QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il telescopio spaziale James Webb mostra i “pilastri della creazione”

Foto: Joseph DePasquale (STScI), Anton M. Quiquemore (STScI), Alyssa Pagan (STScI) / NASA / ESA / CSA

Il telescopio spaziale James Webb della NASA ha catturato paesaggi lussureggianti e altamente dettagliati dei famosi Pilastri della Creazione mentre nuove stelle si formano all’interno di spesse nubi di gas e polvere. Le colonne tridimensionali assomigliano a maestose formazioni rocciose, ma sono molto più porose. Questi pennacchi sono costituiti da gas e polvere interstellari freddi che a volte appaiono traslucidi nella luce del vicino infrarosso.

La nuova immagine di Webb dei Pilastri della Creazione, resa popolare per la prima volta quando il telescopio spaziale Hubble della NASA l’ha ripresa nel 1995, aiuterà i ricercatori a rivedere i loro modelli per la formazione stellare creando un conteggio più accurato delle stelle di nuova formazione. nella regione. Col tempo, acquisiranno una comprensione più chiara di come le stelle si formano ed emergono da queste nubi di polvere nel corso di milioni di anni. Le stelle di nuova formazione sono al centro di questa immagine della webcam nel vicino infrarosso (NIRCam). Queste sono sfere di colore rosso brillante che di solito hanno picchi di diffrazione e si trovano all’esterno di una delle colonne di polvere. Quando si formano nodi di massa sufficiente in colonne di gas e polvere, collassano sotto l’influenza della propria gravità, si riscaldano lentamente e alla fine formano nuove stelle.

Che dire di quelle linee ondulate simili a lava sui bordi di alcune colonne? Questi sono espulsi dalle stelle che si stanno ancora formando in gas e polvere. Le giovani stelle emettono regolarmente raggi ipersonici che si scontrano con nubi di materia con pennacchi così spessi. Questo a volte porta anche a scossoni di prua, che possono formare schemi ondulati come una barca che si muove nell’acqua. Il bagliore cremisi proviene da molecole di idrogeno energetiche prodotte da getti e urti. Questo può essere visto chiaramente nel secondo e nel terzo pilastro dall’alto: l’immagine NIRCam è quasi in fermento con la sua attività. Si stima che queste giovani stelle abbiano solo poche centinaia di migliaia di anni. Sebbene sembri che Webb possa penetrare le nuvole usando la luce del vicino infrarosso per rivelare vaste distanze cosmiche dietro i pennacchi, in questa immagine non ci sono quasi galassie. Una miscela di gas trasparente e polvere nota come mezzo interstellare nella parte più densa del disco della nostra galassia, la Via Lattea, oscura la nostra visione di gran parte dell’universo più interno.

READ  Eiland geflipt in Fortnite Capitolo 2 Stagione 8 The End

Sulla sinistra, i Pilastri della Creazione sono stati fotografati dal Telescopio Spaziale Hubble e sulla nuova destra
Immagine del telescopio spaziale James Webb – Immagine: NASA/ESA/CSA

Questa regione è stata fotografata per la prima volta da Hubble nel 1995 e rivisitata nel 2014, ma anche molti altri osservatori hanno esaminato in profondità questa regione. Ogni strumento avanzato fornisce ai ricercatori nuovi dettagli su questa regione, che è praticamente traboccante di stelle. Questa immagine ritagliata si trova nella massiccia Nebulosa dell’Aquila, che si trova a 6.500 anni luce di distanza.

Il James Webb Space Telescope è il principale osservatorio di scienze spaziali del mondo. Webb risolverà i misteri del nostro sistema solare, guarderà oltre i mondi lontani attorno ad altre stelle ed esplorerà le misteriose strutture e origini del nostro universo e il nostro posto in esso. Webb è un programma internazionale guidato dalla NASA con i suoi partner ESA (Agenzia spaziale europea) e CSA (Agenzia spaziale canadese).

fonte: NASA/ESA/CSAO