente nel “nuovo gioco”. Giocare con le preimpostazioni di gioco porta a perdere gran parte di quella scoperta iniziale. Puoi sempre tornare indietro – e la maggior parte delle persone lo farà senza dubbio – per apportare alcune modifiche. Una volta iniziato, guarderai attraverso gli occhi del tuo personaggio senza nome sul cruscotto della tua auto sulla punta boscosa nord-orientale degli Stati Uniti. Sfortunatamente, questo è anche il luogo in cui si trova la Zona di esclusione olimpica, la tua nuova casa virtuale su Pacific Drive… che potresti cancellare in modo insoddisfacente dal tuo disco rigido dopo sei ore, o il luogo da cui ti ritroverai regolarmente attratto entro un mese O due.

Dentro, fuori e ritorno in zona

Questa “zona di esclusione” può essere paragonata ai paesaggi inquietanti e spesso desolati di “STALKER” (il gioco, ma sicuramente anche il film di Tarkovki, che non ha quelle maiuscole), dominati da fenomeni paranormali. C'è anche chiaramente del materiale di ispirazione: “Annihilation” (il libro e il film), e da qualche parte anche un po' di “Death Stranding” e, in termini di ambientazione e atmosfera, forse anche un po' di “Alan Wake”. Un'area chiusa al mondo esterno e tu devi rivelarne il segreto. Bello e tutto, ma non è per questo che continui a giocare a “Pacific Drive”.

©Ironwood Studios

La base principale da cui conduci esplorazioni sempre più profonde è un garage remoto, sorprendentemente ben attrezzato, con opzioni di costruzione e aggiornamento altamente sperimentali. Hai bisogno di cose per questo e puoi ottenerle dalla zona. Alcuni giocatori esperti hanno già riconosciuto il ciclo di gioco. Vai nell'area, disegna quello che puoi lì e, si spera, torni. Puoi utilizzare il tuo bottino per potenziamenti e creare nuovi oggetti che ti consentiranno di entrare nell'area meglio equipaggiato la prossima volta, per riportare indietro più e migliori oggetti. Questo è assolutamente vero, è stato detto con un accento importante: lo fai e tu conduci “il resto”. Sulla carta si tratta di un elemento misterioso centrale nella trama, ma in realtà si tratta di un'auto americana mezza arrugginita dei primi anni '70, di quelle che una volta chiamavano station wagon e che oggi chiamiamo abitualmente station wagon.

READ  Diablo 4 uscirà su Xbox Game Pass il 28 marzo

Ironwood Studios
©Ironwood Studios

Un rapporto di amore-odio a quattro ruote

Questa “station wagon” è importante per l'intera esperienza tanto quanto la tua personalità. Costruirai quel veicolo a quattro ruote e lo modificherai per adattarlo al tuo gioco e al tuo stile di guida con cose come spazio di archiviazione aggiuntivo e pneumatici fuoristrada. E anche utilizzando strane tecnologie e gadget per aiutare a sopravvivere alle anomalie occasionali o fatali nell'area. Non è che l'auto ti parli, ma sviluppa il carattere, comprese le “stranezze” o tratti della personalità per cui puoi fare qualcosa. Forse uno dei punti più forti dell'intero gioco è il modo in cui sviluppi un rapporto di amore-odio con quell'auto.

Ironwood Studios
©Ironwood Studios

L'intero ciclo di bottino e il sistema di aggiornamento sono complicati e non tutto è spiegato chiaramente. Tuttavia, non diventa mai travolgente. Mantenere la tua auto è tanto profondo quanto banale. Naturalmente partirai ogni volta il più equipaggiato possibile e con tutto il materiale che ritieni di aver bisogno lungo il percorso. Una volta raggiunte le aree, tieni d'occhio il serbatoio del carburante e la batteria. Puoi riparare pneumatici, riparare fari e con il banco da lavoro nella borsa (e le cose che hai trovato nel frattempo) puoi creare tutti gli oggetti di cui hai bisogno in quel momento.

Ironwood Studios
©Ironwood Studios

Attento alla testa

Sembra una cosa molto pratica e lo è. Ad esempio, inizialmente devi mettere la leva del cambio in posizione di parcheggio ogni volta che scendi. Un'auto che rotola all'indietro verso una roccia pericolosa o un'anomalia è divertente solo se non sei tu a inseguirla. Puoi anche spegnere il motore, le luci ed eventualmente i tergicristalli prima di uscire. Dopotutto, una batteria standard dura solo un certo periodo. Quando ritorni, esegui questa routine in ordine inverso, magari ripetendola a cinquanta metri di distanza. A proposito, questo è il primo gioco in cui puoi far cadere la porta di una valigia sulla tua testa. E sì, subisci danni fisici.

READ  NaturaOggi | La natura a portata di mano: Creeper

Ironwood Studios
©Ironwood Studios

Queste routine noiose e realistiche sono in netto contrasto con l'ambiente atmosferico spesso impressionante. Può cambiare in qualsiasi momento da uno stato desolato ma pacifico a uno stato allucinatorio e pericoloso per la vita. Robot fluttuanti, pezzi di terra che si sollevano all'improvviso, seghe circolari giganti che attraversano la strada, elettricità strisciante, polvere radioattiva, anomalie che prendono il controllo del tuo volante o prendono di mira i tuoi pneumatici… l'area fa del suo meglio per fornire un equilibrio emozionante. Il meccanismo con cui “viaggi” dall'ultima posizione del percorso predeterminato fino al tuo garage rimane valido per la scena anche per la cinquantesima volta.

Ironwood Studios
©Ironwood Studios

Armeggiare con il telaio e le impostazioni dell'auto

Visiterai ciascuna delle singole aree sulla mappa più volte. Soprattutto quando lo passi in direzione di zone sempre più remote. Solitamente i metodi rimangono gli stessi, ma la sfida è ogni volta diversa. Con un diverso mix di anomalie, luoghi di bottino e condizioni meteorologiche, sia soprannaturali che non. Tali aree sono quindi in gran parte realizzate in loco. Ciò lo mantiene “fresco”, ma può far sì che le tue possibilità di sopravvivenza passino da completamente possibili a talvolta ingiustamente impossibili. Se fallisci, non solo perderai da quindici minuti a un'ora e mezza, ma perderai anche gran parte del tuo sudato bottino. Per non parlare dei danni alla tua auto. Perché puoi salvare il gioco solo nel garage.

Ironwood Studios
©Ironwood Studios

Ovviamente qualcosa del genere ne fa parte. Dopotutto, “Pacific Drive” è un gioco di sopravvivenza. Se il tuo smalto dei denti rischia di rompersi o stai per cancellare il gioco dal disco, ti consigliamo di mantenere aperte queste impostazioni. Lì vedrai opzioni intelligenti e spesso molto specifiche per sbarazzarti di qualche routine non necessaria e magari fare qualcosa di simile con l’imprevedibile. Ma non esagerare. L'equilibrio sarà diverso per ognuno, ma quella ripetizione, il gameplay pratico e quella casualità sono tutte cose che secondo noi rendono “Pacific Drive” uno dei giochi più memorabili dell'anno scorso.

READ  3 nuove funzionalità per Google Maps: eco-tracce e navigazione in bici

Ironwood Studios
©Ironwood Studios

Quel punto debole che non fa mai male

Abbiamo accumulato ormai diverse centinaia di chilometri virtuali e una quarantina di ore reali. La storia o il mistero dietro queste aree non ci interessa più. Guidiamo ancora regolarmente il nostro quattro ruote, che ora è quasi irriconoscibile. A volte avanziamo in zone inesplorate, altre volte ci dirigiamo in zone davvero inaffidabili per saccheggi mirati. Sappiamo come trovare ciecamente ciascuno dei nostri strumenti nei nostri tre contenitori. Abbiamo ricercato, prodotto e installato il nostro sistema di parcheggio automatico. Tuttavia, c'è ancora molto da sbloccare sia negli aggiornamenti che nella geografia. Il mondo ha anche un discreto numero di problemi che non verranno affrontati fino alla fine del gioco o forse anche più tardi.

Ironwood Studios
©Ironwood Studios

Quaranta ore sono un tempo lungo per un gioco che si ama o si odia. Preferiamo chiamarlo un gioco di amore e odio. Capire pienamente se ti arrendi molto prima o se eviri il gioco tramite le impostazioni per dare una leggera ombra di ciò che i creatori del gioco avevano in mente. Abbiamo trovato il nostro “punto debole” e, se si scopre che potremmo avere tendenze un po' più masochistiche di quanto pensassimo, questo rende “Pacific Drive” ancora più speciale.

“Pacific Drive” è disponibile per PC e PS5 dal 22 febbraio. Da noi il gioco prende 8/10.